Img Top pdp IT book
Salvato in 133 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Demelza. La saga di Poldark. Vol. 2
18,05 € 19,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+180 punti Effe
-5% 19,00 € 18,05 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,05 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,05 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Demelza. La saga di Poldark. Vol. 2 - Winston Graham - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Demelza. La saga di Poldark. Vol. 2 Winston Graham
€ 19,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Il secondo episodio della saga di Poldark, un vero e proprio classico tra i romanzi storici.

Cornovaglia, 1788-1790. Le nozze tra Ross, gentiluomo dal carattere forte, avverso alle convenzioni sociali, e Demelza, bella, brillante, ma figlia di un povero minatore, hanno scandalizzato l’alta società locale, che non approva il matrimonio di un nobile con una plebea. E così Demelza, pur facendo il possibile per assumere le maniere di una signora raffinata, fatica a conciliare il mondo da cui proviene con quello cui ora appartiene, e si sente umiliata dai modi altezzosi di chi la circonda. Questo non le impedisce però di stare al fianco di Ross, che si trova ad affrontare la grave crisi economica in cui versa il distretto: l’industria del rame è infatti sull’orlo del collasso a causa di banchieri senza scrupoli, come lo spietato George Warleggan. Mentre dalla Francia soffiano i venti della rivoluzione e il malcontento dei minatori, ridotti alla fame, sembra pronto a esplodere, Ross decide di sfidare i potenti nel tentativo di riportare giustizia e prosperità nella terra che ama, nonostante il rischio di perdere tutto ciò che ha costruito. Tra sfarzosi eventi mondani, passioni maledette e amori ritrovati, tempeste di feroce bellezza e naufragi che sembrano benedizioni per la povera gente, Ross e Demelza tornano con il secondo episodio della saga di Poldark, vero e proprio classico tra i romanzi storici.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
2 febbraio 2017
496 p., Brossura
9788845426346
Chiudi

Indice

Le prime pagine del libro

C’era qualcosa di profetico nella tempesta che si scatenò la notte in cui nacque Julia.
Maggio non era un periodo di violente bufere, ma il clima della Cornovaglia era capriccioso come un bambino. La primavera era stata piuttosto mite, come l’estate e l’inverno che l’avevano preceduta; il tempo era buono e piacevole, e la terra già carica di verde. E poi maggio all’improvviso si era riempito di vento e piogge che avevano ferito la vegetazione appena sbocciata, e il fieno si piegava come in cerca di un sostegno.
La notte del quindici, Demelza cominciò a sentire i primi dolori, ma per un po’ si aggrappò alla testata del letto e rifletté attentamente sulla questione prima di dire alcunché. Per mesi aveva atteso quella prova con calma e filosofia, senza mai disturbare Ross con falsi allarmi, e non aveva alcuna intenzione di iniziare proprio adesso. Quella sera era stata fuori, nel suo amato giardino, a scavare intorno alle piante più giovani; poi, mentre le ombre avanzavano, aveva trovato un riccio imbronciato, aveva giocato con lui cercando di convincerlo a mangiare un po’ di pane e latte, ed era rientrata solo quando il cielo si era coperto di nubi e aveva cominciato a fare freddo.
Forse si era semplicemente stancata troppo, forse era questa la causa del dolore.
Quando si sentì come se qualcuno le stesse schiacciando la spina dorsale con un ginocchio, capì tuttavia che il motivo era un altro.
Posò la mano sul braccio di Ross e lui si svegliò subito.
«Sì?»
«Penso… penso che dovresti andare a chiamare Prudie.»
Lui si tirò su a sedere. «Perché? Cosa c’è?»
«Ho male.»
«Dove? Vuoi dire…»
«Ho male» ripeté lei senza scomporsi. «Credo sia il caso di andare a chiamare Prudie.»
Ross si alzò rapidamente dal letto e lei rimase ad ascoltare il raschiare ruvido della selce sull’acciaio. Dopo un attimo, lo stoppaccio prese, e lui accese una candela. Nella luce tremolante, la stanza si rivelò: le pesanti travi di tek, la tenda davanti alla porta che ondeggiava appena sospinta dalla brezza, la bassa panca sotto la finestra coperta di gros-grain rosa, le sue scarpe lì dove le aveva abbandonate, una delle due capovolta, il cannocchiale di Joshua, la pipa e il libro di Ross, una mosca che zampettava qua e là.
Lui guardò Demelza e capì all’istante. Lei gli sorrise, pallida, come per scusarsi. Ross andò al tavolo accanto alla porta e le versò un bicchiere di brandy.
«Bevi questo. Mando Jud a chiamare il dottor Choake.» Cominciò a vestirsi.
«No, no, Ross, non ancora. È notte fonda. Starà dormendo.»
Da settimane erano in disaccordo sull’opportunità di interpellare o meno Thomas Choake. Demelza non riusciva a non pensare che, appena dodici mesi prima, era ancora solo una domestica, che Choake, benché fosse solo un dottore, era il proprietario di una piccola tenuta acquistata con i soldi della moglie, e che il suo livello sociale gli consentiva di considerare persone come lei beni di poco conto. Ma poi aveva sposato Ross e la sua posizione era cambiata. Sapeva di essere in grado di ostentare raffinatezza e buone maniere, e ci riusciva piuttosto bene; ma con un dottore la questione era diversa. Con un dottore ci si trovava sempre in una condizione di svantaggio. Se il dolore fosse diventato troppo forte, quasi certamente si sarebbe messa a imprecare alla vecchia maniera, come aveva imparato da suo padre, e non si sarebbe limitata a qualche garbato “accidenti” o “per Dio”, che chiunque avrebbe perdonato a una signora in difficoltà.
Partorire e conservare al contempo modi gentili era più di quanto si sentisse in grado di affrontare.
Per non parlare del fatto che avrebbe preferito non avere uomini intorno. Non sarebbe stato decoroso. Sua cugina acquisita Elizabeth aveva partorito in presenza del dottore, ma era pur sempre un’aristocratica e gli aristocratici vedevano le cose in modo diverso. Lei avrebbe di gran lunga preferito farsi aiutare dalla vecchia Betsy Triggs di Mellin, che vendeva sardine e aveva mani forti quando si trattava di far nascere bambini.
Tuttavia Ross si dimostrò più determinato e la spuntò. Demelza non rimase più di tanto sorpresa nel sentirlo rispondere: «E allora lo sveglieremo» mentre lasciava la stanza.
«Ross!» lo chiamò. In quel momento il dolore era scomparso.
«Sì?» Il volto di lui, forte, intenso e segnato dalla cicatrice, illuminato per metà dalla candela; i capelli scuri, folti e spettinati che mostravano a malapena la loro sfumatura color rame; la camicia aperta sul collo. Un uomo… così aristocratico, pensò Demelza, riservato e irraggiungibile, con cui aveva condiviso una rara intimità.
«Un bacio? Prima di andare…» disse.

Valutazioni e recensioni

4,4/5
Recensioni: 4/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
carmen FRANCA
Recensioni: 5/5

L’ho terminato questa notte e anche questo secondo volume della saga mi è piaciuto moltissimo, forse anche più del primo. Come sempre traduzione perfetta, ambientazione e personaggi ben delineati; ormai che l’assaggio è stato fatto ed è stato squisito, io penso e spero, come di certo anche altri lettori, di vedere quanto prima stampato anche Jeremy che auspico arrivi almeno per l’estate. Chiedo forse troppo di poter leggere almeno tre volumi l’anno di questa magnifica saga? Grazie alla casa editrice che ha deciso di pubblicare questi meravigliosi romanzi storici.

Leggi di più Leggi di meno
Adelaide Aloisio
Recensioni: 3/5

Il secondo volume della saga dei Poldark ? incentrato sulla figura di Demelza, la giovane popolana che ha sostituito nel cuore di Ross l'amata Elizabeth andata sposa a suo cugino. Benché scritto negli anni '40 ? un romanzo che ha un impianto narrativo ottocentesco che non trascura gli squarci sociali che fanno da sfondo alle vicende dei protagonisti, come le lotte sociali, la povertà estrema e le miserabili condizioni di vita dei minatori. Grande spazio viene dato alla figura di Demelza che grazie alla sua intelligenza e sensibilità riesce a passare da una condizione di estrema ignoranza e povertà ad una condizione sociale elevata. Scritto in maniera semplice, ma non sciatto, riesce a coinvolgere il lettore.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Winston Graham è stato in grado ancora una volta di catturarmi nel suo racconto. Come nel primo, anche in questo libro seguiamo le vicende della famiglia Poldark ma non solo, nel racconto trovano spazio anche molti altri personaggi e per quanto possano essere numerosi sono tutti ben caratterizzati e aiutano a creare una visione completa dell’epoca storica in cui è ambientato. La trama è appassionante e a tratti commovente, soprattutto verso il finale, la scrittura è molto scorrevole e mai noiosa o pesante. Consiglio questo libro a tutti gli amanti dei libri storici e a quelli che hanno apprezzato la serie televisiva: questo libro narra le vicende degli ultimi quattro episodi della prima serie.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Winston Graham

1908, Manchester

Winston Graham, nato a Manchester e trasferitosi a diciassette anni in Cornovaglia, è stato un noto e prolifico romanziere inglese, famoso principalmente per la saga Poldark e per il thriller Marnie, portato sul grande schermo da Alfred Hitchcock. Sonzogno, tra le sue opere, ha tradotto: Ross Poldark (2016), Demelza (2017), Jeremy Poldark (2017), Warleggan (2018), La luna nera (2018) e I quattro cigni (2019).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore