Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
Epepe - Ferenc Karinthy - copertina
Epepe - Ferenc Karinthy - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 146 liste dei desideri
Disponibilità immediata
Epepe
17,10 €
-5% 18,00 €
17,10 € 18,00 € -5%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Epepe - Ferenc Karinthy - copertina
Chiudi

Descrizione



Ci sono libri che hanno la prodigiosa, temibile capacità di dare, semplicemente, corpo agli incubi. "Epepe" è uno di questi.

Inutile, dopo averlo letto, tentare di scacciarlo dalla mente: vi resterà annidato, che lo vogliate o no. Immaginate di finire, per un beffardo disguido, in una labirintica città di cui ignorate nome e posizione geografica, dove si agita giorno e notte una folla oceanica, anonima e minacciosa. Immaginate di ritrovarvi senza documenti, senza denaro e punti di riferimento. Immaginate che gli abitanti di questa sterminata metropoli parlino una lingua impenetrabile, con un alfabeto vagamente simile alle rune gotiche e ai caratteri cuneiformi dei Sumeri - e immaginate che nessuno comprenda né la vostra né le lingue più diffuse. Se anche riuscite a immaginare tutto questo, non avrete che una pallida idea dell'angoscia e della rabbiosa frustrazione di Budai, il protagonista di "Epepe". Perché Budai, eminente linguista specializzato in ricerche etimologiche, ha familiarità con decine di idiomi diversi, doti logiche affinate da anni di lavoro scientifico e una caparbietà senza uguali. Eppure, il solo essere umano disposto a confortarlo, benché non lo capisca, pare sia la bionda ragazza che manovra l'ascensore di un hotel: una ragazza che si chiama Epepe, ma forse anche - chi può dirlo? - Bebe o Tetete.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2015
11 giugno 2015
217 p.
9788845929922

Valutazioni e recensioni

Recensioni: 4/5

Un professore di Linguistica di nome Dubai si sta recando ad Helsinki per un congresso, ma all'aeroporto di Budapest sbaglia uscita e si ritrova in un posto ignoto, e da quel momento sarà una continua corsa contro il tempo, il destino, la malasorte, un continuo tentativo di andarsene da quel luogo. Si avverte l'urgenza dell'azione, il cuore in gola e l'angoscia ad ogni pagina ad ogni riga, uno scontro fisico e verbale , una stanchezza perenne delle membra, eppure.. Dubai non si da per vinto. L'incomunicabilità dalla quale è attorniato e isolato come se ci fosse un velo insonorizzato fra lui e gli altri e dalla quale pare non ci sia via d'uscita, lo plasma, in un processo lento, ma inesorabile. La sopravvivenza che è insita in ogni essere umano scalcia per prendere il comando della situazione, e così, mediante un processo di adattamento Dubai si allinea all'ambiente circostante. Il bisogno quasi doloroso di sentirsi parte di qualcosa, anche se piccolo, anche di una speranza, un cenno, di una sorta di legame, quel tanto che basta per non sentirsi un puntino sperso nell'universo, lo fa avvicinare a Epepe, la ragazza addetta all'ascensore dell'albergo. Le certezze di Dubai incominciano a sgretolarsi, portando alla trasformazione dell'io. Credo che il punto nodale del racconto, tra l'altro molto scorrevole, sia proprio da cercare nelle azioni e nei processi mentali che l'essere umano adopera per trovare una soluzione e una motivazione a ciò che di terribile o di imprevisto potrebbe capitargli nella vita. Ed è proprio quando nel lasciare che le cose vadano come devono andare, proprio quando Dubai si appropria del destino senza subirlo più, ma cercando di farne parte, ecco che avviene la svolta. Il finale del libro potrebbe sembrare precipitoso , ma credo invece che il messaggio sia ben chiaro. E' proprio quando siamo pronti ad aprirci, ad accogliere e a seguire gli indizi che la vita ci offre, che avviene il cambiamento, e in quel preciso istante in cui credi di esserti arreso, in realtà è il momento in cui ti sei realmente messo in contatto con l'universo.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 4/5

Può essere classificato come distopico questo romanzo in cui, come riporta la trama, un rinomato linguista finisce per sbaglio in una città la cui lingua gli è incomprensibile, nonostante tutte quelle che conosce. All'inizio la storia assomiglia a quegli incubi in cui non riusciamo a tornare a casa, o sbagliamo a fare una telefonata, ma più va avanti, l'angoscia del protagonista da incubo, da materia letteraria, si infiltra nella nostra realtà. La folla, le code non sembrano quelle in cui rimaniamo imbottigliati nei nostri giorni di vacanza? E il cibo sempre con lo stesso retrogusto dolciastro, da monomarca sovietica inizia ad assomigliare alla finta diversità delle multinazionali. MacDonald in tutto il mondo. Alienazione, quindi, fra le persone, nelle città, sconfinate, palazzi su palazzi. Fa un po' paura. Da leggere perché le vere distopie sono queste che fanno pensare ai difetti e agli incubi del presente.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Un uomo - un linguista, che padroneggia senza problemi una decina di lingue - si ritrova improvvisamente prigioniero di una città sconosciuta, i cui abitanti parlano un idioma indecifrabile. Budai diventa uno straniero, in una terra che non fa nulla per capirlo. Uno solo, tra i tanti volti che incontra, gli sorride. È una donna, addetta a manovrare l'ascensore di un hotel. È Epepe, o forse Tetete, o forse Bebe. I fonemi di quella lingua sconosciuta sembrano cambiare ogni volta... Un libro angosciante e irritante. Impossibile non immedesimarsi nel protagonista; impossibile non caricarsi della sua rabbia e della sua disperazione. Impossibile non sprofondare nella narrazione. Uno spunto interessante sulla condizione di straniero, lasciato a se stesso in un mondo che non riesce a decifrare. Avvolto in una folla disumana di persone, eppure inevitabilmente solo. E, allo stesso tempo, un romanzo su un amore sincero e incomprensibile, capace di fermare per un attimo il tempo e l'angoscia della vita. Quello in cui si ritrova Budai è un mondo che fa pensare al futuro, veloce, frenetico, impenetrabile. Un mondo che forse un giorno esisterà. E un mondo al cui interno chi ancora vorrà procedere lentamente, chi vorrà fermarsi a parlare, sarà irrimediabilmente uno straniero.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,6/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Ferenc Karinthy

1921, Budapest

Figlio del celebre scrittore ungherese Frigyes Karinthy, fu linguista, autore di romanzi e di racconti, drammaturgo e traduttore, oltre che campione di nuoto e di pallanuoto. Fece anche da animatore di quiz letterari in radio e televisione.In Italia sono stati pubblicati i suoi Epepe (Voland 2003 e Adelphi 2015) e Tempi felici (Adelphi 2016).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore