Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe top pdp Libri IT
Le sarte di Auschwitz - Lucy Adlington - copertina
Le sarte di Auschwitz - Lucy Adlington - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 16 liste dei desideri
Disponibilità immediata
Le sarte di Auschwitz
18,05 €
-5% 19,00 €
18,05 € 19,00 € -5%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,05 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,05 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Le sarte di Auschwitz - Lucy Adlington - copertina
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


La storia vera delle ragazze sopravvissute all'inferno grazie al loro talento.

Irene, Renée, Bracha, Katka, Hunya, Mimi, Manci, Marta, Olga, Alida, Marilou, Lulu, Baba, Boriška... Durante la fase culminante dello sterminio degli ebrei d'Europa, venticinque giovani internate nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau furono selezionate per disegnare, tagliare e cucire capi d'alta moda destinati alle mogli delle SS del lager e alle dame dell'élite nazista berlinese. Tranne due prigioniere politiche francesi, le ragazze erano tutte ebree dell'Europa orientale, la maggior parte slovacche, giunte al campo con i primi trasporti femminili nel 1942, dopo essere state private di tutto. Trascorrevano le giornate chine sul loro lavoro, in una stanza situata nel seminterrato dell'edificio che ospitava gli uffici amministrativi delle SS. La loro principale cliente era la donna che aveva ideato l'atelier: Hedwig Höss, la moglie del comandante. Il lavoro nel Laboratorio di alta sartoria – così era chiamato il locale – le salvò dalla camera a gas. I legami di amicizia, e in alcuni casi di parentela, che univano le sarte non solo le aiutarono a sopportare le persecuzioni, ma diedero loro anche il coraggio di partecipare alla resistenza interna del lager. Attingendo a diverse fonti, comprese una serie di interviste all'ultima sopravvissuta del gruppo, Lucy Adlington narra la storia di queste donne. Mentre ne segue i destini, intreccia la loro vita personale e professionale all'evoluzione della moda e della condizione femminile dell'epoca e alle varie tappe della politica antiebraica in Germania e nei territori via via occupati dal Terzo Reich. Le sarte di Auschwitz racconta gli orrori del nazismo e dei campi di concentramento da una prospettiva originale e offre uno sguardo inedito su un capitolo poco noto della Seconda guerra mondiale e dell'Olocausto. E allo stesso tempo è un monito a non sottovalutare la banalità del male.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2022
11 gennaio 2022
432 p., Rilegato
9788817160605

Valutazioni e recensioni

Marella
Recensioni: 5/5
Veramente meraviglioso!

Il racconto attentissimo della vita pre-leggi razziali e della vita nel campo di concentarmento di un gruppo di donne, con i risvolti di vita delle sopravvissute. Splendido!

Leggi di più Leggi di meno
lefusatrailibri93
Recensioni: 5/5
MOLTO BELLO

Questo è un che tutti dovrebbero conoscere, una narrativa storica. In questo racconto ambientato dietro le orribili crudeltà e le contraddizioni del regime nazista, l'autrice inglese Lucy Adlington dà voce a 25 ragazze sopravvissute al campo di sterminio grazie al loro talento come sarte e alla resistenza. Una storia commovente e di privazione dell'esistenza stessa. Donne ebree e non piene di coraggio, provenienti dall'Europa orientale e di ogni età, la più piccola cucitrice aveva addirittura 14 anni. Una storia vera basata interamente su testimonianze narrate dai familiari delle sopravvissute e fatti documentati provenienti dagli archivi. L'autrice ha avuto anche la fortuna di intervistare l'ultima sopravvissuta allo sterminio e ancora in vita, la signora Bracha Kohut. Una stesura del libro che fa veramente onore a Lucy Adlington, poiché è riuscita a racchiudere all'interno di questa storia una realtà della seconda Guerra mondiale che forse non tutti conoscono. L'autrice ha creato un perfetto mix tra un racconto romanzato e memorie dei sopravvissuti alla sartoria, mantenendosi fedele alla storia. La sopravvivenza delle donne è riuscita soprattutto grazie anche a Marta, una prigioniera che lavorava come sarta nella casa di Hedwig Hoss, moglie del marito Rudolf che era a capo del campo di concentramento. Grazie al suo intuito, Marta è riuscita a cogliere l'opportunità con la creazione del laboratorio di abbigliamento da parte della Hedwig, a dare idea nel reclutare le altre sarte del campo di concentramento, confezionando così gli abiti Non solo per la moglie, ma anche per le altre dame del SS. Tutto per uscire a salvare più ragazze possibili dalle camere a gas. Nonostante la Hedwig credeva profondamente nelle ideologie del nazionalsocialismo e viveva nella villa degli ufficiali del campo, era comunque consapevole di ciò che accadeva nelle camere a gas e dello sterminio che includeva il regime nazista, un'ideologia che voleva il mondo libro dagli ebrei.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore