Offerta imperdibile
Salvato in 626 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Delitto e castigo
12,35 € 13,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+120 punti Effe
-5% 13,00 € 12,35 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,35 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Delitto e castigo - Fëdor Dostoevskij - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Delitto e castigo Fëdor Dostoevskij
€ 13,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


"Ci sono romanzi che non avrebbero bisogno di introduzioni. Appena iniziamo a leggerli, sin dalle prime pagine ci proiettano in una vita per noi impensabile pochi istanti prima, nella quale tuttavia ci orientiamo a meraviglia. [...] Delitto e castigo è uno di questi romanzi, un'opera di bruciante attualità, nella quale Dostoevskij ha saputo cogliere a partire dalla sua epoca l'eco di voci remote nella nostra cultura e oggi più che mai vibranti. Leggendo questo romanzo ti viene subito in mente lo sguardo vuoto e spento di tanti 'eroi' della nostra cronaca nera, ti risuona nella testa la voce minacciosa del Dio della Genesi che grida a Caino: Caino, che hai fatto? Ora tu sei maledetto dalla terra, sarai errante e vagabondo. E ti chiedi: e se fossi stato io?" (dalla prefazione di Damiano Rebecchini). Un romanzo decisivo per la successiva narrativa novecentesca, per lo scavo psicologico dei personaggi e la ferocia dell'analisi emotiva. In una nuova traduzione, l'immortale storia di sofferenza e salvazione diventata uno dei classici più amati e influenti di tutti i tempi (e di tutte le letterature).
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2013
Tascabile
5 giugno 2013
600 p., Brossura
9788807900617

Valutazioni e recensioni

4,84/5
Recensioni: 5/5
(70)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(62)
4
(7)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
 Angelica
Recensioni: 5/5
Immortale

Nella vita ciò che dà agli esseri umani un senso è il creare bellezza per rendere anche il più piccolo dei punti un'opera d'arte. Questo libro è un esempio del fatto che non esiste la morte, o perlomeno, che non sempre si muore del tutto, ma che si può rendere immortali se stessi e il proprio operato. Ti amo Dostoevskij😍

Leggi di più Leggi di meno
 canapani
Recensioni: 4/5
Libro migliore di Dostoevskij

Forse il libro migliore per approcciarsi allo scrittore russo. Lo consiglio anche ai meno convinti, perchè la traduzione di Feltrinelli è impagabile.

Leggi di più Leggi di meno
 imreadingoverhere
Recensioni: 5/5
Un libro che svela molto sulla nostra "umanità"

Questo romanzo sembra a volte essere prolisso e noioso, ma nei punti salienti ci racconta molto di quello che siamo e di quanto, a volte, allunghiamo di troppo il passo. Un romanzo stupendo che svela la nostra "umanità" (perché ci crediamo tutti dei benefattori, giusto?). Consigliatissimo!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,84/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(62)
4
(7)
3
(0)
2
(0)
1
(1)

Conosci l'autore

Fëdor Dostoevskij

1821, Mosca

Figlio di un medico, un aristocratico decaduto stravagante e dispotico, crebbe in un ambiente devoto e autoritario. Nel 1837 gli morì la madre, da tempo malata, e D. venne iscritto alla scuola del genio militare di Pietroburgo, istituto che frequentò controvoglia, essendo i suoi interessi già risolutamente indirizzati verso la letteratura (risalgono a quegli anni le sue prime letture importanti: Schiller, Balzac, Hugo, Hoffmann). Diplomatosi nel 1843, rinunciò alla carriera che il titolo gli apriva e, lottando con l’indigenza e con i disagi di una salute cagionevole, cominciò a scrivere: il suo primo libro, il romanzo Povera gente (1846), che ebbe gli elogi di critici come Belinskij e Nekrasov, rivela già l’attenzione pietosa di D. per...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore