Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
Salvato in 140 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La lettrice testarda
15,20 € 16,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+150 punti Effe
-5% 16,00 € 15,20 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,20 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La lettrice testarda - Amy Witting - copertina
Chiudi

Descrizione


Un romanzo di formazione sulla scoperta del proprio posto nel mondo. Una protagonista unica pronta a sfidare le convenzioni per decidere della propria vita in piena autonomia.

«Un acume e uno stile grandiosi.» - The New Yorker

«Una prosa cristallina e una scrittura immaginifica.» - The Guardian

«Brillante, onesto e toccante.» - Kirkus Reviews

«Una prosa scintillante.» - A reader's guide to Australian Fiction

Isobel ha nove anni e il suo compleanno si avvicina. Ma, come ogni volta, non ci saranno regali per lei. C’è solo una cosa che fa volare Isobel lontano dalle rigide regole che la famiglia le impone: leggere. Ma deve farlo di nascosto perché sua madre crede che non sia un’attività adatta a una bambina, che dovrebbe limitarsi a riordinare la casa e a preparare la cena. Isobel cresce alimentando la sua passione segreta di notte, alla luce di una flebile candela. Finché, a sedici anni, la sua vita non cambia radicalmente, quando è costretta a lasciare tutto, cercarsi un lavoro e una nuova sistemazione. È la prima volta che Isobel si scontra con il mondo. Con un mondo che non è solo la sua famiglia e il suo quartiere. È convinta di non avere gli strumenti per relazionarsi con gli altri. Le sembra di dire la cosa sbagliata, si sente fuori luogo. In fondo sua madre l’ha fatta sempre sentire così. Tanto che, quando incontra un gruppo di ragazzi che amano i libri come lei e passano le serate a discuterne, Isobel all’inizio rimane in silenzio. Ora che finalmente è in un contesto in cui può essere sé stessa, in cui può parlare liberamente di letteratura, ha paura. Ma piano piano le parole di Byron, Auden e Dostoevskij fanno breccia nelle sue insicurezze e le insegnano il coraggio di dire quello che pensa. Di far valere la propria opinione senza nascondere la cultura che si è costruita negli anni con le sue letture. Di aprire il cassetto in cui riposa il suo sogno. Il sogno di prendere una penna in mano e liberare quel flusso di parole che ha trattenuto per troppo tempo. Perché anche per una donna tutto è possibile.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2020
28 maggio 2020
176 p., Brossura
9788811813712

Valutazioni e recensioni

2/5
Recensioni: 2/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(1)
1
(1)
Ely
Recensioni: 2/5
Una storia che lascia il segno

Questo racconto si sviluppa in un mondo in cui le donne non avevano un vero e proprio valore, ma erano private della libertà di esprimersi, di sentirsi appagate e libere. Isobel ha nove anni e vive in un famiglia disastrosa in cui non si conosce amore e che la prima grande delusione della vita di questa bambina. Nel giorno del suo nono compleanno per Isobel non è prevista la gioia di ricevere un regalo di compleanno poiché nata a gennaio, troppo vicino alle feste di Natale. Viene raccontato a partire da questo episodio il difficile rapporto con una madre insensibile, apatica, che non perde occasione per schernire e punzecchiare la figlia, mancandole tavolata di rispetto. Isobel è solo una bambina ma viene usata dalla madre come capro espiatorio per ogni male. È una bambina che non conosce affetto e amore, che non sa relazionarsi con il mondo esterno proprio perché non è in grado di riconoscere l’amore e la gentilezza. E purtroppo la mancanza di un rapporto così fondamentale non potrà che segnarla anche infururo. La sua unica via di fuga: i libri. I libri sono suoi amici, sono la sua famiglia. Si trasformano in rifugio fondamentale che purtroppo le sarà spesso difficile raggiungere, sia da piccola, sia da grande quando abbandonerà il nido. Ma questo le darà la forza di continuare a perseguire il suo sogno, ovvero far sentire la sua voce scrivendo un libro. Una storia che lascia il segno, che sprigiona nel lettore emozioni molto forti, ma che, purtroppo non mi ha convinta fino in fondo.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 3/5

Ho scoperto che esiste un seguito a questo libro, e a questo punto spero venga tradotto anche in Italia ("Isobel on the Way to the Corner Shop?" in lingua originale). Perché spero che la storia di Isobel venga ulteriormente approfondita anche per noi lettori europei? Perché al termine di questa storia sento che il suo personaggio non si è donato completamente al lettore, che manca quel qualcosa che completi la sua crescita e il suo riscatto a quel passato che l'ha sempre fatta sentire inadeguata. La sua famiglia per lei è stata una sorta di fardello: niente regali ai compleanni, niente tempo perso dietro ai libri, niente brutte figure, solo dedizione alla casa e al cognome da non disonorare. Chi comandava tra quelle mura, facendone bello e cattivo tempo, era la madre, personaggio che non mi ha conquistata, tutt'altro; non ho compreso il reale motivo della sua ostilità nei confronti della figlia minore, il non volerle concedere alcuno svago o passione, l'ho trovata un'educazione molto rigida e non equa tra le due figlie, in quanto alla maggiore venivano concesse più occasioni. Isobel cresce in una solitudine che possiamo definire "auto-indotta" dai genitori, dai quali si è sempre nascosta grazie ai suoi amati libri che non ha mai potuto sacrificare, a discapito delle occhiate materne. Autori che si rivelano essere compagni di vita, da assaporare e imparare ad amare da sola, dai quali trae esempi e insegnamenti, che non ha mai condiviso fino alla maggiore età, quando la vita la porta lontana da casa a cercarsi un lavoro e cavarsela con le sue gambe. "La lettrice testarda" è suddiviso in cinque capitoli che un po' rappresentano le fasi di vita della stessa Isobel: la sua crescita nella continua ristrettezza, soprattutto espressiva e di pensiero; la perdita dei genitori che a sedici anni le impone di crescere in fretta; la conoscenza del mondo lavorativo; la possibilità di condividere finalmente una passione senza più timori dei pregiudizi; la presa di coscienza di una nuova grande consapevolezza. In questi passaggi si può riassumere la lettura, verso la quale, specialmente all'inizio, ho provato un forte senso di smarrimento. Questo dovuto a una narrazione un po' lenta e a tratti confusionaria, che non mi ha permesso di addentrarmi in maniera piacevole nella storia fin da subito. Ho trovato tutto ciò che precede la nuova vita di Isobel raccontata quasi "per sommi capi", molti eventi non sono espressi, ma vengono lasciati intendere pagine dopo il loro accadimento da dialoghi o dettagli collegati. Al contrario, ho potuto approfondire e comprendere al meglio il personaggio di Isobel dalla seconda metà del libro, quando, complice una scrittura che rivela un grande stile, il suo carattere chiuso e solitario subisce una piccola piacevole svolta. Lei che da subito appare come una bambina "ribelle", permette a se stessa di affrontare tutti gli sbagli dell'adolescenza, ma soprattutto si concede il lusso di liberare la propria espressione e di dare vita alle sue opinioni. Sono convinta che, letto in lingua originale, questo libro metta in mostra tutta l'originalità e la brillantezza che si dice aver avuto l'autrice, mentre tradotto sono dell'idea abbia perso un po' della sua sofisticatezza, rivelandosi comunque nel complesso una lettura piacevole.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 1/5

Mi aspettavo un piccolo capolavoro, lette le recensioni, invece sono rimasta molto delusa. La vicenda non si sviluppa, la scrittura è poco fluida, i personaggi sono piatti...Insomma, non lo consiglio affatto!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

2/5
Recensioni: 2/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(1)
1
(1)

Conosci l'autore

Amy Witting

1918, Sydney

È il nom de plume della scrittrice e poetessa Joan Austral Fraser. Nata a Sydney nel 1918, dedica la propria vita all’insegnamento della lingua inglese e francese nelle scuole secondarie, approdando alla narrativa in età matura. Considerata una delle più importanti autrici australiane e insignita dell’Order of Australia per la sua attività in campo letterario, muore a Sydney nel 2001.Mentre è in corso in tutto il mondo la riscoperta della sua opera, Garzanti pubblica per la prima volta in Italia La lettrice testarda (1989), il suo romanzo di maggior successo. 

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore