Le mie prigioni

Descrizione

Dieci anni di carcere duro narrati in prima persona.

Quarta di copertina

Pubblicato nel novembre 1832, Le mie prigioni si impose, per l'immediato successo e l'enorme risonanza, come un caso letterario eccezionale: il moltiplicarsi delle edizioni italiane e delle traduzioni ne fecero il libro italiano più celebre e letto nell'Europa dell'Ottocento. Nelle intenzioni dell'autore, non voleva essere né un libello antiaustriaco né la vendetta di un letterato perseguitato, ma la testimonianza della sua storia interiore, della sua maturazione morale attraverso le sofferenze, le lunghe meditazioni e letture, l'autodisciplina psicologica del carcere. La qualità più evidente e la forza più intensa di quest'opera rimase, per ogni lettore, la pacata e lucida verità che emergeva dalle sue pagine. Le mie prigioni si inserisce a pieno diritto in quel filone realistico, di forte tensione etica, alieno dagli eccessi della fantasia e del patetico, che ha in Milano il luogo l'irraggiamento e in Manzoni il caposcuola indiscusso.

Dopo aver letto il libro Le mie prigioni di Silvio Pellico ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


 
Cardif
 
Dogalize

Top Silvio Pellico

Visualizza tutti i prodotti