Img Top pdp IT book
Salvato in 453 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Discorso sulla servitù volontaria
8,08 € 8,50 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+80 punti Effe
-5% 8,50 € 8,08 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,08 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
8,08 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Discorso sulla servitù volontaria - Etienne de La Boëtie - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Discorso sulla servitù volontaria Etienne de La Boëtie
€ 8,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Talismano dei disobbedienti, manifesto segreto di ogni libertario: il "Discorso della servitù volontaria" è un capolavoro clandestino che non perdona. Intrattabile e senza fissa dimora dal giorno in cui vide la luce, contiene la resa dei conti di un giovane e di un nobile, Étienne de La Boétie incarna entrambe le qualità, con le passioni collettive più enigmatiche da decifrare: la paura della libertà e l'ansia della dipendenza. L'oppressione si regge infatti anche sulla connivenza delle vittime, uomini che amano le proprie catene più di se stessi.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2014
Tascabile
26 febbraio 2014
125 p., Brossura
9788807900822

Valutazioni e recensioni

4,75/5
Recensioni: 5/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Ginevra Tomaselli
Recensioni: 5/5

Lessi per la prima volta questo libro a quindici anni e, puntualmente, ogni anno lo riprendo in mano per leggerlo e carpirne così significati nascosti. Nonostante l'argomento verta sulla politica, il libro è scritto con un linguaggio semplice ed immediato, capace di farsi capire e di mettere in risalto tutte quelle problematiche che, a distanza di anni, ancora non siamo riusciti a superare.

Leggi di più Leggi di meno
barbara di mezza
Recensioni: 4/5

La mia esperienza con questo volumetto esemplifica perfettamente l'antico detto del "non giudicare un libro dalla sua copertina". Quando il mio compagno mi ha proposto questa lettura, non ho nemmeno voluta prenderla in considerazione. Tuttavia sin dalle prime pagine mi sono dovuta ricredere in quanto mi sono ritrovata totalmente immersa e sopraffatta dallo scritto di questo ragazzo poco più giovane di me. Non è una lettura facile; richiede molta attenzione è un po' di riflessione su un tema così complesso ma tuttavia ancora così contemporaneo. Nonostante i 500 anni che ci separano dagli anni di questo giovane scrittore, il tema proposto è tutt'ora applicabile alle problematiche del mondo in cui noi oggi viviamo. Una citazione tratta da un film di poco tempo fa dà un'idea chiara del tema proposto: "Crescere come il figlio di un grosso proprietario di una piantagione del Mississipi, pone un uomo bianco in contatto con tutta una abbondanza di facce nere. Ho passato tutta la vita qui, proprio qui... A Candieland. Circondato da facce nere. A vederle tutti i giorni, un giorno dopo l'altro mi chiedevo sempre una cosa: perché non ci uccidono?". Il volume inoltre è dotato da altri due approfondimenti redatti da due filosofi dei nostri tempi, i quali cercano di chiarirci le idee e attuarle cercando di rendere questa lettura comprensibile e intellettualmente utile.

Leggi di più Leggi di meno
Andrea Di Carlo
Recensioni: 5/5

Guardati da chi ti comanda! Potrebbe essere questo un idoneo sottotitolo per questo potente libercolo che condanna, apertis verbis, qualsiasi governante. Etienne De La Boétie sintetizza che è l'uomo stesso a trovarsi comodo nelle catene di chi lo comanda, tanto da non capire di non essere libero, ma eternamente schiavo del potere. E allora bisogna disarcionare qualsiasi potere e qualsiasi potere, attuare qualsiasi forma di non collaborazione, far sì che sia scomoda la testa di chi porta la corona. Vivamente raccomandato.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,75/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore