Img Top pdp IT book
Salvato in 99 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nessuno può volare
15,68 € 16,50 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+160 punti Effe
-5% 16,50 € 15,68 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Nessuno può volare - Simonetta Agnello Hornby,George Hornby - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

€ 16,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Un racconto che si dipana dall'inconsueta famiglia siciliana fino ai più recenti viaggi con il figlio George e i nipoti, alla scoperta dei tesori del nostro patrimonio artistico e delle barriere architettoniche che ne limitano l'accesso.

Quando si nasce in una famiglia inconsueta come quella di Simonetta Agnello Hornby, sin da piccoli si cresce con la consapevolezza che si è "tutti normali, ma diversi, ognuno con le sue caratteristiche, talvolta un po' 'strane'". Attraverso una serie di ritratti sapidi e affettuosi, facciamo così la conoscenza della cugina Ninì, sordomuta ("Ninì non parla bene", si spiega agli estranei), dell'amata bambinaia ungherese Giuliana, un po' zoppa, del padre con una gamba malata, e della "pizzuta" prozia Rosina, cleptomane - quando l'argenteria scompare dalla tavola, i parenti le si avvicinano di soppiatto per sfilarle le posate dalle tasche, piano piano, senza che se ne accorga, perché "la zia non deve sentirsi imbarazzata". E poi naturalmente conosciamo George, sia attraverso le parole di sua madre, sia grazie alla sua voce, che si alterna come un controcanto ironico (cento per cento british), ma deciso nel raccontare i tanti ostacoli di chi si muove in carrozzina. E proprio come Simonetta con le storie di un tempo passato ci regala uno sguardo insolito e genuino sul mondo, così anche George, a cui quindici anni fa è stata diagnosticata la sclerosi multipla, ci consegna un punto di vista diverso da cui osservare le città che abitiamo, le persone che ci circondano e noi stessi.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
28 settembre 2017
220 p., Brossura
9788807032530

Valutazioni e recensioni

4,14/5
Recensioni: 4/5
(7)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Recensioni: 5/5

Questo libro è autobiografico. Ho trovato particolarmente toccante la scoperta dell’autrice della malattia del figlio affetto da sclerosi multipla. Il volo di un piccione riporta la scrittrice alla realtà: nessun essere umano può volare come suo figlio non potrà mai più camminare. Ho trovato profonda l’accettazione della malattia del figlio che comunque affronta la vita con coraggio e il fatto che la disabilità viene guardata con rispetto in questo libro. Il libro è ben scritto, si legge velocemente, fa riflettere molto.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Che dire di questo libro? Particolare. Simonetta richiama diversi personaggi che hanno popolato la sua infanzia, fra domestici e parenti, specie a Mosè e ci fornisce dei dettagli che ci erano ovviamente sfuggiti: erano disabili. E poi sia lei che suo figlio a turno raccontano com'è essere disabili e vivere con un familiare disabile. Come il mondo ti vede, come tu ti vedi e quali possibilità ti si precludono mentre altre ti si aprono. Un libro importante e consigliato.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 4/5

Un testo necessario per cercare di colmare il tanto che ancora manca per arrivare a una completa uniformità tra abili e disabili. Un testo che non deve essere stato facile scrivere, così come per il malato trovare l’equilibrio tra la disperazione e un ego pompato (perché questo a volte fanno i sostegni psicologici). Un testo non facile da mandar giù per quel senso di colpa che, in misura più o meno grande, prende il lettore nel rendicontarsi col proprio “si potrebbe fare di più”. Un testo che non poteva, e non voleva, offrire “bella” letteratura, o letteratura d’evasione. Un testo toccante per la misura controllata, lambendo una britannica freddezza, dei sentimenti, tenuti a freno ma non celati. Un testo, infine, non facile da valutare, ma a cui spetta il massimo dei voti, senz’altro, per la sua importanza.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,14/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(4)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(1)

Conosci l'autore

Simonetta Agnello Hornby

1945, Palermo

Vive dal 1972 a Londra, dove svolge la professione di avvocato ed è stata presidente per otto anni del Tribunale di Special Educational Needs and Disability. Il suo primo romanzo, La mennulara (la “raccoglitrice di mandorle”) - pubblicato da Feltrinelli nel 2002 e ripubblicato sempre da Feltrinelli nel 2019 -  è stato un vero e proprio caso letterario, è stato a lungo ai vertici delle classifiche ed è stato tradotto in molte lingue, ricevendo nel 2003 il Premio Letterario Forte Village. Nello stesso anno, ha vinto il Premio Stresa di Narrativa e il Premio Alassio 100 libri - Un autore per l'Europa, ed è stato finalista del Premio del Giovedì "Marisa Rusconi". Tra i suoi titoli più celebri ricordiamo: con Feltrinelli...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore