Img Top pdp IT book
Salvato in 41 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Volevo essere una farfalla. Come l'anoressia mi ha insegnato a vivere
16,62 € 17,50 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+170 punti Effe
-5% 17,50 € 16,62 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,62 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,62 €
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Volevo essere una farfalla. Come l'anoressia mi ha insegnato a vivere - Michela Marzano - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Volevo essere una farfalla. Come l'anoressia mi ha insegnato a vivere Michela Marzano
€ 17,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Michela Marzano è un'affermata filosofa e scrittrice, un'autorità negli ambienti della società culturale parigina. Dalla prima infanzia a Roma alla nomina a professore ordinario all'università di Parigi, passando per una laurea e un dottorato alla Normale di Pisa, la sua vita si è svolta all'insegna del "dovere". Un diktat, però, che l'ha portata negli anni a fare sempre di più, sempre meglio, cercando di controllare tutto. Una volontà ferrea, ma una costante violenza sul proprio corpo. "Lei è anoressica" le viene detto da una psichiatra quando ha poco più di vent'anni. "Quando finirà questa maledetta battaglia?" chiede lei anni dopo al suo analista. "Quando smetterà di volere a tutti i costi fare contente le persone a cui vuole bene" le risponde. E ha ragione, solo che è troppo presto. Non è ancora pronta a intraprendere quel percorso interiore che la porterà a fare la pace con se stessa. "L'anoressia non è come un raffreddore. Non passa così, da sola. Ma non è nemmeno una battaglia che si vince. L'anoressia è un sintomo. Che porta allo scoperto quello che fa male dentro. (...) Oggi ho quarant'anni e tutto va bene. Perché sto bene. Cioè... sto male, ma male come chiunque altro. Ed è anche attraverso la mia anoressia che ho imparato a vivere. Anche se le ferite non si rimarginano mai completamente. In questo libro racconto la mia storia. Pensavo che non ne avrei mai parlato, ma col passare degli anni parlarne è diventata una necessità." Michela Marzano
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2011
30 agosto 2011
208 p., Brossura
9788804606963

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 5/5

Grazie . Ci vuole coraggio per guardarsi dentro e anche ,se un sintomo come l'anoressia,forse non permette di girarsi dall'altra parte, ci vuole tanta forza e umiltà' per mettersi in discussione e analizzare le proprie paure ,le proprie ossessioni.Il coraggio è ancora più' grande ,se tutto questo , viene donato agli altri , se si permette, a sconosciuti e non ,di entrare nel nostro dolore . Ancora più grande e meraviglioso e' che ,ad aver fatto tutto questo ,sia una docente,filosofa e giornalista affermata e quindi una donna ''ARRIVATA'' ,secondo i gretti parametri della nostra ,super competitiva società , povera di amore e di rispetto per la propria e altrui fragilità'. Professoressa a lei tutto il mio grazie e la mia gratitudine.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 0/5

Cado sempre nell'errore (piacevole) di cercare risposte nei libri che leggo: non ne trovo mai! Non so se è una fortuna, fatto sta che questo è uno dei libri in cui NON ho trovato risposte, ma condiviso una situazione, delle sensazioni. Sapere di non essere la sola a farsi certe domande, a vivere alcuni disagi, a provare certe sensazioni fa sentire NORMALI ... quello che alcune volte, ad alcune donne, manca: la sensazione di essere normali.

Leggi di più Leggi di meno
LAURA LOIACONO
Recensioni: 0/5

"Volevo essere una farfalla" non è un libro per tutti.E' per coloro che sanno cosa significa avere il dolore dentro che ti lacera il corpo e alla fine, di te,della tua persona rimane il vuoto,il nulla.Tutto questo per cosa?Soffrire,perché? Perché si vuol essere a tutti i costi all'altezza,si vuol raggiungere la perfezione in tutto,si vuol dimostrare al mondo ma soprattutto alle persone che ti hanno messa al mondo che tu vali qualcosa,che tu puoi renderli orgogliosi!Ma è una battaglia persa in partenza:essere accettati per essere amati.Ed è lì che nasce il conflitto interiore,il dolore che ti divora.Michela comincia una battaglia che non fa che snaturare ciò che lei realmente è.Michela voleva essere una farfalla ossia voleva essere perfetta agli occhi di un padre che non capiva,non comprendeva la sua vera essenza,era cieco.Uscire da questo dolore si può?Michela ci dimostra che si può.Certo,le ferite rimango ben impresse ma col tempo si impara a far pace con se stessi,ad accettarsi così come si è,ad amarsi in tutte le possibile sfaccettature.Da qui nasce la consapevolezza che è inutile distruggersi,annientarsi per raggiungere un ideale,una perfezione perché se ci si accetta,se ci si ama per ciò che si è realmente si vince la battaglia più difficile della propria vita! Michela adesso è serena.Michela adesso sa che i genitori,coloro che ci hanno messo al mondo, ci amano ma a volte nel loro amare commettono degli errori,che posso essere fatali nel condizionare gli adulti che saremo,che rimangono lì sulla nostra pelle a ricordarci ciò che abbiamo passato.Ma poi?Poi nella conquista di riuscire ad amarci senza troppe pretese,si arriva anche ad accettare un padre che non ti vede come dovrebbe,ad accettare i suoi errori.Ciò accade per una ragione:dalla accettazione,dall'amore per se stessi non può che nascere amore e comprensione verso gli altri e verso i loro sbagli.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Michela Marzano

1970, Roma

Michela Marzano vive a Parigi dal 1999, dove è arrivata dopo un dottorato di ricerca in Filosofia alla Normale di Pisa con Remo Bodei. A 36 anni ha ottenuto l'abilitazione come professoressa universitaria, e attualmente è direttrice del Dipartimento di Scienze Sociali (SHS - Sorbona) e professore ordinario di filosofia morale presso l'università Paris Descartes.Fra gli ambiti di ricerca di cui Marzano si occupa o si è occupata, ricordiamo quelli del corpo e del suo statuto etico, l'etica sessuale e l'etica della scienza medica, la filosofia morale specialmente in relazione alle sue implicazioni teoriche nelle norme di comportamento.Dirige una collana di saggi filosofici per le Edizioni PUF.Fra le sue pubblicazioni in italiano ricordiamo Straniero nel corpo. La passione...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore