Intervista sulla storia di Napoli

Intervista sulla storia di Napoli

di Giuseppe Galasso

 
Subito Disponibile
Prezzo solo online:

13,60

€ 16,00 -15%
Aggiungi al carrelloPrenota e ritira

Descrizione

A distanza di quarant’anni dalla prima edizione, Laterza ripropone questa Intervista in cui lo storico Giuseppe Galasso, uno dei maggiori intellettuali napoletani, traccia un lucido e appassionato ritratto della sua città. Galasso definiva Napoli, una «vecchia grande città, che da oltre un secolo non è più la capitale di un regno, come era stata per quasi sei secoli, e non è riuscita, tuttavia, a trovare nel frattempo una dimensione nuova». Per comprendere appieno, in tutta la loro complessità e potenzialità, i molteplici elementi della ‘questione napoletana’ occorre ripercorrere l’intera storia della città, attraverso le sue tappe fondamentali: da colonia greca a vicereame spagnolo, a capitale borbonica, a caotica metropoli, dove sono in gioco direttamente le sorti di milioni di napoletani e indirettamente le sorti di tutto il paese. Il libro è arricchito da una Introduzione di Luigi Mascilli Migliorini che mette in rilievo l’attualità di questa storia di Napoli e il suo impatto al momento della prima pubblicazione.

Dopo aver letto il libro Intervista sulla storia di Napoli di Giuseppe Galasso ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Conosci l'autore

Biografia

Giuseppe Galasso
Giuseppe Galasso, storico e uomo politico, è nato a Napoli il 19 novembre del 1929, si è laureato con Ernesto Pontieri in Lettere all’Università degli studi di Napoli «Federico II» con una tesi in Storia medievale. Borsista dell'Istituto italiano per gli studi storici, fondato da Benedetto Croce e diretto da Federico Chabod, nell'anno 1953-54, ne è stato poi segretario dal 1956 al 1958. Nel 1963 ha conseguito la libera docenza in Storia moderna e ha insegnato nelle Università di Salerno, Cagliari e Napoli. Dal 1966 al 2005 è stato professore ordinario di Storia medievale e moderna nell'Università degli studi di Napoli «Federico II». Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia del medesimo ateneo dal 1972 al 1979, dal 2005 ne è professore emerito. Consigliere comunale di Napoli dal 1970 al 1993. È stato assessore alla Pubblica istruzione dello stesso Comune dal 1970 al 1973. Nel 1975 fu eletto sindaco di Napoli con l'incarico di esplorare la possibilità di costituire una giunta che poi non si poté formare, per cui rinunziò all'incarico. Dal dicembre 1978 al marzo 1983 è stato presidente della Biennale di Venezia e dal 1982 al 1988 presidente della Società europea di cultura. Dal 1983 al 1994 è stato deputato e tra il 1983 e il 1987 sottosegretario al Ministero dei beni culturali e ambientali. In tale qualità è stato il promotore della legge 431/1985 per la protezione del paesaggio (la così detta 'Legge Galasso'). Dal 1988 al 1991 è stato sottosegretario al Ministero per l'intervento straordinario nel Mezzogiorno. Dal 1980 al 2010 presidente della Società napoletana di storia patria. Dal 1977 è socio dell'Accademia dei Lincei; inoltre è socio della Real Accademia de historia di Madrid, dell'Accademia delle scienze di Torino, dell'Istituto veneto di scienze, lettere e arti, dell'Accademia pontaniana e della Società nazionale di scienze, lettere e arti di Napoli. Con decreto del re Juan Carlos I di Borbone dell'8 maggio 1986 è stato insignito della Encomienda de número de la Orden del mérito civil. Con decreto del presidente della Repubblica Francesco Cossiga del 2 giugno 1987, ha ricevuto la Medaglia d’oro per i benemeriti della scuola, della cultura e dell'arte. Dal 1987 è consigliere dell'Istituto italiano per gli studi storici. Ha collaborato e collabora con i più importanti quotidiani e periodici italiani («Il Corriere della sera», «La Stampa», «Il Mattino», «Il Sole 24 Ore», «Il Mondo», «L'Espresso»). È stato segretario del Comitato direttivo dellaStoria di Napoli, diretta da E. Pontieri e cura la ristampa di una scelta delle opere di Benedetto Croce per le edizioni Adelphi, della quale sono finora apparsi 14 volumi. È stato condirettore della rivista «Nord e Sud». Fa parte del comitato direttivo della «Rivista storica italiana». Ha diretto dal 1979 al 1993 la rivista «Prospettive Settanta». Dirige dal 2000 la rivista «L'Acropoli». Con Rosario Romeo ha diretto una Storia del Mezzogiorno d'Italia in 15 volumi. Dirige la «Storia d'Italia» edita dalla UTET, della quale sono apparsi oltre 30 volumi. Un posto centrale nella sua produzione scientifica ha la storia del Mezzogiorno e delle sue componenti economico-sociali e istituzionali dal Medioevo all'età contemporanea. Ma le sue ricerche hanno toccato molti altri campi, dalla storiografia alla storia del Risorgimento, e il suo lavoro storico si caratterizza non solo per la grande apertura tematica, ma per la capacità d'innestare sul tessuto etico-politico di matrice crociana numerosi diversi apporti: dalla storia sociale a quella istituzionale, dalla metodologia storica all'antropologia. Negli ultimi anni la sua attenzione si è maggiormente appuntata sull'opera di Benedetto Croce e la riflessione sul contributo storico e storiografico del filosofo al Novecento europeo.

Dettagli




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


Cardif
 
Dogalize
 
Dogalize
 
Dogalize

Top Giuseppe Galasso

Visualizza tutti i prodotti