Skin ADV

Spedizione GRATIS con €19 di spesa o con ritiro nei NEGOZI (Contrassegno escluso)

Nessuno si salva da solo

di Margaret Mazzantini

Prezzo online:

€ 16,15

€ 19,00 -15%

Subito disponibile

Aggiungi

Sinossi

Delia e Gaetano erano una coppia. Ora non lo sono più, e stasera devono imparare a non esserlo. Si ritrovano a cena, in un ristorante all’aperto, poco tempo dopo aver rotto quella che fu una famiglia. Lui si è trasferito in un residence, lei è rimasta nella casa con i piccoli Cosmo e Nico. Delia e Gaetano sono ancora giovani – più di trenta, meno di quaranta, un’età in cui si può ricominciare. La loro carne è ancora calda e inquieta. Sognano la pace ma sono tentati dall’altro e dall’altrove. Ma dove hanno sbagliato? Il fatto è che non lo sanno. La passione dell’inizio e la rabbia della fine sono ancora pericolosamente vicine. Cresciuti in un’epoca in cui tutto sembra già essere stato detto, si scambiano parole che non riescono a dare voce alle loro solitudini, alle loro urgenze, perché nate nelle acque confuse di un analfabetismo affettivo. Eppure parole capaci di bagliori improvvisi, che sanno toccare il nucleo ustionante dei ricordi, mettere in scena sul palcoscenico quieto di una sera d’estate il dramma senza tempo dell’amore e del disamore. Margaret Mazzantini ci consegna un romanzo che è l’autobiografia sentimentale di una generazione. La storia di cenere e fiamme di una coppia contemporanea con le sue trasgressioni ordinarie, con la sua quotidianità avventurosa. Una coppia come tante, come noi. Contemporaneamente a noi.

Altre informazioni

Scelti per voi dai nostri librai

laFeltrinelli Libri e Musica - Catania

Scritto da Daniela il 16 febbraio 2012

Margaret Mazzantini ci offre una storia contemporanea. Il ritratto di una coppia come ce ne sono molte oggi, che dopo l'iniziale passione e i primi progetti per realizzare un futuro si accorge del proprio fallimento sentimentale. Non è la classica storia d'amore a lieto fine, ma la storia di un amore tormentato, deludente e, purtroppo, ormai finito.

Leggi tutte le recensioni

Recensioni

Pessimo!

Scritto da Py87 il 04 novembre 2011

...detto da una che ha ADORATO "Non ti muovere" e "Venuto al mondo"

VOTA QUESTA RECENSIONE (2 voti) - (0 voti)

Non da soli

Scritto da mariactringali il 29 dicembre 2011

Una storia d'amore, i tormenti della coppia che s'avvita e diventa famiglia. Le paure che allontanano e che tradiscono. Qualche affondo di troppo in un registro di strada che vuole essere più scurrile del necessario e finisce per sapere troppo di bozze riscritte. Un libro che scivola via in qualche ora ma ti lascia l'eco di un racconto, di una storia che è di tanti e potrebbe essere di tutti. Con la consapevolezza che nessuno si salva da solo.

VOTA QUESTA RECENSIONE (1 voti) - (0 voti)

Salviamoci da questo libro

Scritto da smikra70 il 27 dicembre 2011

Una trama noiosa, banale e scontata. Lo stile risulta a tratti volgare e indisponente. Una vera delusione!

VOTA QUESTA RECENSIONE (1 voti) - (0 voti)

Mi ha un po' delusa

Scritto da billiejoe il 22 dicembre 2011

Ho comprato questo romanzo "grazie" alla grossa pubblicità che è stata fatta a questo libro e a questa scrittrice. Non avendo mai letto alcun libro della Mazzantini sono rimasta delusa. Sarà perchè il titolo mi piaceva molto, sarà che non mi ero informata troppo prima di iniziare a leggerlo, ma mi aspettavo una maggiore ricercatezza nell'analisi dei sentimenti e delle emozioni di una coppia che si separa, con tutto quello che comporta. Credo che la storia sia valida, ma che sia stata trattata con troppa superficialità, ho avuto la sensazione che in certi passaggi mancasse qualcosa e che il libro sia stato scritto e terminato con troppa fretta.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

Senza ritorno

Scritto da GIORELLOM il 19 dicembre 2011

Solo se sei stato in via di separazione puoi capire perchè a un certo punto, mentre si tenta di essere ragionevoli, si sprofonda nel dolore fino a voler ferire l'altro, in qualche modo, anche solo con parole cattive. I dialoghi, gli sguardi, i pensieri di Delia e Gae riflettono questo sentire e, anche se non ci piacciono, se non portano dove vorremmo, sono VERI, CRUDI e sentiti. Mazzantini non esagera qui nel tratteggio psicologico come in "Venuto al mondo", ci regala un quadro di realtà comune, di percorsi dritti e semplici verso la fine, dove non amarsi più è una verità ancor prima che sia detta. Ben scritto e lucido. Ottimo.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

senza pretese!

Scritto da ghiottissimi il 16 dicembre 2011

Buoni i dialoghi, ma la trama appare scontata.Sicuramente improvviso il finale...da miniserie televisiva, quando ti aspetti un seguito nella prossima stagione. L'autrice può fare di più!!! Nel complesso, comunque, ne consiglio la lettura.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

sapori amari

Scritto da dania.dania il 11 dicembre 2011

Ha il sapore amaro del ricordo di un amore che un tempo esisteva e ora non c'è più.. il suono graffiante, come di un unghia sulla lavagna, di tutte le cose rinfacciate alla fine di una convivenza.. l'odore sgradevole di qualcosa che non si sopporta più ma che, ahimé, fa parte della nostra vita.. La Mazzantini ha centrato il segno, ma conoscendo il suo potenziale mi aspettavo di più..

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

volgare

Scritto da isaiac il 06 dicembre 2011

E' la storia della fine di un amore, ma la narrazione è lenta, il linguaggio risulta a volte volgare, si può descrivere lo squallore e la sofferenza con un tocco di "delicatezza".

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

deludente

Scritto da stephi.m il 25 novembre 2011

il racconto è come sempre ben fatto, ma dopo aver letto "non ti muovere" e "venuto al mondo" mi aspettavo di più. non ci sono colpi di scena ed in alcuni tratti il racconto si ferma quasi a non sapere dove andare a finire. tutto sommato è una lettura soddisfacente per chi volesse passare qualche ora spensierata anche se il rischio noia e in agguato per tutto il romanzo.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

Commovente

Scritto da chiarapassarella il 22 novembre 2011

L'ennesimo commovente e appassionante libro della Mazzantini! forse un po' duro, ma sicuramente coinvolgente! uno spaccato di realtà che ti tiene incollato alle pagine

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

Una separazione

Scritto da olgamont il 14 novembre 2011

Lo so che a molti lettori non è piaciuto ma a me sì! Ho apprezzato la crudezza delle immagini e dei dialoghi così come ho amato la crudezza del personaggio di Italia. Ho trovato, infatti che Delia e Gae siano un po' Italia malgrado si presentano come un' ordinaria - se non banale - coppia in via di separazione piuttosto che sopra le righe e disarmanti come lei. Nuovamente la Mazzantini ha toccato le corde più sensibili del mio animo e, nonostante la faticosa lettura di alcuni passaggi in cui mi sono sentita violentemente tirata dentro la storia, l'ho letto tutto di un fiato fino al commuovente finale dove poi sono tornata a respirare.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

Margaret dove sei?

Scritto da nana86 il 22 luglio 2011

Dopo "Venuto al mondo", attendevo con ansia il prossimo libro, ma non è questo che mi aspettavo. Non ti tocca e non ti lascia quasi nulla. Complessivamente poteva essere sviluppata meglio la storia, sembra frettoloso, veritiero a tratti, ma deludente.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

Nessuno si salva da solo

Scritto da stefanopets il 19 luglio 2011

A mio avviso il libro migliore di M.Mazzantini dopo "Non ti muovere", per me un capolavoro assoluto. Anche in questo romanzo si resta estasiati dal modo di scrivere dell'autrice. Frasi ed espressioni in un italiano da antologia, uno spettacolo verbale all'interno di una storia raccontata in modo non certo banale. Una coppia, ancora giovane, con due figli piccoli ed un'amarezza grande, quella di non essser stati capaci di mantenere il proprio amore. Seduti al tavolo di un ristorante, mescolano frasi, pensieri, sguardi e ricordi, intrisi di amarezza e di sensi di colpa. Cresciuti troppo presto o mai cresciuti, sicuramente cresciuti male, Delia e Gaetano cercano di farsi del male in un modo quasi amorevole, che culmina nella preghiera finale.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

sconforto

Scritto da agelaezechia il 28 giugno 2011

Peccato! dopo Venuto al mondo mi ero ricreduta sull'autrice e le avevo accordato fiducia tanto a acquistare senza informarmi prima; con questo romanzo(?)ha confermato la mia opinione iniziale: le storie sono banali e le forzature eccessive dovrebero attrarre, ma non sicuramene chi ama la letteratura, quella buona, e soprattutto il valore delle parole. Mi sento offesa da questo testo, non dice nulla, ripete solo ossessivamente la parola "merda". A saperlo prima...

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

Margherita

Scritto da ma.ros il 16 giugno 2011

Secondo me, lontana dai suoi precedenti scritti. Spesso banale, parolacce gratuite e definizioni "trend". Un anelito di freschezza verso il finale.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

Deludente

Scritto da ale70po il 15 giugno 2011

Dopo aver letto gli altri libri della mazzatini questo e' stato una delusione, noioso e' dir poco

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

orrendo

Scritto da Baskerville il 13 giugno 2011

Semplicemente orribile. Un'accozzaglia di banalitá e oltretutto una noia tremenda. Ma ch eli pubblicano a fare libri cosí? Non vale la carta su cui é stampato.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

non un buon libro

Scritto da etoiledusud80 il 05 giugno 2011

Credo che la Mazzantini questa volta abbia stonato di brutto, libro banale, poco entusiasmante, nella descrizione dei due personaggi Delia e Gaetano non ho trovato nulla di piacevole, così come la storia che si legge velocemente senza lasciare al lettore, il sapore di buono, che un libro, ben scritto e articolato solitamente lascia. Non regge il confronto con venuto al mondo, che ha saputo conquistare il lettore dalla prima all'ultima pagina. Qui in nessuno si salva da solo la banalità accompagnata da una buona dose di linguaggio sciatto, non ha saputo essere all'altezza. Decisamente non un buon libro.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

struggente

Scritto da elas il 12 maggio 2011

Ho letto questo libro tutto d'un fiato. L'ho trovato struggente ma reale. Sarà che l'ho vissuto pienamente, perchè ho vissuto e subito la fine di un rapporto. La storia, così come raccontata, rende in pieno la disfatta di una coppia odierna trentenne, descrivendo a scene alterne il passaggio dall'amore e passione iniziale fino ad arrivare ad un disfacimento lento. Due caratteri diversi, ma a mio avviso, completamente complementari.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

Migliora nel finale

Scritto da Giulio64 il 11 maggio 2011

Dopo "Venuto al mondo" mi aspettavo un altro capolavoro, ma evidentemente non è facile ripetersi in così breve tempo. E' un confronto tra due personaggi molto psicologico e forse qualcuno ci troverà delle situazioni ...già viste nella propria vita coniugale. Il finale regala qualche emozione anche se è effettivamente un po' scontato. Solo a tratti si ritrova il lessico puntuale e forbito della Mazzantini mentre invece abbonda il linguaggio prosaico. Buona lettura!

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

la ricerca degli errori

Scritto da guaripat il 06 maggio 2011

La storia di Delia e Gaetano, una coppia di quarantenni in crisi che si ritrova a cena in un ristorante a ripercorrere le emozioni, le sofferenze, le angosce e le gioie della relazione avuta... Un confronto costante della coppia per tutto il racconto, alla ricerca degli errori che hanno con il tempo affievolito la loro passione. Un libro intenso, raccontato forse in modo anche troppo semplice ma sicuramente realistico. Consigliato

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

SCANDALOSO

Scritto da francesca77 il 20 aprile 2011

Banale fino all'inverosimile e di una volgarità gratuita che disgusta il lettore. Farcito di "paroloni" che suonano pleonastici. Non solo illeggibile ma impubblicabile.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

giudizio

Scritto da panarella il 09 aprile 2011

non tutte le ciambelle escono con il buco. Frase banale ma concreta.Dopo VENUTO AL MONDO,poteva risparmiarsi tanta volgarita'. Ma si sa purtroppo i contratti vanno rispettati. ANALISI, UNA BOIATA ENORME

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

FREDDO E CINICAMENTE "BUSINESS ORIENTED"

Scritto da MarioDAndreaMI il 09 aprile 2011

Non vi sono dubbi circa le capacità narrative di M. Mazzantini. Proprio per questo ho trovato questo romanzo "urticante". Il precedente romanzo "Venuto al mondo" mi aveva molto coinvolto emotivamente. In questo caso ho sentito solo freddezza, mestiere e ricerca del business (pensando alla sceneggiatura del film che ne verrà tratto etc). Esiste un problema della crisi di coppia dei 35enni. Bene: non è che la cosa, di per sè, mi coinvolga. A meno che il contenuto non esprime sensazioni profonde. Non è il caso: qui è tutto molto di superficie, molto di testa e nulla di cuore. Vi sono alcuni virtuosimi letterari ("polluzzioni fuori programma per sogni bagnati") tendenti a stupire più che a riflettere un genuino spunto creativo. E poi c'è proprio tutto!!! Non ci facciamo mancare nulla: fino alla banalità finale dell'aborto e del cancro, trattati in modo drammaticamente superficiale. La cosa migliore è proprio il titolo. "A Sergio, alla rabbia dei puri" si legge nella dedica. Ammmiro questa capacità di autoassolversi dalla mercificazione. Il giudizio (1 stella) è pesante, me ne rendo conto, ma è anche correlato alla aspettative e alle capcità. Non compratelo, non leggetelo, non consigliatelo.

VOTA QUESTA RECENSIONE (0 voti) - (0 voti)

La mia recensione

Top Margaret Mazzantini

Tutti i prodotti

Top Margaret Mazzantini

Tutti i prodotti