Img Top pdp IT book
Salvato in 214 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Crepuscolo degli idoli ovvero come si filosofa col martello
12,35 € 13,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+120 punti Effe
-5% 13,00 € 12,35 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Crepuscolo degli idoli ovvero come si filosofa col martello - Friedrich Nietzsche - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Crepuscolo degli idoli ovvero come si filosofa col martello Friedrich Nietzsche
€ 13,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Gli idoli sono le vecchie verità cui gli uomini hanno creduto sinora. Socrate, per N. ha corrotto l'anima greca col veleno della "ragionevolezza a tutti i costi". Affronta poi il problema della trascendenza. Riprende anche un tema favorito, la "morale come contro-natura". Successivamente designa gli errori che hanno traviato gli uomini: la confusione tra causa e effetto, il concetto della causalità, il ricorso a cause immaginarie per spiegare le azioni e infine il concetto del libero arbitrio. Nelle notazioni sulla "psicologia dell'artista" N. esalta l'arte come stimolatrice della vita e vede l'"ebrezza" come condizione preliminare di ogni creazione artistica. Predica infine il ritorno alla natura come "amor fati".
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

10
1983
24 ottobre 1994
142 p., Brossura
9788845905438

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Utente  Anonimo
Recensioni: 5/5

È incredibile che l'unica recensione presente per un opera capitale quale è questa sia quella di uno che il libro, sarò un santo nella prossima espressione, lo ha letto con una visione bigotta tipica di quella gentaglia, che tanto lui difende, che vive nella bolla di sapone creato dal regime massificante ( ma soprattutto inumano) quale era quello novecentesco e, in seguito, quello contemporaneo e che, inoltre, sotto l'ennesima e patetica sottotraccia da giusnaturalismo liberale, inteso l'utente in questione, nasconde lui per primo aspirazioni di vita simili a quelli che si vivono nei regimi totalitari ( oltre ovviamente a dimostrare un ignoranza incredibile, a livello storico e filosofico, riguardo il periodo storico che intercorre tra Pre-socratismo e l'ascesa di Socrate). Ma forse non mi devo sorprendere di una tale afasia critica da chi ha disgusto per l'umanità e venera, contemporaneamente, le immagini. Fatto questo necessario preambolo, il Crepuscolo degli idoli si presenta, per le tesi esposte, un opera fondamentale per lo sviluppo finale del pensiero Nietzschiano. Nietzsche analizza accuratamente quali sono i meccanismi di controllo ( in primis la moralità) attraverso i quali la gente viene indotta a sviluppare quel pensiero gregario che lo rende utile e sottomesso a cause esterne alle proprie, soggiogando l'uomo ad una condizione di schiavitù invisibile: la schiavitù dei sensi e della volontà. Geniale l'intuizione, e per molti versi rivoluzionaria se si guarda all'importanza che ha avuto questo aspetto in filosofi come Focault, secondo la quale con Socrate sia cominciata la pratica del giudicare la vita e ancora piu importante è stato l'avere riconosciuto in questa la sostanziale tendenza antivitalistica, in quanto antepone una presunta verità alla vita stessa. Lo stesso discorso vale con la creazione del libero arbitrio ( che non bisogna confondere con la volontà) che altro non è che un dispositivo attraverso la quale si incolpa sottilmente la libertà degli uomini come prima responsabile di azioni deviate. Ma ancora più importante è la teoria della trasmutazione dei valori che, a mio avviso, sferra il colpo decisivo allo storicismo hegeliano. Ovviamente bisogna partire dal presupposto che tali posizioni ( a differenza di quanto afferma il paladino della giustizia socratica) siano stati sviluppate solo in campo teorico e che con l'avvento della globalizzazione massificante e del postmodernismo liquido, tali prospettive sono diventate praticamente irrealizzabili. Ma leggere Nietzsche, a mio avviso, rende almeno capaci di ritagliarsi uno spazio di libertà personale. Piccolo certo, ma praticamente un paradiso se paragonato alla mediocrità odierna

Leggi di più Leggi di meno
Danillo Bellini
Recensioni: 1/5

Un saggio sconcertante per i suoi contenuti, a cominciare dal grottesco tentativo di confutazione del pensiero e della personalità di Socrate. Nietzsche usa addirittura la fisiognomica (si sa che Socrate era esteticamente sgradevole) e la sua classe sociale (“plebaglia”) per cercare di svalutarlo come persona e come filosofo. Patetico anche il tentativo di svalorizzare la dialettica socratica “Bisogna aver da ottenere a forza la propria ragione: altrimenti non si fa uso della dialettica. Perciò gli Ebrei erano dialettici”. Anche quando Nietzsche usa argomenti più seri è poco credibile. Sicuramente l’insegnamento di Socrate ha contribuito a distruggere la visione tragica della vita tipica del greco arcaico, tuttavia il suo passaggio ad una visione razionale, ottimistica e morale della vita mi sembra ampiamente preferibile alla visione precedente. Allo stesso modo la “volontà di potenza” intesa come lasciare libero sfogo ad istinti quali la sessualità, l’orgoglio, la sete di possesso, la sete di dominio e la sete di vendetta porterebbe facilmente a comportamenti antisociali o criminali. Anche la negazione di una qualsiasi morale appare come un pensiero ultra individualista non applicabile a livello sociale. Sarebbe una guerra di tutti contro tutti. In diverse occasioni affiora poi la sua concezione aristocratica (classista) e antidemocratica della società. Onestamente non capisco come questo filosofo sia così considerato. Sul fatto che la civiltà occidentale, con il predominio della tecnica e dell’economia sull’uomo, sia arrivata ad un punto critico, possiamo essere d’accordo, tuttavia per me, ciò è dovuto al predominio della libertà individuale sulla morale. In un certo modo le idee di Nietzsche hanno comunque preso il sopravvento nella società.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(1)

Conosci l'autore

Friedrich Nietzsche

1844, Röcken

Filosofo e scrittore tedesco. Appassionato cultore di musica e filologia classica, nel 1868 conosce a Lipsia Wagner, ricevendone un'impronta profonda, ben avvertibile nelle sue prime opere: La nascita della tragedia dallo spirito della musica (1872) e le Considerazioni inattuali (1873-1876). Nel 1879 le precarie condizioni di salute lo spingono ad abbandonare Basilea per cercare sollievo in Svizzera e in Italia. Quelli che seguono sono anni di intensa produzione intellettuale. Compone: Umano, troppo umano (1878), La gaia scienza (1882), Così parlo Zarathustra (1883-1885), Al di là del bene e del male (1886), Per una genealogia della morale (1887), Il caso Wagner (1888). Continua a passare da una clinica all'altra fino alla morte. Ha lasciato...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore