Salvato in 38 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
L' amore non guasta
9,02 € 9,50 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+90 punti Effe
-5% 9,50 € 9,02 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,02 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,02 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
L' amore non guasta - Jonathan Coe - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

L' amore non guasta Jonathan Coe
€ 9,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Robin si è laureato a Cambridge ma da oltre quattro anni sta preparando il dottorato a Coventry. Un male oscuro sembra consumarlo, forse il ricordo di un amore lontano e mai dichiarato che lo tortura come il primo giorno. Intorno a questo male e alla tesi di dottorato di cui nessuno ha mai visto una sola riga, monta un clima di catastrofe imminente. Basterebbe un "tocco d'amore", forse.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

11
2013
Tascabile
1 settembre 2013
Brossura
9788807883170
Chiudi

Indice


Le prime frasi del romanzo:

Parte prima
L'INCONTRO DELLE MENTI

Giovedì 17 aprile 1986

"Non dire sciocchezze, cara, no che non ci sarà una guerra atomica."
...
"Sono quasi all'uscita 21. Dovrei essere a Coventry tra una ventina di minuti. Devo fare un salto all'università."
...
"Quello che dice lui, scòrdatelo. Parla a vanvera. Il mondo è governato da persone equilibrate e ragionevoli, proprio come me e te."
...
"Anche tu mi manchi. Baciami Peter. Digli che..."
...
"Cosa? No, un pazzo m'ha tagliato la strada. E 'sti altri che vanno minimo a 160. Fatemi capire perché la polizia non li ferma."
...
"Non so se ho tempo di andarlo a trovare. Non se voglio tornare a casa stasera."
...
"E poi, cosa ho da dirgli? Sono anni che non ci vediamo. Sì e no mi ricordo com'è fatto."
...
"No. Non capisco perché dovremmo lasciargli usare il nostro cottage. Ce lo siamo comprato per noi, non per darlo in mano a estranei."
...
"In che senso, t'è sembrato strano?"
...
"Ma te l'ho detto tesoro, parla a vanvera. E anche tu. La Libia, la Siria, l'America, la Russia: è una situazione complicatissima. Se veramente pensi che il mondo intero si vada a cacciare in una guerra, beh, allora... ma sì, certo che torno stasera."
...
"E va bene, dammi l'indirizzo."
...
"Sì, ci faccio un salto stasera, appena finisco all'università. Perciò arrivo a casa non prima delle dieci. Forse anche più tardi. No, trovarlo lo trovo: ho la pianta."
...
"Adesso sta' calma. E non guardare il telegiornale se ti dà ansia. Scordati quella telefonata."
...
"Per il cottage gli spiego io. Ma secondo me non ha niente. Avrà lavorato troppo, ecco tutto. Sai come sono gli studenti, non combinano un tubo per settimane intere e poi fanno le nottate."
...
"Tranquilla. Me lo ricordo."
...
"Anche a te."
...
"Bacino bacino."

*****

Ted imboccò l'uscita 21 e s'immise sulla M69. La prima cosa, questo ormai lo aveva capito, era mantenere buoni rapporti con i clienti. Aveva poche speranze di fare nuove vendite lì all'università, ma era passata qualche settimana dal precedente colloquio con il dottor Fowler, e voleva verificare che il nuovo sistema funzionasse come si deve. Previa occhiata davanti a sé per controllare che la corsia centrale fosse sgombra, lasciò che lo sguardo guizzasse al sedile accanto, allo schedario nel quale raccoglieva i profili personali dei suoi clienti. Con la mano sinistra voltò i fogli fino a raggiungere la F. Fowler, Dr Stephen. Sposato. Due figli: Paula e Nicola. Nicola era stata dal dentista il 24 marzo. Due estrazioni. Ecco, questo era già uno spunto per l'attacco. ("Steve! Che piacere rivederti. Ho pensato, adesso faccio un salto lì in zona e vado a trovarlo... La consorte e la prole come stanno? Non mi dire che Nicky ha ancora problemi con i dentini! Ah menomale, mi fa piacere...")
Arrivò al campus poco prima delle cinque, ma il Dr Fowler era andato via. Un bigliettino sulla porta diceva che era disponibile a ricevere l'indomani mattina.
Ted fece a ritroso l'ingarbugliato itinerario fino al parcheggio auto, sorpreso di ritrovarsi a godere la luce del tardo pomeriggio e l'esperienza insolita di essere circondato da persone più giovani. Quando fu alla macchina non salì immediatamente; si sedette invece sul cofano e si guardò intorno.
All'incontro con il Dr Fowler si era preparato con l'assoluta dedizione che da ultimo gli era valsa, per la seconda volta consecutiva, l'ambito premio aziendale "Venditore dell'Anno", cosicché solo adesso era in grado di ripensare seriamente alla telefonata di Katharine. Davvero non aveva nessuna voglia di rivedere Robin: l'avesse avuta, sarebbe andato a trovarlo prima, approfittando di una delle sue tante visite all'università. E men che mai voleva mettersi nella condizione di dover badare a lui se realmente, come riteneva Katharine, c'era qualcosa che non andava.
E poi, e poi, lei esagerava sempre.

Valutazioni e recensioni

3,33/5
Recensioni: 3/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(2)
3
(0)
2
(1)
1
(0)
Alessandra Chiusaroli
Recensioni: 2/5

Questo libro mi ha molto delusa, nonostante abbia letto molti libri dello scrittore mi aspettavo ben altro. Qui la trama descritta sul retro della copertina inganna il lettore, perché è totalmente fuorviante. Non viene esattamente chiarito nulla, ed è molto sfumato e sottointeso come ciascuno faccia le proprie scelte e ricada col pensiero al "ma se avessi scelto altro?". Ma nel racconto ci si perde nei racconti del protagonista e nelle divagazioni politiche e tutto lascia il tempo che trova. Si poteva scavare più a fondo nell'animo umano e non soffermarsi sulla superficie. Non mi ha entusiasmato.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 4/5

Jonathan Coe ha creato nel suo immaginario una serie di protagonisti maschili magnificamente perdenti, felicemente infelici, come Robin, il protagonista di questo libro. Nonostante sia uno dei primi romanzi di Coe, trovo che sia ben riuscito, s'intravedono già le potenzialità dello scrittore, ben espresse poi ne "La famiglia Winshaw". Si trovano già i suoi cambi stilistici, il racconto nel racconto, la finta intervista, l'introduzione di uno sfondo storico (in questo caso l'Inghilterra di fine anni '80) gettato lì come niente fosse: essi rivelano in realtà un romanzo intelligente, ironico e sarcastico. Ma soprattutto è un libro profondamente triste, di quelli che ti lasciano un peso nel cuore e molti spunti su cui riflettere. Da leggere se si vuole comprendere il vero senso di solitudine e di incomprensione, a patto che si sia abbastanza felici da poterlo sopportare.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 4/5

Non mi è dispiaciuto ma non mi ha nemmeno esaltato. Forse, come leggo nelle review, questa è un'opera propedeutica a quelle successive di Coe di cui salvo i racconti all'interno della storia, narrati da Robin, un intellettuale letterato, inconcludente e depresso. Nostalgia, rimorso, vacuità, indolenza, fanno da filo conduttore a tutta la storia. Vedrò in futuro di leggere qualcosa d'altro e farmi un'idea più precisa sull'autore. Nel frattempo ve lo consiglio.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,33/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(2)
3
(0)
2
(1)
1
(0)

Conosci l'autore

Jonathan Coe

1961, Birmingham

Scrittore inglese. Ha svolto molte attività: insegnante di poesia inglese all'università di Warwick, musicista semiprofessionista, correttore di bozze, giornalista e scrittore freelance. E' considerato uno dei più promettenti talenti narrativi inglesi e si distingue per l'originalità dei suoi racconti e l'acuto spirito contro le contraddizioni della società inglese. È stato autore di biografie: di Humphrey Bogart e di James Stewart (pubblicate in Italia da Gremese editore). Ha scritto i romanzi: La famiglia Winshaw (1995), Questa notte mi ha aperto gli occhi (1996), La casa del sonno (1998), L'amore non guasta (2000), La banda dei brocchi (2002), Donna per caso (1985-2003), Caro Bogart (2009), I terribili segreti di Maxwell Sim (Feltrinelli, 2010),...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore