Img Top pdp IT book
Salvato in 74 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La sinistra italiana e gli ebrei. Socialismo, sionismo e antisemitismo dal 1892 al 1992
20,90 € 22,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+210 punti Effe
-5% 22,00 € 20,90 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
20,90 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
20,90 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
La sinistra italiana e gli ebrei. Socialismo, sionismo e antisemitismo dal 1892 al 1992 - Alessandra Tarquini - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La sinistra italiana e gli ebrei. Socialismo, sionismo e antisemitismo dal 1892 al 1992 Alessandra Tarquini
€ 22,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Socialismo, sionismo e antisemitismo dal 1892 al 1992

Questo libro ricostruisce i rapporti fra la sinistra italiana e gli ebrei, dal 1892, quando nacque il Partito socialista, alla crisi della cosiddetta prima Repubblica. I protagonisti sono le donne e gli uomini che, in nome del socialismo di matrice marxista, aderirono ad alcune delle più importanti organizzazioni di massa del Novecento. E gli interrogativi a cui l’autrice cerca di rispondere sono i seguenti: chi sono stati e chi sono gli ebrei per i socialisti? Sono oppressi, e quindi insieme a tutti gli sfruttati del mondo partecipano alla lotta per l’avvento di una nuova civiltà, oppure ostacolano la realizzazione del socialismo? Accanto alla storia dei partiti, nella trattazione hanno ampio spazio gli intellettuali che vissero a stretto contatto con la politica. Da questo punto di vista, la rappresentazione dell’antisemitismo, del sionismo e del conflitto arabo-israeliano, negli scritti degli storici, dei filosofi e dei sociologi, ma anche nel cinema, nei romanzi e nella produzione della cultura di massa, aiuta ad approfondire la ragione delle scelte politiche. Nell’arco di un secolo, a delinearsi è una storia di relativa sottovalutazione della questione ebraica.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2020
16 gennaio 2020
Libro universitario
312 p., Brossura
9788815285683
Chiudi

Indice

Introduzione
Prologo. I socialisti europei e la questione ebraica dal 1791 al 1892
I. Le origini del problema
1. Socialisti ed ebrei nell’Italia liberale.
2. Il dibattito sull’antisemitismo e il contributo di Cesare Lombroso.
3. L’Affaire Dreyfus e la persecuzione antiebraica nel mondo.
4. Il Psi e la Seconda Internazionale contro il sionismo.
5. La lezione di Georges Sorel e i sindacalisti rivoluzionari.
II. L’inadeguatezza della sinistra
1. I socialisti e il sionismo dopo la Grande guerra.
2. Il Psi contro la dichiarazione Balfour.
3. Il mito e il ruolo dell’Urss.
4. La sinistra di fronte alle leggi razziali.
5. I comunisti da Gramsci a Togliatti.
6. I socialisti massimalisti.
7. I socialisti riformisti.
8. Giustizia e Libertà.
9. Le prime testimonianze della Shoah.
III. Un’amicizia precaria
1. I partiti di sinistra nei nuovi scenari internazionali.
2. La nascita di Israele e il conflitto del 1948.
3. La rappresentazione dei kibbutzim.
4. Un’amicizia precaria.
5. La riflessione degli intellettuali marxisti.
6. La cultura di massa: il cinema e i fumetti.
7. La memoria della Shoah.
8. Fra antisionismo e antisemitismo.
9. La crisi di Suez.
10. 1958: il primo decennale del nuovo Stato.
IV. La scoperta degli ebrei
1. Una nuova sensibilità da Genova al centro-sinistra.
2. Il processo Eichmann e l’era del testimone.
3. Il contributo di uno storico di sinistra.
4. La letteratura racconta Auschwitz.
5. Il Psi scopre Israele.
6. Il Pci e i compagni del Maki.
7. La guerra dei Sei giorni e lo scontro fra le sinistre.
8. I socialisti al governo.
9. Le riflessioni degli intellettuali sul conflitto arabo-israeliano.
10. 1968: il ventennale di Israele.
11. L’Internazionale Socialista e la battaglia contro l’antisemitismo in Urss.
V. La crisi
1. La crisi dei rapporti fra la sinistra italiana e gli ebrei.
2. La discussione nel movimento studentesco e nei gruppi extraparlamentari.
3. Il Pci, il conflitto mediorientale e la guerra del Kippur.
4. I comunisti e l’antisemitismo.
5. Uno Stato sionista e razzista.
6. I socialisti amici di Israele.
7. E gli intellettuali?
8. W la Rai.
9. 1978: il terzo decennale dello Stato ebraico.
VI. Grandi speranze
1. Le sinistre e lo scenario del Medio Oriente.
2. La guerra del Libano.
3. Gli intellettuali di sinistra.
4. La svolta di Bettino Craxi.
5. 1988: quarant’anni di Israele.
6. Dal Pci al Pds.
7. Il dibattito sull’antisemitismo.
Conclusioni
Ringraziamenti
Indice dei nomi

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore