Salvato in 152 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Freud e la psicologia dell'arte
14,25 € 15,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+140 punti Effe
-5% 15,00 € 14,25 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
14,25 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Freud e la psicologia dell'arte - Ernst H. Gombrich - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Freud e la psicologia dell'arte Ernst H. Gombrich
€ 15,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Dettagli

2001
30 marzo 2001
111 p.
9788806158606

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
Millichidulina
Recensioni: 3/5
Gombrich sempre difficilissimo

Carino, ma mi pare che stia girando intorno a nulla

Leggi di più Leggi di meno
MARIO COBUZZI
Recensioni: 5/5

Questo libriccino,che raccoglie tre conferenze di Ernst Gombrich,gode di una fortuna editoriale e di una alta considerazione tra gli specialisti che non sembra diminuire. Giustamente,aggiungo io,perché questo smilzo libretto è davvero splendido! Come dicevo,tre conferenze;tre conferenze in cui Gombrich affronta il tema,per certi versi spinoso,della indagine psicologica applicata allo studio delle opere d’arte e degli artisti. Il grande storico dell’arte giunge spesso a delle conclusioni inaspettate che gettano nuova luce su questioni diverse (specialmente in riferimento all’idea generale sull’estetica freudiana),riversando nelle pagine molti dei capisaldi della sua speculazione (in particolar modo nella seconda conferenza). Nella prima conferenza,il cui titolo originale è “Freud’s Aesthetics”,Gombrich affronta da vicino l’estetica freudiana,offrendone una interpretazione personale e diversa da quella,più diffusa e semplicistica,che vede in Freud un interesse esclusivo per il significato inconscio dell’opera d’arte. Partendo dal noto tradizionalismo di Freud (vengono ricordati i suoi rifiuti dell’Espressionismo e del Surrealismo),Gombrich,ricollegandosi alla nozione di “motto di spirito”,dimostra quanto sia insufficiente l’interpretazione dominante della teoria artistica freudiana:”Lungi dal cercare nel mondo dell’arte solo il contenuto inconscio,egli insistè su quel grado di adeguamento alla realtà che solo può trasformare un sogno in un’opera d’arte”;dunque,Freud non era interessato solo ai dati inconsci dell’artista presenti nell’opera, e soprattutto,non è la presenza di quei dati a determinare l’appartenenza dell’opera alla sfera dell’arte. Infatti:” E’ spesso l’involucro a determinare il contenuto. Solo le idee inconsce che possono essere adeguate alla realtà delle strutture formali divengono comunicabili e il loro valore per gli altri sta per lo meno altrettanto nella struttura formale quanto nell’idea stessa. Il codice genera il messaggio”. La forma diventa quindi,nel pensiero freudiano,il fattore determinante che distingue le opere dei pazzi (degli espressionisti,per esempio),dalle opera d’arte create dagli artisti. La seconda conferenza presenta alcuni dei punti fondamentali del pensiero di Gombrich:da un lato l’insistenza sull’importanza della tradizione artistica nello sviluppo degli stili (“…molti artisti giovani che vorrebbero documentare le immagini del proprio inconscio,ritornano da questa loro descensus ad inferus con una versione dell’ultima trovata di Picasso,modificata quel tanto che basta perché l’opera sembri auto espressiva”), dall’altro la consapevolezza che “un’arte matura può crescere solamente entro i limiti di ciò che io chiamo l’istituzione- entro,cioè,il contesto sociale di un determinato atteggiamento estetico”. E dunque,come scrive Carlo Ginzburg,in Gombrich “la storia (i rapporti tra fenomeni artistici e storia politica,religiosa,sociale,della mentalità,ecc.) estromessa silenziosamente dalla porta,rientra dalla finestra”. L’ultima conferenza affronta invece i temi,più generali,del possibile rapporto di collaborazione tra studi storico artistici (più specificamente,l’iconologia) e psicologia per lo studio della storia dei simboli; del significato del simbolo,legato al segno attraverso cui si manifesta;e dunque il rapporto tra forma e contenuto espressivo. Un libriccino,dicevo all’inizio; ma un libriccino denso di idee e spunti di riflessioni che,nonostante i più di quarant’anni passati dalla sua prima pubblicazione in lingua italiana,non perde nulla della sua vitalità!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Ernst H. Gombrich

1909, Vienna

Sir Ernst Hans Josef Gombrich (Vienna, 30 marzo 1909 – Londra, 3 novembre 2001) è stato uno storico dell'arte austriaco naturalizzato britannico.Allievo dello storico dell'arte Julius von Schlosser, terminò i suoi studi con la tesi di laurea su Giulio Romano rielaborata nei due anni successivi e pubblicata con il titolo Zum Werke Giulio Romanos sulla rivista «Jahrbuch der kunsthistorischen Sammlungen in Wien». A causa del nazismo si rifugiò a Londra, dove iniziò a lavorare nella biblioteca del Warburg Institute, di cui divenne direttore nel 1951 fino al 1976; contemporaneamente, dal 1959 al 1974 insegnò storia dell'arte a Oxford e storia di questa tradizione classica all'Università di Londra. Venne nominato commendatore dell'ordine...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore