Via Ripetta 155

di Clara Sereni

 
Subito Disponibile
Prezzo solo online:

13,30

€ 14,00 -5%
Aggiungi al carrelloPrenota e ritiraVerifica disponibilità in Negozio

Descrizione

Via Ripetta: una delle strade più centrali di Roma, in quello che fu una sorta di triangolo d'oro fra piazza del Popolo, piazza di Spagna, piazza Venezia. Pensate che allora fosse tutto chiaro, a disposizione di chiunque? No, perché il civico 155 è difficile trovarlo, situato com'è al di là dell'Ara Pacis, oltre piazza Augusto imperatore, nel piccolo tratto che tutti pensano appartenga già a via della Scrofa: bisognaspiegarlo bene perfino a chi guida il taxi, se è proprio lì che si vuole andare. Un tratto fuori fuoco nello stradario, e quella che si racconta qui è la storia fuori fuoco degli anni fra il '68 e il '77, cominciati all'insegna dell'utopia libertaria -compresa l'idea che per la libertà valesse la pena di stare a pancia vuota e di vivere alla meglio in case che cadevano a pezzi - e sfociati nel terrorismo prima, e poi nel riflusso del disimpegno, della Milano da bere, dei manager rampanti. Una storia vista con lo sguardo di chi ha vissuto da vicino molte cose senza mai esserne del tutto al centro, e dunque con la possibilità di testimoniare, dolorosamente, una memoria non chiusa. Ricordi in prima persona di anni raccontati poco e non sempre correttamente: perché il terrorismo non fu come molti ritengono la conclusione logica di quanto il '68 aveva seminato, ma fu invece la sanzione drammatica della sconfitta di molte speranze, un lutto pungente per chi aveva creduto e si era speso per farle germinare.

Premi

La candidano nella dozzina del Premio Strega 2015 Massimo Onofri e Domenico Starnone

Dopo aver letto il libro Via Ripetta 155 di Clara Sereni ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Totale delle Recensioni

Media Recensioni (4)
4 Stelle
 
(0)
2 Stelle
 
(0)
1 Stelle
 
(0)
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Cosa ne pensa la Stampa

"Dopo Casalinghitudine e Il gioco dei regni, Via Ripetta 155 di Clara Sereni (Giunti editore) va a completare il trittico di una suggestiva, se non imprescindibile, autobiografia della nazione: quella impegnata a raccontare la storia di questo Paese dal punto di vista d’una famiglia speciale, comunista, ebrea e alto-borghese. Epperò, questa volta, con esiti di perfetta mediazione e sintesi tra privato e pubblico, che diventano le facce d’una stessa e solida medaglia: quando è vero che Casalinghitudine faceva d’un privato al femminile la lente d’ingrandimento per focalizzare una condizione anche collettiva, mentre nel Gioco dei regni ci si distendeva in una più larga storia famigliare. La strada scelta è ora quella di un personalissimo “diario”, impegnato in un decennio cruciale, tra il 1968 e il 1977, che inizia all’insegna dell'utopia libertaria, culmina nel terrorismo e finisce nel disimpegno, laddove lo sguardo autonomo e sempre vigile di Clara Sereni è quello d’una donna giovane costretta a fare i conti con la propria importante famiglia: a cominciare da quel padre ingombrante, prima potente e autoritario nella politica e nel Pci, poi incerto e fragile negli anni terminali. Il perno della narrazione è, come recita il titolo laconico e essenziale (cifra stessa della scrittura), la casa di Via Ripetta, luogo privato e famigliare, ma anche crocevia di incontri, di persone, note e ignote, che di là sono passati, hanno mangiato, cantato, dormito e amato. Ciò nonostante, quell'esperienza di liberazione sembra una forzatura per chi, come Clara, ha timore di non riuscire a cambiare davvero e sente la necessità di restare fino in fondo fedele a se stesso, in una continua oscillazione tra amore e sesso, tra autocoscienza individuale e dinamiche di gruppo, tra appartenenza famigliare e senso di libertà. Col risultato che il referto materiale e quotidiano di una vita può diventare il modo più efficace per raccontare le verità profonde di un’epoca." (Massimo Onofri)

Dettagli




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


Dogalize
 
Cardif
 
Dogalize

Top Clara Sereni

Visualizza tutti i prodotti