Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 112 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il disprezzo
10,45 € 11,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+100 punti Effe
-5% 11,00 € 10,45 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
10,45 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
10,45 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Il disprezzo - Alberto Moravia - copertina
Il disprezzo - Alberto Moravia - 2
Il disprezzo - Alberto Moravia - 3
Chiudi

Descrizione


Pubblicato per la prima volta nel 1954, un romanzo che costituisce una tappa fondamentale del viaggio di Moravia attraverso le istituzioni borghesi e il loro scacco

«È nel "Disprezzo" che la problematica centrale di Moravia trova la sua anima più precisa e complessa, quasi una unitaria enciclopedia della sua varia tematica»Edoardo Sanguineti

Protagonista del romanzo è uno scrittore di sceneggiature i cui rapporti con la moglie si illuminano e si complicano a contatto con il mondo della produzione cinematografica, della carriera e del successo. A differenza di "L'amore coniugale" che racconta la storia di un tradimento, "Il disprezzo" muove da un dato positivo, un caso di fedeltà matrimoniale, per chiarirne tutta la natura di illusione, di reale sconfitta e di profonda, modernissima contraddizione.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
Tascabile
29 novembre 2017
288 p., Brossura
9788845296130

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
ANGELA TOTARO
Recensioni: 5/5

Pubblicato nel 1954 Il disprezzo di Moravia nasce come romanzo psicologico. Il protagonista indiscusso è l’amore mentre il disprezzo sembra fargli da antagonista, in un connubio che si rivelerà per Riccardo Molteni, critico cinematografico, particolarmente rovinoso. Il contesto sociale in cui il romanzo è ambientato è la Roma medio-borghese degli anni ’50; qui in una tranquilla palazzina vivono Riccardo e la moglie Emilia. La vita coniugale inizialmente descrittaci da Moravia appare serena e, per così dire, “normale”. Ma tutto cambia quando il produttore cinematografico Battista fa a Riccardo una proposta che lui non vorrà…non saprà…non riuscirà a respingere. E’ questa forse la scelta che porterà Riccardo ad un punto di non ritorno. Da qui il disprezzo che la moglie nutre nei suoi confronti si fa più forte. E nasce in Riccardo l’impotenza dinanzi alla solitudine esistenziale che lo porterà a fingere di non vedere, a mentire a sé stesso. L’io narrante è la voce del protagonista, con lui il lettore spera, con lui soffre, con lui e più di lui si commuove. Consigliato a chi crede nell’amore, ma non ne conosce fino in fondo la forza.

Leggi di più Leggi di meno
SILVIA LOPRIORE
Recensioni: 5/5

Riccardo Molteni è sposato con Emilia. Tutto va per il meglio fino a quando i rapporti tra i due si complicano, fino al punto in cui Emilia arriva a disprezzarlo. Attraverso i pensieri di Riccardo il lettore si chiede come questa cosa sia potuta succedere e di chi sia realmente la colpa. Tema centrale del romanzo è il rapporto di coppia, visto da ogni angolazione. La storia fa riflettere su come non parliamo mai abbastanza con le persone che ci sono accanto e in tal modo creiamo delle incomprensioni. Sono proprio quest'ultime che faranno incrinare i rapporti più importanti. Un libro da consigliare ad occhi chiusi, adatto ad ogni tipo di lettore.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Alberto Moravia

1907, Roma

Alberto Moravia esordì giovanissimo pubblicando, a sue spese, il primo romanzo, Gli indifferenti (1929). Penetrante e spietato ritratto della borghesia italiana agli inizi del fascismo, l’opera rivelò immediatamente, nella incisività di una prosa secca e analitica, la maturità di uno scrittore capace fin da allora di far tesoro delle diverse lezioni dei grandi modelli europei, dalla oggettività di De Foe alla problematicità dei romanzieri russi (specie Dostoevskij), al realismo tipologico dei francesi dell’Ottocento. Il romanzo, accolto con ostilità dalla cultura fascista che ne proibì la diffusione, fu salutato con entusiasmo solo da pochi critici accorti (Borgese, Pancrazi, Solmi).M. cominciò poi a collaborare a riviste...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore