;
Le rose del deserto (1 DVD) di Mario Monicelli - DVD
Le rose del deserto (1 DVD) di Mario Monicelli - DVD - 2
Salvato in 13 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Le rose del deserto (1 DVD)
9,99 €
;
DVD
Dettagli Mostra info
Le rose del deserto (1 DVD) 100 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,99 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,99 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Le rose del deserto (1 DVD) di Mario Monicelli - DVD
Le rose del deserto (1 DVD) di Mario Monicelli - DVD - 2
Chiudi

Descrizione

Una sezione sanitaria dell'esercito italiano si accampa nell'estate del 1940 a Sorman, una sperduta oasi nel deserto della Libia. La guerra lì appare come qualcosa di astratto e distante, di cui arriva l'eco dei bollettini di guerra. Nel campo c'è un'aria rilassata: il maggiore comandante passa il tempo a scrivere appassionate lettere d'amore alla sua giovane moglie mentre un frate italiano coinvolge i militari nel soccorso della popolazione locale bisognosa di aiuto. Ma la guerra nell'Africa settentrionale all'improvviso precipita e il campo di Sorman viene invaso, prima dai soldati in fuga, poi dai feriti che cercano scampo dagli inglesi. Ufficiali e soldati della sezione si trovano per la prima volta bruscamente a contatto con la realtà della guerra.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Le rose del deserto
Italia
2006
DVD
8032700996712
Chiudi

Premi

    2007 - Nastro d'Argento - Miglior attore non protagonista - Haber Alessandro

Informazioni aggiuntive

Dolmen Video, 2007
Mustang
102 min
Italiano (Dolby Digital 5.1)
Italiano per non udenti
Wide Screen
PAL Area2
interviste; trailers; documentario; spot tv

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
PASQUALE DE RENZIS
Recensioni: 4/5

Deserto della Libia, 1940. In piena Seconda Guerra Mondiale la trentunesima sezione sanità dell’esercito italiano si accampa in attesa degli eventi. In una mescolanza di dialetti e caratteri tra i più disparati ciò che pare emergere è la mancanza degli affetti familiari e al tempo stesso la voglia di stare lontano dalla battaglia. La truppa è capitanata dal Maggiore Strucchi, un timido intellettuale che trascorre il tempo a scrivere alla moglie, fingendo di redigere rapporti, e che incornicia ogni sua affermazione rivolgendosi agli interlocutori con un PerIlBeneCheTiVoglio, a sottolineare il suo animo tanto placido da sentirsi fuori luogo in quel contesto bellico. Tra i camerati c’è il giovane tenente Salvi che, al contrario degli altri, è partito volontario, prima di terminare i suoi studi in oculistica; a convincerlo a lanciarsi in questa avventura non è stata tanto la voglia di diffondere l’ideologia fascista o la supremazia della razza italica quanto l’amore per i viaggi e per la conoscenza degli altri paesi che in ogni momento approfitta per immortalare con la sua macchina fotografica. Ad accogliere in terra africana la stravagante “armata” c’è Padre Simeone, un frate burbero e moralista che conosce bene gli indigeni perché cresciuto e vissuto come missionario in quel paese dove è riuscito con le sue mani a costruire una scuola per i bambini. Grazie all’intercessione tanto opportunista quanto involontaria del frate la diffidenza della gente del posto nei confronti degli occupanti va pian piano scemando, almeno fino a quando i nostri non vengono a contatto con comportamenti e tradizioni locali che, lontane dalla loro concezione di vita, fanno fatica o preferiscono non rispettare. Quella che a detta del Duce doveva essere una guerra lampo con una permanenza di al massimo tre mesi in terra africana, diventa per la trentunesima sezione sanità un calvario prima di tutto psicologico per le psicosi e le manie di ognuno dei componenti la truppa alle prese con le notizie che arrivano dall’Italia, poi, con l’avanzare dell’esercito britannico, la situazione diventa complicata e fisicamente pericolosa, e la battaglia arriva inaspettata a colpire alcuni di loro, tra l’inumana perfidia dell’altezzoso “alleato” nazista e l’inopportuno quanto inutile orgoglio dei generali fascisti attenti a non confondere strategici ripiegamenti con vili fughe, e desiderosi di vedere sorgere nel deserto cimiteri da riempire simbolicamente con valorosi corpi sacrificati per la Patria. Sette anni dopo “Panni sporchi”, il film con cui aveva chiuso il secolo scorso, mentre qualcuno già diceva che oramai non c’era più l’età, la forza e la voglia di mettersi ancora dietro la macchina da presa, l’1 dicembre del 2006, con l’uscita de “Le rose del deserto”, Mario Monicelli dimostra non solo di essere abile più che mai ma che, a 91 anni suonati, non esisteva in Italia miglior direttore di commedia. Il congedo cinematografico del maestro toscano rappresentato da quest’opera è pura commedia all’italiana, un film che non ha una vera e propria storia, non c’è alcun intrigo perché come dice Monicelli “gli intrighi servono solo quando non si sa raccontare una storia”. Personaggi diversissimi con pensieri comuni nati dalla condizione in cui sono obbligati a trovarsi; maschere italiane che solo negli anni d’oro avevamo visto disegnate così magistralmente; risate amare e grasse che rincuorano per la possibilità di fare ancora un cinema del genere: non c’è bisogno della volgarità, del falso perbenismo, del tormentone, della bieca presa in giro, né tantomeno di compiacere il pubblico con parodie generazionali per farlo divertire. Una serie di episodi a fare da collante tra i vari commilitoni alle prese prima con l’accampamento, poi con il frate francescano che si unisce a loro, poi con la popolazione africana, poi con i nazisti e gli irriducibili fascisti, e sullo sfondo un deserto e un’atmosfera da Mille e una notte dal fascino misterioso con una guerra che incombe e pare tanto lontana da colpire in maniera inaspettata. Prendendo spunto dai testi di Mario Tobino (il deserto della Libia), viareggino come lui, e di Giancarlo Fusco (Le rose del ventennio), Monicelli dà vita ad una sceneggiatura brillante, cesellata da Alessandro Bencivenni e Domenico Saverni, che, nonostante racconti un’epoca lontana, suona attuale vuoi per alcune espressioni purtroppo sentite e risentite negli ultimi anni (“siamo venuti qui a portare democrazia e benessere”) vuoi per quell’atteggiamento tipicamente antieroico degli italiani, tratteggiato in molti dei suoi più grandi film (I compagni – I soliti ignoti – Amici miei) e principalmente nel suo capolavoro, “La grande guerra”, che con “Le rose del deserto” ha in comune non solo l’ambientazione bellica ma la descrizione meravigliosa del carattere del nostro popolo, tutt’altro che battagliero ma all’occorrenza leale, solidale e pronto al sacrificio. L’elogio al maestro Monicelli potrebbe non avere termine qualora si volesse ampliare il discorso a tutta la sua carriera, meritevole di spazio ben più ampio di poche righe all’interno di una recensione; quindi altro non resta che rammaricarsi del fatto che questa rimarrà l’ultima opera del regista, e sottolineare la scelta del cast da lui effettuata per “Le rose del deserto” e naturalmente lodare gli interpreti in questione: Alessandro Haber, al quinto film con Monicelli, nel ruolo del poetico e innamorato Maggiore Strucchi dimostra di essere un caratterista, reso protagonista in questa pellicola, capace di cambiare registro interpretativo, anche se il meglio riesce a darlo nella parte finale in cui torna lunatico e nevrotico più che mai; Giorgio Pasotti, forse impacciato più del necessario nel suo Tenente Salvi, deve fare i conti per la prima volta con un regista vecchio stampo e per questo la sua bravura è messa alla prova anche per l’abitudine alla commedia di stile, per così dire, “mucciniano”; ma su tutti spicca Michele Placido che, nelle vesti di Frà Simeone, conquista la scena facendolo da comprimario, non rubando spazio al protagonista ma esaltando con la sua verve tutte le altre interpretazioni, in una sublime prova che lo porta a disegnare un personaggio che pare esattamente l’alter ego di Mario Monicelli con la sua ironia pungente, con il cinismo spassoso, con la severa familiarità, con la sua genialità .

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 4/5

Due ipotesi per cui le 'rose del deserto' sono i soldati italiani in Libia. Perchè, come le pietre levigate dal vento, sono sottoposti ad incessante logorio senza potersi opporre in alcun modo; in maniera più poetica invece si possono intendere 'rose', cioè belle e rigogliose promesse (giovani, sani e valorosi), che nel deserto finiscono inevitabilmente per soccombere. L'impresa sciagurata delle conquiste africane del fascismo è solo la base del racconto; c'è costruita sopra una storia fatta di tante facce, tanti caratteri, tante emozioni ed un'unica sensazione di presa in giro; Monicelli in Libia ci andò davvero (come il conterraneo Tobino del resto, autore del romanzo da cui è tratto il film) e pare sensato credere che questo film sia dedicato appunto alle 'rose' abbandonate nel deserto, ovverosia le vite, le speranze dei commilitoni, degli amici, dei compagni di sventura che, purtroppo, dalla Libia non tornarono come i due viareggini. Impossibile non sentirsi toccati dai tanti momenti commoventi, fino allo straziante (il matrimonio per procura del soldato sepolto o l'abbandono del maggiore che vive per la propria moglie in patria, quando la viene a sapere morta). Mettere in scena una commedia all'italiana (perchè è questo lo spirito de Le rose del deserto) nel 2006 è impossibile per un solo, semplicissimo motivo: ne mancano i protagonisti. E questo, sia chiaro, nonostante qui il cast veda impegnata una serie di ottimi attori (bravissimo Placido): ma non ci sono più i Sordi o i Tognazzi o i Gassman che possono reggere l'intera storia da soli. Questo è un film di una poetica lievissima, profumata di nostalgia ed intensa come ben pochi registi italiani sanno ancora fare nel 2006: qualcuno vuole mettere in discussione le capacità del novantunenne Monicelli?

