Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 157 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La novella degli scacchi
9,02 € 9,50 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+90 punti Effe
-5% 9,50 € 9,02 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,02 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,02 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La novella degli scacchi - Stefan Zweig - copertina
Chiudi

Descrizione


«Fra i due si instaurò di colpo un rapporto diverso; una pericolosa tensione, un odio appassionato. Ormai non erano piú due persone che volevano mettere alla prova la propria perizia nel gioco, erano due nemici che avevano giurato di distruggersi a vicenda.»

«Il miglior racconto di Stefan Zweig»Daniele Del Giudice

Chi è lo sconosciuto in grado di tenere testa al grande Czentovic, il campione del mondo di scacchi? Dice il vero, quando sostiene di non giocare da piú di venti anni? Quale mistero nasconde in realtà quest'enigmatico giocatore? Scritto pochi mesi prima che Zweig si suicidasse nella città brasiliana di Petrópolis, Novella degli scacchi è una inquietante favola, «un piccolo contributo – come sostiene con dolorosa ironia il protagonista – a questa nostra epoca cosí grande e soave».

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2015
Tascabile
14 maggio 2015
82 p.
9788806227654

Valutazioni e recensioni

4,2/5
Recensioni: 4/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(2)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 3/5

Lettura molto scorrevole che trasporta il lettore nella seconda guerra mondiale. In particolare si sofferma sul singolare metodo di tortura cui va incontro il protagonista. Tale tortura, totalmente mentale e non fisica, porta il protagonista alla ricerca disperata di una via di fuga dalla pazzia. Gli scacchi si configurano così come unica soluzione alla trappola psicologica della solitudine, diventando così un aspetto cruciale della vita del protagonista anche nel suo futuro. Lo consiglio a chi cerca una lettura veloce e non particolarmente impegnativa, ma comunque interessante

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Il libro mi è piaciuto molto , soprattutto novella degli scacchi che entra nel pieno della follia di un uomo che come si può capire dal titolo ha a che fare con il mondo degli scacchi. Personalmente Paura è un racconto per alcuni versi noioso, ma vale la pena leggerlo. Lettera di una sconosciuta è un completo capolavoro. Zweig mi ha totalmente sorpreso , soprattutto perchè questo è stato il suo primo libro che ho comprato e letto. Credo che farò altre spese sui suoi libri.

Leggi di più Leggi di meno
Maria Airoldi
Recensioni: 5/5

Apparentemente questo libro è solo il racconto di una sfida davanti a una scacchiera, limitata nel tempo e nelle conseguenze. Di fatto però i due protagonisti si caratterizzano in modo totalmente antitetico. Per il primo il gioco è solo abilità tecnica, esercizio consumato e gratificante. Per l'altro, come scopriremo nel corso del racconto, la capacità acquisita è frutto di una sofferenza patita fin quasi allo smarrimento della ragione. Perciò la storia si rivela una amara metafora del conflitto fra due forme diverse di civiltà: una tecnica incapace di pensiero critico e una cultura storica ormai fragile e spossata. Una straordinaria proiezione dell'interiorità dell'autore, che soffre questa contraddizione fino al compimento della resa finale

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,2/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(2)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Stefan Zweig

1881, Vienna

Nato il 28 novembre 1881 a Vienna, Zweig era figlio di un ricco industriale ebreo e per questo potè studiare con tutta libertà, seguendo i suoi gusti che lo portavano a interessarsi di letteratura, filosofia e storia.L'atmosfera cosmopolita della Vienna imperiale favorisce la sua curiosità del mondo, che si trasforma in una sorta di bulimia culturale. Come letterato esordisce con poemi in cui si percepisce l'influenza di Hofmannsthal e Rilke, di cui parla nella sua autobiografia Il mondo di ieri (Die Welt von gestern, 1942). Per Stefan Zweig "la letteratura non è la vita", ma "un mezzo di esaltazione della vita, un modo di cogliere il dramma in maniera più chiara e intelleggibile". La sua ambizione è dunque "dare alla mia esistenza l'ampiezza, la pienezza,...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore