Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni Florence

  • User Icon
    04/10/2020 15:02:15

    HO ACQUISTATO IL LIBRO DOPO AVER LETTO I LEONI DI SICILIA CHE MI HA APPASSIONATO E COINVOLTO PER TUTTA LA DURATA DEL LIBRO. L'HO APPENA INIZIATO E HO TROVATO LA STESSA SCRITTURA CHE CATTURA LA MIA ATTENZIONE E MI FA SENTIRE PARTE DEL RACCONTO. SPERO CHE ANCHE QUESTA STORIA SIA COINVOLGENTE.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    28/04/2020 23:56:30

    Un romanzo storico appassionante. Le pagine scorrono veloci e vorresti non finissero mai ...Stefania auci è una garanzia .

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    05/05/2016 14:20:32

    Florence di Stefania Auci inizia il suo cammino un'estate di 101 anni fa, l'Europa pronta a capovolgersi in seguito a una dichiarazione di Guerra attesa e temuta, in una Firenze che emerge dalla foto in bianco e nero sulla copertina con colori caldi e vividi e l'irrequietezza di una Nazione intera sulla spalle: in Francia si scavano le trincee e si fugge dalle campagne mentre in balia del dibattito fra interventisti e neutralisti l'Italia si chiede ancora se prendere posizione e partecipare al Conflitto, l'evento storico senza precedenti che le permetterebbe di completare la propria Unità e cercare nuove opportunità di ricchezza e prestigio. Spettatore interessato degli eventi di quei giorni e protagonista della nostra storia è Ludovico Aldisi, ventottenne giornalista della Nazione con uno sconveniente passato di povertà e l'ambizione di scalare a grandi passi le inflessibili gerarchie della buona società; fra i primi a farsi inviare come corrispondente di Guerra sulla Marna, vedrà la sua arroganza cadere e il suo carattere ostinato piegarsi sotto i colpi del nemico, combatterà per riemergere dall'abisso del ricordo e troverà l'amore che mai si sarebbe aspettato di provare, quello che ti dà sempre una ragione per tornare anche se tutto sembra suggerirti il contrario. Dolore, passione, amore e riscatto incastonati in un periodo storico cruciale, ma poco discusso ed analizzato dal punto di vista italiano: Florence mescola tutti gli ingredienti e non ne tralascia nessuno, pur preferendo affidare il Conflitto nella sua interezza a poche ma efficaci righe di commiato per concentrarsi unicamente sul 1914, l'anno che piantò il seme del crollo di un mondo polveroso e antico domandando in cambio il sacrificio di una generazione; attraverso personaggi archetipici la scrittrice siciliana mette a fuoco il dibattito politico del tempo, mostrandoci il volto di porcellana di una società apparentemente impermeabile al cambiamento che vede la cultura come l'appannaggio dei pochi fortunati che abbiano per nascita i mezzi per comprarla, relegando l'audacia di quelli a cui la vita non ha mai regalato nulla a mero arrivismo e costringendoli a gelare cuore e sentimenti per stare un passo avanti agli altri. Mentre il racconto scioglie i suoi nodi cercando la teatralità del colpo di scena cinematografico, Florence dà il suo meglio nelle descrizioni dei luoghi e dei personaggi che colorano le pagine, grazie a una prosa semplice e pulita che usa immagini efficaci per evocare con splendida immediatezza le visioni degli spazi aperti e degli ambienti soffocanti, i colori caldi del caos cittadino e le vecchie foto dimenticate nelle stanze di una vecchia villa, la campagna toscana che si prepara all'autunno e il fango infestante che si attacca agli stivali e si incrosta col sangue dei soldati in battaglia. Pur con la sensazione di avere detto troppo presto addio ai suoi protagonisti e senza contrappasso o redenzione per i malvagi che senza sbavature continuano a nuotare beatamente nei propri privilegi, Florence intrattiene e affascina con la romantica malinconia di una fresca brezza sul Lungarno: ti affacci sul fiume e la vedi lì, Madonna Firenze che elegante e orgogliosa non vede l'ora di fermarsi a chiacchierare, mentre tu aspetti fiducioso che inizi a raccontarti un'altra delle sue storie

    Leggi di più Riduci