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Mario Monicelli

1915, Viareggio, Lucca

Regista italiano. Dopo aver realizzato nel 1935, con il cugino Alberto Mondadori, un mediometraggio (I ragazzi della via Paal) ed essere stato aiuto-regista e sceneggiatore, affronta la regia nel 1949, dirigendo con Steno otto film di prevalente intonazione comica e con un eccellente Totò (tra cui Vita da cani, 1950, e Guardie e ladri, 1951). Dal 1954 lavora da solo (Proibito, melodramma sociale da un romanzo di G. Deledda), alternando film drammatici a film comici, quasi sempre legati a temi di critica sociale. Dopo Totò e Carolina (1955), dirige la coppia A. Sordi-F. Valeri nel satirico Un eroe dei nostri tempi (1955), lancia E. Martinelli nella commedia rosa Donatella (1956) e anticipa la commedia all'italiana, rivelando le doti comiche di V. Gassman con I soliti ignoti (1958). Leone d'oro...

Michele Placido

1946, Ascoli Satriano, Foggia

Attore e regista italiano. Interprete dal carattere intenso e viscerale, ma capace anche di toni dimessi, fa la sua prima apparizione cinematografica in Teresa la ladra (1973) di C. Di Palma, seguita da un decennio in cui recita in numerosi film (tra i principali Romanzo popolare, 1974, di M. Monicelli e Salto nel vuoto, 1980, di M. Bellocchio). La svolta della sua carriera arriva nel 1984 con il ruolo del commissario Cattani nelle quattro fortunate serie televisive di La Piovra: diventa così uno degli attori italiani più richiesti e offre due vibranti interpretazioni in Mery per sempre (1989) di M. Risi e, nel ruolo di un losco affarista, in Lamerica (1994) di G. Amelio. Nel 1990 esordisce nella regia con Pummarò, un film sui problemi di integrazione degli immigrati. La sua carriera di regista...

Giorgio Pasotti

1973, Bergamo

A sei anni inizia la pratica del karate, poi del kobudo e del wushu. A 13 anni è cintura nera; nel 1987, si trasferisce in Cina per due mesi per conoscere tutti i segreti delle arti marziali. Nel 1992 riparte per la Cina e vi resta due anni. Qui è protagonista di due film: Treasure Hunt, in cui è un giovane americano che diventa un monaco del tempio di Shaolin e The drunken master. Nel 1998 appare sugli schermi cinematografici con i film italiani: I piccoli maestri, tratto dal romanzo sulla resistenza di Luigi Meneghello, ed Ecco fatto, opera prima di Gabriele Muccino, con Barbora Bobulova. Dopo le prime esperienze italiane di cinema approda in televisione, dove conduce il programma Cinematic su MTV Italia. Nel 2000 debutta in teatro, come protagonista insieme a Stefania...

Alessandro Haber

1947, Bologna

Attore italiano. Dopo l’infanzia trascorsa in Israele, esordisce giovanissimo sul grande schermo in una parte di sfondo in La Cina è vicina (1967) di M. Bellocchio. È l’inizio di una dura gavetta che lo porta ad accettare un numero considerevole di piccoli ruoli con registi quali B. Bertolucci, i fratelli Taviani, P. Del Monte e N. Parenti prima di ottenere i primi riconoscimenti come attore protagonista. Solo alla fine degli anni ’80, infatti, ha modo di dimostrare le sue non comuni doti d’interprete nelle commedie nere Regalo di Natale (1986) , Storia di ragazzi e di ragazze (1988) e La rivincita di Natale (2003) di P. Avati e soprattutto nel ruolo del mattatore nel semi-autobiografico La vera vita di Antonio H. (1994) di E. Monteleone. Tra le interpretazioni successive risalta nei ruoli...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore