Sarajevo la cosmopolita

Sarajevo la cosmopolita

Musulmani, ebrei e cristiani nell’Europa di Hitler

di Emily Greble

 
Aggiungi al carrelloPrenota e ritira

Descrizione

“Che la cultura distintamente pluralista di Sarajevo sia sopravvissuta alle devastazioni della Prima guerra mondiale è degno di nota; che quella stessa cultura non solo si sia preservata ma addirittura abbia prosperato a dispetto della guerra e dei genocidi del secondo conflitto mondiale è straordinario.”

Quarta di copertina

La città di Sarajevo ha avuto il paradossale destino di essere insieme un simbolo della violenza politica lungo l’intero ventesimo secolo (dall’attentato di Gavrilo Princip nel 1914 all’assedio degli anni novanta) e un modello europeo di cosmopolitismo e pacifica convivenza tra identità religiose, etniche e culturali diverse, grazie alla coscienza civica dei suoi abitanti. Fin dalla fondazione nel quindicesimo secolo, è stata città multiconfessionale e multietnica. Vi hanno convissuto le comunità musulmana, cattolica, serbo-ortodossa ed ebraica. I cittadini erano bosniaci, serbi, croati, ebrei sefarditi e askenaziti, rom e di altre minoranze. La vita cittadina venne però stravolta quando nel 1941 Sarajevo cadde sotto il controllo della Germania di Hitler e fu incorporata nello Stato indipendente di Croazia, uno dei più brutali stati satellite del nazismo, sotto il regime degli ustascia. Sebbene luogo periferico nel conflitto mondiale, Sarajevo affrontò una serie di emergenze e crisi umanitarie provocate dalle politiche nazionali e internazionali, e si dovette confrontare con le nuove ideologie del tempo. Il suo complesso mosaico di identità, caratteristico dei vecchi imperi multinazionali, iniziò a incrinarsi. Saltarono equilibri e si manifestarono spinte centripete, quando gli ustascia sferrarono il loro feroce attacco a serbi, ebrei e rom, e poi con l’esplosione della guerra civile sotto l’incalzare dei partigiani comunisti e dei cetnici. Le diverse comunità, che al loro interno non erano monolitiche, reagirono in vario modo alle sfide dell’occupazione e della guerra per tutelare i valori della città e la sicurezza della propria gente. Greble analizza le scelte quotidiane e le misure concrete dei leader locali, per capire che cosa ne sia stato in quel drammatico frangente del multiculturalismo incarnato da Sarajevo. Un caso significativo per gli interrogativi urgenti che pone sulla convivenza nel pluralismo culturale e religioso.

Dopo aver letto il libro Sarajevo la cosmopolita di Emily Greble ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Totale delle Recensioni

Media Recensioni (1)
4 Stelle
 
(0)
3 Stelle
 
(0)
2 Stelle
 
(0)
1 Stelle
 
(0)
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Conosci l'autore

Biografia

Emily Greble
Emily Greble è storica specializzata in studi dell’Europa orientale e dei Balcani, in particolare dei paesi della ex Iugoslavia. I suoi interessi vertono sulle questioni del nazionalismo, della guerra, delle trasformazioni sociali e dell’Islam in Europa. Attualmente insegna Storia al City College di New York. Feltrinelli ha pubblicato Sarajevo la cosmopolita (2012).

Dettagli

  • GenereGenerale
  • Listino:€ 25,00
  • Editore:Feltrinelli
  • Collana:Storie
  • Data uscita:19/09/2012
  • Pagine:368
  • Formato:brossura
  • Lingua:
  • Traduttori:Carlo Capararo
  • EAN:9788807111167




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


Cardif
 
Dogalize
 
Dogalize

Top Emily Greble

Visualizza tutti i prodotti