Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
Salvato in 105 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
La casa di campagna
17,58 € 18,50 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+180 punti Effe
-5% 18,50 € 17,58 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,58 €
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,58 €
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La casa di campagna - John Galsworthy - copertina
Chiudi

Descrizione


In questo romanzo, pubblicato per la prima volta nel 1907, John Galsworthy ha saputo condensare al meglio i tratti caratteristici che hanno fatto la fortuna della più nota Saga dei Forsyte. La casa di campagna presenta un magistrale ritratto dell’alta società dei proprietari terrieri e con il suo stile arguto e insieme ironico racconta l’amore sconveniente che George Pendyce nutre per Helen Bellew, separata dal marito ma non ancora divorziata. Una lunga lista di complicazioni e fraintendimenti metterà a serio rischio il loro rapporto, fino al fondamentale intervento della madre di George, divisa tra l’amore materno e la volontà di mantenere alta la reputazione del figlio. Con La casa di campagna, prosegue la riscoperta del grande narratore John Galsworthy, Premio Nobel per la Letteratura nel 1932.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
29 novembre 2018
240 p.
9788869936494

Conosci l'autore

John Galsworthy

1867, Coombe

(Coombe, Surrey, 1867 - Hampstead, Londra, 1933) scrittore inglese. Scrisse numerosi romanzi, tra cui popolarissimi quelli del ciclo La saga dei Forsyte (The Forsyte saga, 1906-21), cui seguì la serie Una commedia moderna (A modern comedy, 1924-28). In essi ritrasse l’alta borghesia inglese dell’epoca vittoriana, dapprima criticandone l’avidità mercantile, poi rimpiangendone la solidità di principi. Anche nei drammi, Lotta (Strife, 1909), Lealtà (Loyalties, 1922), svolse una moderata polemica contro le ingiustizie sociali. Nel 1932 ricevette il premio Nobel.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore