Lettere a Mita
Subito Disponibile
Prezzo solo online:

24,70

€ 26,00 -5%
Aggiungi al carrelloPrenota e ritiraVerifica disponibilità in Negozio

Vuoi ricevere informazioni su i tuoi prodotti preferiti?

Incontra il libraio

Descrizione

Le 240 lettere che l'autrice scrisse all'amica Margherita Pieracci (la Mita del titolo) tra il 1956 e il 1975. In esse si esprime una gamma mutevole e cangiante di intonazioni, sentimenti e sfumature e, su tutto, la ricerca instancabile della verità e della bellezza. Ma pure lo sgomento, il dolore e persino l'angoscia si fanno parola poetica -e a volte preghiera.

Quarta di copertina

Ha ventidue anni Margherita Pieracci - la Mita a cui sono indirizzate queste lettere allorché, nel novembre del 1952, chiede a Vittoria Guerrini, che ne ha allora ventinove - e che adotterà poi, fra gli altri, lo pseudonimo di Cristina Campo -, di poterla incontrare per parlare con lei di La Pesanteur et la gráce, dalla cui lettura è uscita profondamente turbata. Comincia così, sotto il segno e nel nome di Simone Weil, un'amicizia che avrà fine solo con la morte di Vittoria, ventiquattro anni dopo, e si nutrirà, nei lunghi periodi durante i quali le due amiche saranno separate, di uno scambio epistolare affettuoso e costante. Le duecentoquaranta lettere scritte a Mita fra il 1956 e il 1975, che vengono presentate qui con la cura appassionata della stessa Margherita Pieracci, offrono ai lettori della Campo una cornice in cui inscrivere le poesie e i saggi che videro la luce in quegli anni (anni sui quali aprono spiragli di un fulgore talvolta crudele, che riduce le cose, secondo le parole di John Donne, «a coraggiosa chiarezza»). Al contempo, tuttavia, sono un'opera compiuta in se stessa, e di straordinaria qualità letteraria. Mai come nelle lettere la scrittura della Campo riesce a esprimere una gamma così mutevole e cangiante di intonazioni e di sfumature: se in certi momenti può farsi cullante, e quasi incantatoria, in altri è sferzante, aspra, risentita; ma sempre, in esse, la profondità di un pensiero la cui densità risplende in limpidissime gemme anche quando sembra limitarsi a suggerire la lettura di un libro o a formulare un giudizio, e la ricerca instancabile della verità e della bellezza, ma pure lo sgomento e il dolore, e persino l'angoscia, si fanno parola poetica.

Dopo aver letto il libro Lettere a Mita di Cristina Campo ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli

Parole chiave laFeltrinelli:

diari e lettere, autobiografie: letterati




I Nostri Partner


 
Cardif
 
Allianz Direct

Top Cristina Campo

Visualizza tutti i prodotti