Offerta imperdibile
Salvato in 69 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Cieli perduti. Archeoastronomia: le stelle dei popoli antichi. Nuova ediz.
17,10 € 18,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+170 punti Effe
-5% 18,00 € 17,10 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Cieli perduti. Archeoastronomia: le stelle dei popoli antichi. Nuova ediz. - Guido Cossard - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Cieli perduti. Archeoastronomia: le stelle dei popoli antichi. Nuova ediz. Guido Cossard
€ 18,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Guido Cossard, esperto di archeoastronomia, ci conduce alla ricerca dei loro "Cieli perduti", un avventuroso viaggio nello spazio e nel tempo

Vi erano popoli nati sulle coste del mare, civiltà sviluppate nel deserto, gruppi insediati sulle più alte vette. Vi erano popoli che non sapevano che cosa fosse il mare, altri che non avevano mai conosciuto la neve; taluni vivevano immersi nella nebbia, altri vedevano le nubi poche volte all’anno, Ma il cielo era, tutte le notti, il soffitto quotidiano che ogni popolo vedeva, osservava e interpretava

«Osservare è, per certi versi, un'arte che va imparata», scrisse a un amico l'astronomo William Herschel, lo scopritore di Urano. Oggi, nell'epoca dei telescopi spaziali e dei progetti di colonie su Marte, quella di osservare il cielo notturno sembra però un'arte dimenticata: la modernità ha cancellato le stelle, proiettando quasi ovunque sopra le nostre teste il grande alone rossastro dell'illuminazione artificiale. Le notti dei nostri progenitori, spesso trascorse all'aperto sotto un cielo impossibile da ignorare, erano assai diverse: allora la volta celeste si popolava di figure fantastiche, divinità lanciate su carri velocissimi, mitiche navi cariche di eroi, ma anche utensili della vita quotidiana e animali spaventosi. L'infinità del cielo notturno è stata per millenni uno specchio che ha sfidato il nostro pensiero, generando intere cosmologie: l'astronomia è stata la prima scienza, e fin dal Neolitico ha permesso agli uomini di controllare un bene impalpabile ma essenziale per lo sviluppo delle civiltà: il tempo. Rudimentali mappe stellari e complicati calendari si sono diffusi ben presto nelle incisioni rupestri e nei manufatti, o dispiegati in impressionanti complessi megalitici. Da sempre, insomma, il rapporto con il cielo ha contribuito a definire l'identità umana, e ogni popolo ha avuto un modo peculiare di vedere gli astri. Guido Cossard, esperto di archeoastronomia, ci conduce alla ricerca dei loro "Cieli perduti", un avventuroso viaggio nello spazio e nel tempo: lo seguiamo in tutti i principali siti archeologici italiani e mondiali, dall'antico Egitto all'America precolombiana, dalla Mesopotamia sumerica alla Puglia di Castel del Monte, passando per l'Irlanda celtica e la Cina imperiale. E incontriamo una quantità di reperti insoliti e misteriosi: tumuli e cromlech, dischi che predicono solstizi, zigurrat sarde, "Ruote della Medicina" arapaho. Per scoprire che se le tecnologie a disposizione dei nostri predecessori erano senza dubbio inferiori alle nostre, non lo era di certo la loro capacità di pensiero e osservazione. Al punto da porre i lettori di fronte a un dubbio: e se il vero cielo perduto fosse il nostro?
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2018
16 ottobre 2018
336 p., ill. , Brossura
9788851167158
Chiudi

Indice

Indice

Parte prima – L’astronomia della Preistoria

Capitolo I – Le stelle del Neolitico
L’uomo e il cielo – Metodi per determinare il calendario – Cielo e religione – Fenomeni celesti appariscenti – Le incisioni e le coppelle: testimonianze di stelle su rocce – I megaliti – La Luna e i pianeti – Modello di universo del Neolitico

Capitolo II – Le grandi aree archeoastronomiche europee
Da Stonehenge a Shakespeare – Callanish e la danza del dio – La Bretagna e la Francia – Il tumulo di Newgrange e l’Irlanda – Nebra e gli altri megaliti europei – La civiltà minoica e il disco di Festo – Il culto di Mitra e il toro

Capitolo III – Le grandi aree archeoastronomiche italiane
Saint-Martin-de-Corléans e la Valle d’Aosta – Piemonte e Liguria – La ziggurat di Accodi e la Sardegna – Bisceglie e gli altri siti italiani – Italia nord-est

Capitolo IV – Il megalitismo oltre l’Europa

Parte seconda – L’astronomia presso le popolazioni antiche

Capitolo V – Gli Egizi

Capitolo VI – I popoli della Mesopotamia
I Sumeri – Il sogno di Gudea – I Babilonesi

Capitolo VII – Il libro di Enoch e gli Ebrei

Capitolo VIII – Gli Etruschi

Capitolo IX – Il cielo dei druidi

Capitolo X – I Cinesi

Capitolo XI – Gli Arabi

Capitolo XII – Gli Indiani d’America

Capitolo XIII – I popoli precolombiani
I popoli del Centro America – I Maya – Gli Aztechi – Gli Incas

Parte terza – Dal Medioevo all’etnoastronomia

Capitolo XIV – Il Medioevo

Capitolo XV – L’etnoastronomia
La Macchina di Anticitera e gli OOPArt – Una nuova scienza: l’etnoastronomia

Conclusioni
Bibliografia

Conosci l'autore

Guido Cossard

Guido Cossard è un fisico, presidente dell’Associazione di ricerche e studi di archeoastronomia valdostana. Ha collaborato con la trasmissione televisiva di RAI 2 Voyager e tenuto conferenze sull’archeoastronomia in Italia e all’estero. Autore di numerose pubblicazioni, ha contribuito a L'Atlante dell’Universo, pubblicato da Utet nel 1998. Tra i suoi libri ricordiamo Storia e riti di Capodanno (Rizzoli 1999), Il lungo racconto dell’origine. I grandi miti e le teorie con cui l’umanità ha spiegato l’Universo (con Margherita Hack e Walter Ferreri, Baldini e Castoldi 2013) e Cieli perduti. Archeoastronomia: le stelle dei popoli antichi (Utet 2018). Per i suoi meriti nel campo dell’archeoastronomia, nel 2005 la International Astronomical...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore