Salvato in 108 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Bambini nel tempo
11,40 € 12,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+110 punti Effe
-5% 12,00 € 11,40 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Bambini nel tempo - Ian McEwan - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Bambini nel tempo Ian McEwan
€ 12,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Stephen Lewis, autore di fortunati libri per bambini, padre e marito felice, un giorno si reca al supermercato con sua figlia Kate, e mentre è intento a svuotare il carrello alla cassa si accorge di aver perso la bambina. Rapita? Uccisa? Fuggita? Ogni cosa intorno a lui da quel momento sembra precipitare. Il vuoto doloroso che lascia la sparizione di Kate dà il via a una serie di azioni e reazioni che porteranno Stephen a rivedere tutta la sua vita. Le sue tante certezze incrollabili si mostreranno deboli; abitudini e atteggiamenti mai messi in discussione riveleranno il loro lato più fastidioso. Senza mai perdere di vista il suo protagonista, McEwan racconta il viaggio di un uomo messo di fronte all'inaccettabile, facendoci percepire la precarietà e la fragilità in cui viviamo, e nello stesso tempo restituendoci la nostra umana e indistruttibile speranza.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2015
Tascabile
29 settembre 2015
254 p., Brossura
9788806227371

Valutazioni e recensioni

3,4/5
Recensioni: 3/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(2)
2
(1)
1
(0)
Recensioni: 2/5

Era la prima volta che affrontavo un libro di Ian McEwan, autore amato da critica e pubblico, ma devo ammettere che questo libro non solo non mi ha convinto, ma mi ha anche annoiato da morire. La storia poteva essere raccontata nel giro di poche pagine, ma McEwan ci trascina stancamente in una serie di descrizioni minuziose e pleonastiche. Me lo sono immaginato, questo McEwan, come uno di quei logorroici "ingannatori". Ci sono i logorroici "manifesti", che parlano parlano parlano, veloci, gesticolando sempre, senza neanche fermarsi per prendere fiato: costoro ti ammazzano di chiacchiere sin dal primo istante e tu, non appena li vedi, sai già a cosa stai andando incontro. Poi ci sono i logorroici ingannatori, come quei vinelli che sembrano tanto leggeri, poi però ti alzi da tavola e ti ritrovi 'mbriaco fracio. Queste persone, manipolatrici e vagamente sinistre, sembrano tanto belline, tanto pulitine, tanto educatine, parlano spesso con una voce più bassa del necessario, come se ti stessero confidando la cosa più importante del mondo, a te e solo a te, facendoti dunque sentire anche un po' speciale, sono tranquilli, placidi, gentili. Ma non si fermano mai, mai, mai. Ti raccontano tutto, rispondono a domande che non hai mai posto, non sono di certo come tumultuosi fiumi in piena, ma possono diventare dolorosi e letali come la tortura cinese con la goccia d'acqua. Ian McEwan me lo immagino, appunto, così. Al senso di noia si aggiunge la vacuità dei (dubbi) riferimenti alla meccanica quantistica: è più che evidente che McEwen non ci capisca una benamata mazza di fisica e che però, a modo sua, ha avuto modo di sviluppare una concezione della meccanica quantistica da video su YouTube e/o da documentario New Age sul rapporto fra materia e coscienza, spazio e tempo e altri discorsi da cannoni rullati e fatti girare senza pietà. Qualche vicino di casa gli avrà spiegato uno o due concetti e lui li ha infilati qua e là, per fare il figo, blaterando inutilmente su cose che non capisce. Un po' come quei compagni di classe delle medie che facevano finta di essere intelligenti ripetendo le cose che avevano sentito dai più grandi, senza averle necessariamente comprese. Perso per perso, meglio un Paulo Coelho, sfacciatamente e spudoratamente spirituale, o meglio un film visionario delle sorelle Wachowski, anziché uno che si spaccia come il nuovo Henry James mentre in realtà è l'ennesimo bimbominkia. Ammetto che, da quando ho cominciato a cavicchiarmela con l'inglese, di solito preferisco leggere i libri degli autori AngloAmericani in originale. Era davvero da un bel po' di tempo che non leggevo un libro tradotto dall'inglese e, magari, la scrittura originale di McEwan è molto più spontanea e scorrevole. Sarà. Per il momento, però, non penso che mi riaffaccerò alla sua opera in tempi brevi.

Leggi di più Leggi di meno
VITTORIA BORRACCI
Recensioni: 5/5

Ogni romanzo di McEwan è un'esperienza unica e preziosa. E' uno scrittore poliedrico che riesce a scrivere libri completamente diversi l'uno dall'altro, tutti straordinariamente belli. Bambini nel tempo non fa eccezione. E' una storia poetica, al confine fra il sogno e la dura realtà, che parte da un evento profondamente traumatico e finisce per essere una riflessione profonda sulla psiche umana.

Leggi di più Leggi di meno
Carmine  Alterio
Recensioni: 3/5

Il primo capitolo imbastisce una storia piuttosto sensata e interessante. Stephen, il protagonista, va a fare la spesa con la sua amata figlioletta di sei anni, che all'improvviso sparisce nel nulla, probabilmente rapita, e ciò getta nell'angoscia più profonda lui e sua moglie. Da lì mi aspettavo un sviluppo di una storia inerente a ciò che era accaduto, ma invece McEwan cambia scenario, inizia a far disperdere completamente tutta la consistenza della trama e, tra pedanti filosofeggiamenti sull'infanzia in tutte le sue sfumature e inconsistenti avvenimenti, il romanzo galleggia in mezzo ad astrazioni, che hanno anche la presunzione di voler ostentare qualche frase ad effetto qua e là. E' una lettura che mi ha profondamente tediata, l'ho trovata pesante, sia per lo stile di scrittura che per il contenuto.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,4/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(2)
2
(1)
1
(0)

Conosci l'autore

Ian McEwan

1948, Aldershot

Scrittore e sceneggiatore britannico. Esordisce con due raccolte di novelle, Primo amore, ultimi riti (1975 - pubblicato da Einaudi nel 1979 con la traduzione di Stefania Bertola) e Tra le lenzuola (1978 - edito da Einaudi nel 1982 sempre con la traduzione della Bertola), che ritraggono, in uno stile raffinato e impersonale, situazioni quotidiane, dominate tuttavia dall’ossessione per il sesso e segnate dalla morte. Sesso, perversione e morte sono temi trattati anche nei primi romanzi, Il giardino di cemento (1978, portato sul grande schermo nel 1993 dal regista Andrew Birkin con la nipote Charlotte Gainsbourg e tradotto dalla Bertola per Einaudi nel 1980) e Cortesie per gli ospiti (The Comfort of Strangers 1981 - Eianudi 1983, tradotto in film nel 1991 dal regista Paul Schrader con...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore