Img Top pdp IT book
Salvato in 117 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Il grifo e il leone. Genova e Venezia in lotta per il Mediterraneo
22,80 € 24,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+230 punti Effe
-5% 24,00 € 22,80 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
22,80 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
22,80 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Il grifo e il leone. Genova e Venezia in lotta per il Mediterraneo - Antonio Musarra - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il grifo e il leone. Genova e Venezia in lotta per il Mediterraneo Antonio Musarra
€ 24,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Luogo d'incontri e contaminazioni, nel basso Medioevo il Mediterraneo fu, anche e soprattutto, un luogo di aspri scontri. Genova e Venezia - così come Pisa o la corona catalano-aragonese - si resero protagoniste d'una lotta senza quartiere, ricorrendo a ogni mezzo, lecito o illecito, per assicurarsi il controllo delle principali rotte di trasporto. Sin dalla fine dell'XI secolo, le due città, grandi potenze navali e commerciali, erano andate imponendo il proprio predominio sul Mediterraneo orientale, moltiplicando i propri insediamenti. Le loro attenzioni s'erano volte all'Egitto e alla costa siro-palestinese, divenuti dopo le crociate una parte essenziale del mondo. La conquista veneziana di Costantinopoli, nel 1204, rivoluzionò il quadro politico, dando avvio ai primi scontri tra le due marine. Con la cosiddetta guerra di San Saba, conclusasi con la cacciata dei genovesi da Acri, capitale del regno di Gerusalemme, si giunse per la prima volta allo scontro aperto. Da questo momento, il Grifo e il Leone esprimeranno un'accesa rivalità, scandita da innumerevoli battaglie navali, che si protrarrà per oltre un secolo e mezzo.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2020
28 maggio 2020
Libro universitario
272 p., Brossura
9788858140727

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 5/5

In un lungo periodo a cavallo tra Duecento e Trecento Genova e Venezia hanno vissuto in un costante rapporto di tensione, un confronto-scontro deflagrato in ben quattro conflitti mediterranei dal 1257 al 1381. Perché questa tensione nei rapporti tra le due città? Il motivo più evidente risiede senza ombra di dubbio nel controllo di rotte commerciali che colllegavano i porti mediterranei alle Vie della Seta. Il commercio tra cristiani e musulmani era tanto illecito quanto redditizio. Nel Duecento e nel Trecento la costante necessità di recuperare Gerusalemme e i territori di Outremer spinse i papi a indire più crociate. Spedizioni che fallirono per due motivi macroscopici: la rivalità tra le città italiane favorì la debolezza dei regni e dei principati d’Oriente nei confronti delle minacce esterne; la crociata in sé spesso era in stridente contrasto con quel commercio che i papi tentavano di contrastare. Genova e Venezia insomma frequentavano le stesse piazze commerciali. In un serrato dialogo, entrambe le città mettevano in atto una strategia che impedisse all’avversario di sopravanzare acquisendo la preponderanza in spazi geografici particolarmente affollati e appetitosi. Contrariamente a quello che sarebbe naturale immaginarsi, la lunga partita tra i due “astri d’Italia” - come li definì Petrarca - non ebbe un chiaro vincitore, dato che nessuno dei due contendenti riuscì a sopravanzare nettamente l’altro, se non per brevi periodi. In conclusione, la lettura de Il Grifo e il Leone è vivamente consigliata non solo per la prosa, ma per la capacità dell’autore di sapersi destreggiare in un quadro geopolitico caratterizzato da una complessità e da una pluralità di soggetti che nulla hanno da invidiare al nostro presente. Un libro di tale caratura dovrebbe diventare l’approccio abituale alla cosiddetta storia medievale, da non studiare più in una prospettiva eurocentrica, ma mondiale (analogamente a quel che si fa con la storia moderna). Dott. Massimo Bonomo

Leggi di più Leggi di meno
GIOVANNI FONTANA
Recensioni: 5/5

Il Grifo e il Leone Antonio Musarra dopo La Guerra di San Saba, Genova e il Mare nel Medioevo, In Partibus Ultramaris, 1284 la Battaglia della Meloria, Acri 1291, Il Crepuscolo della Crociata, Processo a Colombo, il Grande Racconto delle Crociate e Francesco i Minori e la Terrasanta, ci dona un'altra chicca, un'altra parte di un mosaico che, certamente, sarà prodigo di nuove composizioni che riprodurranno, perfettamente, le parti di questa grande storia che è stata quella della nascita, dello sviluppo e dell'orgoglio di essere italiani: le città marinare di Genova, Pisa e Venezia. Il libro, meticolosamente, descrive una appassionante storia, quella avvenuta sulla scia di galee assolate e pavesate in una avventurosa lotta per il potere sui mari e sulle terre del Mare Nostrum, con navi e marinai trasportati dal vento e dall'orgoglio dell'appartenenza ai simboli del Grifo e del Leone, al di là di ogni orizzonte, in ogni latitudine, fino ai confini del grande scacchiere: In Partibus Ultramaris. Ogni argomento del libro è, come sempre, tratteggiato e accompagnato entro precisi binari, che non dimenticano il momento storico, politico, economico, sociale, militare e geo strategico, da punto a punto nello scacchiere Mediterraneo, con particolare attenzione al quadrante medio orientale. Il libro è un altro grande punto fermo nella storiografia italica, un libro che mancava per definire i rapporti a lungo trattenuti tra queste poderose civiltà marittime: Genova, Pisa e Venezia con tutte le ripercussioni fino alla Terrasanta. Con Venezia, lontana ma sempre rivale di Genova e Pisa, protagonista onnipresente di tutti i traffici e gli "intrallazzi" politico-commerciali in quell’Oriente meta indefinita delle loro attenzioni. Un libro che ne presuppone altri, sicuramente, credo, nell'agenda di Antonio Musarra, per narrare la decadenza delle città marinare, con Venezia che sarà vittima della spada dell'Islam che spezzerà il suo potere con l’arrivo a Costantinopoli nel 1453 e a Cipro nel 1571, sconvolgendo e travolgendo definitivamente gli equilibri preesistenti, e con una Genova già caduta all'inizio del XIV secolo sotto gli artigli gallici della Francia, finchè una Venezia decadente, sempre più chiusa nel suo mare oscuro, sarà vittima dell'orgoglio rivoluzionario francese nel 1797 quando, a Campoformio, un vittorioso Napoleone la consegnerà a scatola chiusa all'aquila asburgica, seguita nel 1815 da Genova scivolata nel letargo e nell'arroganza savoiarda. Ma questa è un'altra storia. Ottimo libro, da leggere, per ripensare al nostro passato come se il presente non fosse mai trascorso.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Antonio Musarra

Antonio Musarrra insegna Storia medievale alla Sapienza Università di Roma. Con il Mulino ha pubblicato Genova e il mare nel Medioevo (2015), Acri 1291. La caduta degli stati crociati (2017), Il crepuscolo della crociata (2018), Medioevo marinaro (2021) e, con Franco Cardini, Il grande racconto delle crociate (2019).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore