Favole al telefono

Favole al telefono

di Gianni Rodari

 

Descrizione

"C'era una volta il ragionier Bianchi, di Varese. Era rappresentante di commercio e sei giorni su sette girava l'Italia intera vendendo medicinali. La domenica tornava a casa sua e il lunedì mattina ripartiva. Ma prima che partisse la sua bambina gli diceva: Mi raccomando papà: tutte le sere una storia... Così ogni sera, dovunque si trovasse, alle nove in punto il ragionier Bianchi chiamava al telefono Varese e raccontava una storia alla sua bambina. Questo libro contiene appunto le storie del ragionier Bianchi. Sono tutte un po' corte: per forza, il ragioniere pagava il telefono di tasca sua, non poteva mica fare telefonate troppo lunghe".

Dopo aver letto il libro Favole al telefono di Gianni Rodari ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Conosci l'autore

Biografia

Gianni Rodari
Gianni Rodari (Omegna, 1920 - Roma, 1980), insegnante, giornalista e scrittore di libri e programmi televisivi per l’infanzia notissimo in Italia come in molti paesi stranieri, ha contribuito a rinnovare profondamente la letteratura per i ragazzi. I suoi libri sono stati tradotti in molte lingue e hanno ottenuto diversi riconoscimenti, tra cui il «Premio Andersen» nel 1970. Negli anni ’50 Gianni Rodari tratta la filastrocca come “giocattolo poetico”. Ricollegandosi ai surrealisti francesi (Breton, Queneau) e alle ricerche dei linguisti (Martinet), teorizzerà l’importanza, per i bambini, della poesia vissuta come gioco. E intanto scrive una poesia ludica che recupera ritmi e suoni delle filastrocche della tradizione orale, esplora le potenzialità della lingua ed attinge al potere combinatorio e liberatorio delle parole. Oggi la poesia per ragazzi è questa, e nelle scuole si gioca a “fare poesia”. Nei primi anni ’70 Rodari scrive la Grammatica della fantasia, ovvero l’arte di inventare storie. Le tecniche rodariane del binomio fantastico, del “che cosa accadde dopo” e del “cosa succederebbe se …” anticipano le proposte della scrittura creativa e oggi continuano ad essere impiegate dagli autori per ragazzi e dagli insegnanti. Molti dei suoi racconti più belli nascono proprio da uno scarto semantico, dall’accostamento inedito tra due parole. Nascono dalla possibilità di sfruttare gli errori dei bambini. L’attualità di Rodari è tutta qui, nella poetica della “fantastica”, in una concezione ironica ed autoironica della realtà che gli deriva da Alfonso Gatto e da Cesare Zavattini e con cui affronta le tematiche civili e sociali della pace e della guerra, dell’emigrazione, dell’ingiustizia, della disuguaglianza e della libertà. La scrittura di Rodari, a più di trent’anni dalla scomparsa, mostra intatta tutta la sua forza innovativa.

Dettagli

  • Genere0-5 anni
  • Editore:Einaudi
  • Collana:Gli struzzi
  • Data uscita:01/01/1997
  • Pagine:-
  • Lingua:Italiano
  • EAN:9788806307189

Parole chiave laFeltrinelli:

libri per bambini e ragazzi




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


Cardif
 
Dogalize
 
Dogalize
 
Dogalize

Top Gianni Rodari

Visualizza tutti i prodotti