Img Top pdp IT book
Salvato in 76 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Generazione perduta
13,30 € 14,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+130 punti Effe
-5% 14,00 € 13,30 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Generazione perduta - Vera Brittain - copertina
Generazione perduta - Vera Brittain - 2
Generazione perduta - Vera Brittain - 3
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Generazione perduta Vera Brittain
€ 14,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

In questo libro-testamento, Vera Brittain non racconta soltanto la disillusione e il dolore, ma anche il cammino di maturazione delle idee per le quali ha combattuto tutta la vita, armata solo della sua penna: pacifismo e lotta per i diritti delle donne

«Forse gli strumenti per la nostra salvezza ci sono già, racchiusi nella nostra storia, nascosti accuratamente da guerrafondai senza scrupoli, e aspettano solo di essere riscoperti e riconosciuti dagli uomini e dalle donne di domani»

Attraverso la propria storia, vivida e sincera, Vera Brittain raccoglie le sue memorie e lascia come testamento ideale e come tributo a una generazione perduta, quella spazzata via dalla grande guerra, questo libro acclamato fin da subito come un classico della letteratura inglese. Nel 1914 Vera si affaccia alla giovinezza. È brillante, anticonformista e decisa a cambiare un destino di moglie gentile e madre paziente, diventando una delle prime donne ammesse in un selettivo college di Oxford. Con l'egocentrismo dei suoi vent'anni, inizialmente Vera considera la grande guerra soprattutto una scomoda interruzione delle proprie attività, ma la portata degli eventi che stanno travolgendo l'Europa diventa presto chiara: la devastazione non è solo materiale, ma anche psicologica e spirituale. Lasciata Oxford, Vera serve la patria a Londra, a Malta, in Francia come infermiera volontaria, mentre il fratello, il fidanzato, gli amici più cari perdono la vita nelle trincee. Sopravvivere a tutto e tornare a un nuovo genere di ''normalità'' non sarà facile.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
18 ottobre 2017
624 p., Brossura
9788809857896

Valutazioni e recensioni

4,7/5
Recensioni: 5/5
(6)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 5/5

Spesso dimentichiamo chi ha veramente combattuto la guerra. Dimentichiamo le loro lacrime, le loro paure, le loro illusioni e le loro speranze. Per noi non sono più esseri umani, comuni come tutti noi, ma rappresentano "i sopravvissuti". Coloro che non potremo mai raggiungere empaticamente, perché sarebbe troppo grave il peso da sopportare. Vera Brittain ci riporta alla realtà con una delicatezza poetica, ma allo stesso tempo non la nega nei suoi gravi difetti. Non nega i suoi sentimenti, se stessa e cos'era il mondo negli anni del primo grande conflitto mondiale. Entri a confronto con una generazione priva di voce in capitolo, che deve fare i conti con le decisioni dei propri genitori. Vera è una "diversa" per il tempo. Era una donna che reclamava il diritto di proseguire i suoi studi e dedicarsi con tutta se stessa a ciò che amava di più. E nonostante tutto quello che ha vissuto, cioè il vivere in un mondo in cui nessuna voce, grande o piccola, aveva più senso, ti spinge ad andare avanti nella tua vita. Infonde coraggio e ammirazione, al punto che desideri rivendicare quello che lei non ha potuto vivere. Quasi senti come se volessi agire per darle prova del fatto che i suoi sforzi non sono stati vani. Non so quante volte ho pianto. Quante volte mi sono sentita inerme di fronte ad una condizione che, forse, anche la nostra generazione vive in una piccola parte. Tuttavia, ho percepito anche la forza di questa storia e spero che tutti riescano a capire l'importanza di questa voce scritta che cerca di urlare con tutta se stessa.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 4/5

Prima di comprare questo libro, avevo letto numerose recensioni che lo descrivevano come un'opera travolgente, ma non immaginavo che lo sarebbe stato al punto da costringermi a portarlo con me ovunque andassi. "Generazione Perduta” è una storia infatti che trascina, porta indietro nel tempo, fa trattenere il fiato e piangere di rabbia. Pagina dopo pagina, non si può non amare l’autrice e protagonista, Vera Brittain: una donna forte che lotta in prima persona per realizzare il sogno di studiare all’università e diventare scrittrice. È attraverso le esperienze che Vera vive in prima persona che comincia a emergere il messaggio che farà da sfondo a tutto il libro e alla vita stessa dell’autrice fino alla fine dei suoi giorni, perché una generazione, quella di Vera e Roland, è morta massacrata all’insegna di ideali eroici come l’amore e la fedeltà alla patria, ma non è morta invano: il suo sacrificio deve servire per mostrare alle generazioni future l’estrema inutilità della guerra e l’importanza del vivere nella pace. Valori che sembrano scontati, ma che attraverso il dolore di cui Vera ci rende partecipi, fanno svegliare dal torpore del benessere in cui viviamo nei nostri giorni e riflettere empaticamente. Eccolo il testamento di Vera, ecco perché questo libro dovrebbe essere letto da tutte le nuove generazioni. Ecco perché non dovremmo mai dimenticare quello che è successo.

Leggi di più Leggi di meno
Federica Di Stasio
Recensioni: 5/5

Trovavo l’inizio un po’ lento, accusando la Brittain di essere troppo prolissa e che si soffermava su dettagli che potevano essere omessi facilmente. Poi man mano che continuavo la lettura, mi accorgevo che non era un dilungarsi eccessivo. Credo che queste descrizioni dettagliate siano state terapeutiche per l’autrice, ma altrettanto utili a noi lettori: ci fa comprendere quanto possano sembrare mutevoli i propri desideri, quanto gli eventi esterni e a noi estranei possano cambiare radicalmente le nostre priorità, la nostra vita. E la traduzione del titolo originale “Testament of youth” esprime al meglio la condizione in cui si trovarono i sopravvissuti, coloro che solo apparentemente avevano superato la grande guerra. Una lettura intensa ed emozionante: questa grande donna si racconta e mostra al mondo quanto la forza di volontà e la speranza nel futuro possono sanare anche le ferite più dolorose.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,7/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore