Img Top pdp IT book
Salvato in 424 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Pragmatica della comunicazione umana. Studio dei modelli interattivi, delle patologie e dei paradossi
17,10 € 18,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+170 punti Effe
-5% 18,00 € 17,10 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Pragmatica della comunicazione umana. Studio dei modelli interattivi, delle patologie e dei paradossi - Paul Watzlawick,J. H. Beavin,D. D. Jackson - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Pragmatica della comunicazione umana. Studio dei modelli interattivi, delle patologie e dei paradossi Paul Watzlawick,J. H. Beavin,D. D. Jackson
€ 18,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

È possibile pensare che i rapporti interattivi tra individui siano determinati essenzialmente dai tipi di comunicazione che essi adoperano fra loro? Due tesi sono centrali in questo libro: 1) il comportamento patologico (nevrosi, psicosi, e in genere le psicopatologie) non esiste nell'individuo isolato ma è soltanto un tipo di interazione patologica tra individui; 2) è possibile, studiando la comunicazione, individuare delle 'patologie' della comunicazione e dimostrare che sono esse a produrre le interazioni patologiche. Considerando un esempio di interazioni patologiche, quelle descritte nel dramma di Albee Chi ha paura di Virginia Woolf?, con un'analisi puntuale del testo gli autori svelano le patologie della comunicazione (i giochi, le tattiche, le simmetrie, i vari meccanismi di comunicazione) che predominano in questo spezzone di 'ménage cronico' più vero di un documento autentico. Quest'analisi non si limita a un'interpretazione dei meccanismi interattivi, ma scopre procedimenti pragmatici (comportamentali) che consentono di intervenire nelle interazioni e di codificarle. 'Paradossalmente', è proprio con l'induzione di 'doppi legami', con l'invio di messaggi paradossali, con la 'prescrizione del sintomo' e altri procedimenti di questo tipo che il terapeuta riuscirà a sbloccare situazioni nevrotiche o psicotiche apparentemente inespugnabili.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

1971
1 novembre 1978
288 p., Brossura
9788834001424

Valutazioni e recensioni

4,67/5
Recensioni: 5/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 5/5

Prodotto ottimo. I Tempi di consegnare previsti sono stati rispettati

Leggi di più Leggi di meno
Brigitta ESPINOZA
Recensioni: 4/5

Con questo testo Paul Watzlawick si propone di indagare le regole che sono universalmente alla base della comunicazione umana. Il testo porta a comprendere con un linguaggio a tratti più specialistico ma sempre comprensibile quello che avviene all'interno dell'eterno gioco della comunicazione e delle sue implicazioni. Testo fondamentale per chiunque si occupi di comunicazione o di aree umanistiche che vedono la relazione al centro del loro interesse.

Leggi di più Leggi di meno
SERGIO MARTINEZ
Recensioni: 5/5

Un libro fondamentale per chi si occupa professionalmente di comunicazione, dagli insegnanti ai marketing manager, dagli avvocati ai politici, ai preti, … La sua lettura, almeno di alcuni capitoli, dovrebbe essere raccomandata anche a tutti gli studenti della scuola media superiore: forse che un medico o una parrucchiera, un commerciante o una scienziata, … possono fare a meno di comunicare? Se fossi un giudice ne imporrei la conoscenza a tutte le coppie che chiedono la separazione perche’ molti matrimoni non si dissolverebbero se solo i coniugi comprendessero certi aspetti della comunicazione (es. dell’impossibile di non-comunicare; dei due livelli della comunicazione, di relazione e di contenuto; della punteggiatura; delle relazioni complementari e simmetriche; …) Un libro, quindi, utile per tutti, non solo per i destinatari originali (psichiatri e psicologi), da leggere e, ogni tanto, riprendere in mano per aiutarci a vivere al meglio nella societa’

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,67/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Paul Watzlawick

1921, Villaco (Austria)

Filosofo, sociologo e psicologo austriaco, è considerato uno dei maggiori studiosi della comunicazione. Ha lavorato dal 1960 al Mental Research Institute di Palo Alto, California, e dal 1976 ha insegnato all’Università di Stanford. Tra i suoi libri ricordiamo Il linguaggio del cambiamento. Elementi di comunicazione terapeutica (1980), Istruzioni per rendersi infelici (1984), Il codino del Barone di Münchhausen. Ovvero: psicoterapia e “realtà” (1989) e La realtà inventata (1988), editi da Feltrinelli.

J. H. Beavin

Janet Helmick Beavin è stata per anni collaboratrice di Paul Watzlawick ed è fra i principali ricercatori del Mental Research Institute di Palo Alto, in California. Ha scritto Pragmatica della comunicazione umana. Studio dei modelli interattivi, delle patologie e dei paradossi (Astrolabio Ubaldini 1971) con D. D. Jackson e Paul Watzlawick.

D. D. Jackson

1920

Donald deAvila Jackson  è un famoso psichiatra statunitense. Dopo essersi formato con Harry Sullivan, ha lavorato nel gruppo di Gregory Bateson contribuendo agli studi sul doppio legame negli anni '50. Nel settembre del 1958 ha fondato il Mental Research Institute, in cui si sono formate o hanno dato contributi personalità quali Paul Watzlawick, Jay Haley, John Weakland, Virginia Satir e Milton H. Erickson. Autore o coautore di più di 130 articoli e sette libri, ha vinto numerosi premi nel campo della psichiatria, tra cui: il premio Frieda Fromm-Reichmann per il contributo alla comprensione della schizofrenia, il primo premio Edward R. Strecker per il contributo al trattamento di pazienti ospedalizzati e nel 1967 è stato insignito del Salmon Lecturer.In Italia...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore