Il paradosso della bontà

Il paradosso della bontà

di Richard Wrangham

 
Subito Disponibile
Prezzo solo online:

23,80

€ 28,00 -15%
Aggiungi al carrelloPrenota e ritiraVerifica disponibilità in Negozio

Descrizione

"Richard Wrangham in questo libro, inizia a distinguere tra due tipi radicalmente differenti di violenza: quella reattiva e quella proattiva. La violenza reattiva è quella del serpente. Non è pensata, è istintiva: se ti avvicini troppo col tuo piede scatta la ritorsione e il serpente morde la caviglia. È una questione di spazio vitale e di sopravvivenza; l’animale sa che permettere a chiunque di avvicinarsi troppo lo mette in pericolo, per cui non ci pensa due volte e reagisce per primo. La violenza proattiva, invece, è quella premeditata, organizzata, pianificata. Si svolge a freddo. Non c’è un pericolo immediato, c’è una progettazione accurata, spesso sociale, che porta un gruppo ad assalirne un altro. Non è meno «violenta» (alla fine c’è chi muore comunque), ma senza dubbio è diversa, è un’altra cosa, risponde a stimoli differenti, segue vie attuative distinte. Aver mescolato assieme questi due tipi di violenza è una delle ragioni che hanno protratto così tanto nel tempo il dibattito sulla bontà umana senza che si giungesse da nessuna parte. La storia naturale dei due tipi di violenza ha seguito vie diverse e una parte fondamentale l’ha giocata la pena di morte nelle società primitive. I gruppi di ominidi dai quali noi discendiamo, ipotizza l’autore, a un certo punto si sono organizzati, in competizione tra loro, e per poter competere socialmente con gli altri gruppi hanno isolato – e spesso ucciso – i violenti al loro interno, che ne indebolivano la coesione sociale. Date darwinianamente tempo a questo meccanismo e i geni dell’aggressività reattiva si estingueranno, lasciando intatti quelli dell’aggressività proattiva. In pratica ci siamo autoaddomesticati. Così come l’addomesticamento del lupo (cattivo) ha portato al cane (buono) a forza di incroci preferenziali tra gli individui più mansueti, anche noi alla fine abbiamo espulso dal nostro patrimonio genetico – uccidendone i portatori, impedendone la riproduzione – i geni aggressivi e ci siamo ammansiti."

Dopo aver letto il libro Il paradosso della bontà di Richard Wrangham ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


 
Cardif
 
Dogalize
 

Top Richard Wrangham

Visualizza tutti i prodotti