Salvato in 10 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Se la cura è una danza. La metodologia espressivo-relazionale nella danzaterapia
35,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+350 punti Effe
35,00 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
35,00 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
35,00 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Se la cura è una danza. La metodologia espressivo-relazionale nella danzaterapia - Vincenzo Bellia - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Se la cura è una danza. La metodologia espressivo-relazionale nella danzaterapia Vincenzo Bellia
€ 35,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Questo volume presenta per la prima volta in modo sistematico la " danzaterapia espressivo-Relazionale" (Dmt-ER), un modello teorico e metodologico elaborato nell'ultimo decennio in Italia dall'autore e dalla sua scuola. La Dmt-ER è oggi diffusamente utilizzata nel trattamento dei disturbi psichiatrici, nella prevenzione del disagio in età evolutiva e nei più svariati contesti sociali, nel lavoro interculturale, nella formazione e nello sviluppo delle risorse umane. Disciplina ancora giovane, la danzaterapia si impone oggi all'attenzione della comunità professionale come collaudata risorsa di cura e di benessere. Marian Chace, forse la prima danzaterapeuta, affermava che "l'immagine del corpo è primariamente una creazione sociale". La danzaterapia opera dunque alla radice stessa dell'identità, l'intrinseca relazionalità di "un corpo tra altri corpi", attraverso un gioco espressivo-simbolico condiviso. E lo fa con metodo: anzi, con un patrimonio di metodologie ormai ricco e variegato. Questo volume presenta la prima sintesi organica del modello: le sue peculiarità all'interno della disciplina, i suoi riferimenti multidisciplinari, i principi di teoria della tecnica, i suoi più recenti sviluppi clinico-applicativi.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2007
9 maggio 2016
Libro universitario
304 p.
9788846486554
Chiudi

Indice

Indice:

Girolamo Lo Verso, Prefazione
Vincenzo Bellia, Introduzione: l'utopia del corpo
Vincenzo Bellia, Rosa Leonardi, Saccheggiando la storia della danzaterapia
(Un'ipotesi etnologica; La matrice psichiatrica della danzaterapia; Una zoomata: Marian Chace; La matrice antropologica della danzaterapia; Un'altra zoomata: Herns Duplan; Campo lungo: France Schott-Billmann; La matrice artistica della danzaterapia; Terza zoomata: Laura Sheleen; La matrice psicodinamica della danzaterapia; Geografie della danzaterapia; Un'altra ipotesi storiografica...)
Vincenzo Bellia, La danzaterapia espressivo-relazionale
(Dall'Expression Primitive alla Dmt-ER; Teorie di una prassi; Tracce metodologiche; Incontrare il corpo nel campo del molteplice; Prospettive di sviluppo)
Vincenzo Bellia, La parabola della sessione di danzaterapia
("Immergersi" nell'esperienza; Oltre la superficie; Andare "fino in fondo"?; L'importanza di uscire; Uno sguardo all'antropologia; La parabola trifasica come utility; Come attivare le strutture dell'azione?; Modelli di riscaldamento; La conduzione)
Benoit Lesage, Quale corpo? Le strutture psicocorporee e la danzaterapia
(Il quadro filosofico: l'intenzionalità del corpo; Tonicità e intensità; Spazialità; Temporalità; Qualche contributo psicoanalitico; Strutture del corpo e del movimento; Flusso tonico, peso, rapporto con il suolo; La tavolozza del corpo: i sistemi; Le strutture posturali e motorie: le catene muscolari; Le strutture del movimento: gli schemi; Gruppo, gesto, espressività: danzaterapia; Valenze espressive del gesto; Le categorie estetiche; Ritmo; Forme gruppali; In-formare il soggetto)
Vincenzo Bellia, Lo spazio come metafora del tempo
(I livelli dello spazio e le tappe dello sviluppo; Susu e jusi...; Un "body storming"; Prendersi in carico; Attraversare lo spazio: il tempo della soggettivazione; Il viaggio; Lo spazio ciclico e la danza del tempo ricorsivo; Lo spazio-tempo simbolico: una mediazione dinamica)
Vincenzo Bellia, Identità e compresenza
(Corpo estraneo; L'utopia del gruppo; Contatto, (in)certo confine; Uno sguardo n uovo; Percorsi di "appropriazione" dell'identità; Giocare con la presenza; Trasmettersi il movimento; Il gioco coreografico del transfert; La foresta)
Vincenzo Bellia, Materie e forme della relazione
(Il dispositivo interattivo; Il dialogo motorio e il processo evolutivo; Materie del corpo; Oggetti e materiali come mediatori della relazione; Il gioco dei calchi; La danza dei ruoli; Le scelte musicali nel setting di danzaterapia)
Zaira Donarelli, Danzaterapia per la salute mentale: gruppi a confronto
(Lavorare con la psicosi e con il corpo della psicosi; Gruppi di danzaterapia nei servizi di salute mentale; Un laboratorio integrato in comunità terapeutica; Strutturare il setting al centro diurno; Il residuo manicomiale; Nonostante la depressione...; Conclusioni)
Carlotta Basurto, Nicoletta Della Torre, Esperienze di danzaterapia nel Servizio psichiatrico di diagnosi e cura
(Il contesto e gli utenti; Avviare l'esperienza; Il setting; Prima e dopo la danzaterapia; L'evoluzione dell'esperienza; Riflessioni sull'esperienza)
Carmen Di Bella, Vincenzo Bellia, "Pasodoble". Le danze dei gruppi nella terapia della coppia
(L'esperienza; Riferimenti teorici; Il ciclo vitale della coppia; ; Appartenenza e individuazione?; Un piccolo passo indietro...; Obiettivi del lavoro; Il linguaggio utilizzato; Alcune storie; Un laboratorio di ricerca clinica)
Vincenzo Bellia, Beatrice Leonardi, Concetta Pace, Corpo, guaritore ferito. La danzaterapia e la cura dei sistemi di cura
(Il progetto; L'esperienza; Come curare il malessere del gruppo curante?; Una spinta all'innovazione)
Bibliografia
Gli autori.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore