Scrivere bene è un gioco da ragazzi

Scrivere bene è un gioco da ragazzi

Un corso di scrittura avventuroso come un romanzo

di Massimo Birattari

 
Aggiungi al carrelloPrenota e ritira

Descrizione

Scrivere bene non serve solo a prendere un bel voto in Italiano. Serve a pensare bene, a esprimere i sentimenti, a comunicare le cose che ci stanno a cuore, a convincere gli altri e addirittura a creare interi mondi. È quello che sperimentano i ragazzi protagonisti di questo libro, vittime di uno scienziato che sostiene di aver inventato una macchina capace di trasformare in realtà le cose scritte (ma solo quelle scritte "bene", con precisione ed efficacia). La macchina fa quel che promette, anzi ben di peggio. I ragazzi, trasformati in bit, diventano personaggi del più straordinario videogioco mai concepito: dovranno superare ­ ancora una volta con l'aiuto del professor Mangiafuoco, già incontrato nei due libri precedenti ­ una serie di prove tutte legate alla scrittura, mettendosi all'opera su testi diversi, dalla descrizione al riassunto, dal manuale d'istruzioni all'e­mail, dall'articolo di giornale al brano narrativo, imparando a servirsi di una lingua corretta, chiara ed espressiva. Se scriveranno "bene", le loro parole creeranno ambienti meravigliosi, inventeranno personaggi, li condurranno al livello successivo; se scriveranno "male", si apriranno trabocchetti sotto i loro piedi, crollerà ciò che avevano provato a costruire, le porte verso il livello superiore resteranno chiuse. E attenzione: solo grazie alle loro capacità di scrittura potranno sperare di fuggire dal videogioco e tornare nel mondo reale. Età di lettura: da 8 anni.

Dopo aver letto il libro Scrivere bene è un gioco da ragazzi di Massimo Birattari ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Totale delle Recensioni

Media Recensioni (4)
4 Stelle
 
(0)
3 Stelle
 
(0)
2 Stelle
 
(0)
1 Stelle
 
(0)
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Conosci l'autore

Biografia

Massimo Birattari
Massimo Birattari è laureato in storia e diplomato presso la Scuola Normale Superiore di Pisa. Redattore, traduttore, consulente editoriale, è autore di una grammatica pratica, Italiano. Corso di sopravvivenza (Tea, 2015), e di un “manuale di stile”, È più facile scrivere bene che scrivere male (Ponte alle Grazie, 2011; incluso nel 2017 nella Biblioteca della lingua italiana del “Corriere della Sera”). Ha curato Io scrivo, corso di scrittura in 24 volumi del “Corriere della Sera” (2011; nuova edizione Fabbri-Centauria, 2014 col titolo Scrivere). Tra i suoi libri per ragazzi, I rivoltanti romani (con Terry Deary; Salani, 1999); I barbuti barbari (Salani, 2008) e Vite avventurose di santi straordinari (Rizzoli, 2009), entrambi con Chicca Galli; e per Feltrinelli Kids Benvenuti a Grammaland (2011), La grammatica ti salverà la vita (2012), Scrivere bene è un gioco da ragazzi (2013), Leggere è un’avventura (2014), L’Italia in guerra (2015), Come si fa il tema (2017) e Terrore a Grammaland (2018). È autore anche della scatola-gioco Le carte della grammatica (Gribaudo, 2015) e di Invece di fare i compiti (Rizzoli, 2017). Il suo blog è www.grammaland.it.

Dettagli

  • Genere6-9 anni
  • Listino:€ 13,00
  • Editore:Feltrinelli
  • Collana:Kids
  • Data uscita:04/09/2013
  • Pagine:176
  • Formato:brossura
  • Lingua:
  • EAN:9788807922213




APP18 - Bonus cultura da 500€


Prima Effe - La Feltrinelli per la ascuola


I Nostri Partner


Cardif
 
Dogalize
 
Dogalize

Su LaEFFE TV

27/05/2018 | 21:10

ANNIKA: CRIME REPORTER

Dagli stessi produttori di Wallander e della trilogia Millennium tratta da Stieg Larsson, su laeffe tornano le indagini della reporter Annika Bengtzon, il personaggio nato dalle pagine dei best-seller di Liza Marklund.Oltre alle cinque precedenti indagini - I dodici sospetti, Studio Sex, Il lupo rosso, Finché morte non ci separi e Freddo sud - la serie si arricchisce di un sesto nuovo episodio: IL TESTAMENTO DI NOBEL.Durante la cerimonia per la consegna dei Premi Nobel, Annika è testimone dell’attentato in cui perde la vita una scienziata. Non appena la reporter dà il via alle indagini, scopre però che non tutto è come sembra…Piena di difetti e testarda, ma anche passionale ed emotiva, Annika si occupa di cronaca nera per il quotidiano svedese Stampa Della Sera.Omicidi, intrighi, scandali politici, ma anche terrorismo, traffico di droga e casi del passato rimasti irrisolti: l’unica cosa che conta per Annika è scoprire la verità.Ma il coraggio e l’intuito con cui affronta ogni caso a volte non bastano: Annika deve fare i conti anche con un passato complicato tenuto nascosto e una «agitata» vita familiare. 

30/05/2018 | 00:45

SOCIAL LOVE

Facebook, Twitter, Instagram, Tinder, Grindr, Brenda, Skype, WhatsApp… social network tradizionali, video chat, messaggistica, app, un vasto mondo connesso in  cui anche l’amore è incappato rinnovando le sue parole e i suoi modi di seduzione.Irene Cao con Alberto D’Onofrio, due narratori per eccellenza dell’eros, attraversano l’Italia alla ricerca di storie qualunque di relazioni amorose nate, consumate, finite, tradite, celebrate grazie, su e con il web. Sei storie, sei relazioni 2.0., per scoprire le nuove frontiere del sesso e dei sentimenti narrate dalle voci della scrittrice Irene Cao (Io ti guardo, Io ti sento, Io ti voglio) e del regista Alberto D’Onofrio (Erotika italiana, Party people). Una dettagliata, curiosa e indiscreta indagine su chi sceglie come primo approccio la modalità virtuale. Domande e risposte, riflessioni e testimonianze sul nuovo modo di vivere le relazioni amorose: quali sono le regole del gioco? C'è un confine tra piacere, sperimentazione e sentimenti? Fenomeno maschile o femminile?Dal Veneto a Milano, passando per Firenze e Roma, Irene Cao e Alberto D’Onofrio guidano lo spettatore nella vita di uomini e donne ai quali internet e i social network hanno regalato e regalano emozioni, sentimenti, piaceri e nuove relazioni. Un lavoro a quattro mani di due grandi esperti dell’eros, una docu-fiction che strizza l’occhio alla cifra stilistica del film di Steven Sodenbergh “Sesso, bugie, videotape” con la cura fotografica di serie come “House of Cards”.

Top Massimo Birattari

Visualizza tutti i prodotti