Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
Bambini nel tempo - Ian McEwan - copertina
Bambini nel tempo - Ian McEwan - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 15 liste dei desideri
Disponibilità immediata
Bambini nel tempo
6,00 €
-37% 9,50 €
6,00 € 9,50 € -37%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libro di Faccia
6,00 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Libro di Faccia
6,00 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Chiudi
Bambini nel tempo - Ian McEwan - copertina
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Stephen Lewis, autore di fortunati libri per bambini, padre e marito felice, un giorno si reca al supermercato con sua figlia Kate, e mentre è intento a svuotare il carrello alla cassa si accorge di aver perso la bambina. Rapita? Uccisa? Fuggita? Ogni cosa intorno a lui da quel momento sembra precipitare. Il vuoto doloroso che lascia la sparizione di Kate dà il via a una serie di azioni e reazioni che porteranno Stephen a rivedere tutta la sua vita. Le sue tante certezze incrollabili si mostreranno deboli; abitudini e atteggiamenti mai messi in discussione riveleranno il loro lato più fastidioso. Senza mai perdere di vista il suo protagonista, McEwan racconta il viaggio di un uomo messo di fronte all'inaccettabile, facendoci percepire la precarietà e la fragilità in cui viviamo, e nello stesso tempo restituendoci la nostra umana e indistruttibile speranza.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2
2005
Tascabile
229 p.
9788806172756

Valutazioni e recensioni

Enrico Caramuscio
Recensioni: 0/5

Sembra una mattina come tante a Londra. Stephen Lewis, affermato scrittore di libri per l’infanzia, come spesso accade esce a fare compere con la figlioletta di tre anni Kate. Questa volta però tornerà a casa senza di lei. Un solo attimo di distrazione durante una banale operazione di pagamento alla cassa del supermercato è infatti fatale: l’uomo si volta e non vede più la piccola. Kate è sparita, volatilizzata. A nulla serve l’intervento delle forze dell’ordine, vani sono tutti i tentativi di ritrovarla. Un’evento nefasto che inevitabilmente avrà strascichi negativi sulla vita dell’uomo e su quella della moglie Julie. I due coniugi verranno travolti da un indicibile dolore cui reagiranno in maniera diversa, lui impegnandosi con tutte le sue forze in disperati quanto inani tentativi di ricerca, lei abbandonandosi ad una cupa ed indolente solitudine. Ad un certo punto la separazione apparirà inevitabile, ma il tempo saprà rimarginare la ferita. McEwan racconta il lato sentimentale e psicologico di un dolore straziante come può essere quello che nasce dalla perdita di un figlio, entrando nella mente dei protagonisti ma tenendo sempre un certo distacco, una sorta di freddezza, di cinismo, che se da una parte limita l'empatia dall'altra evita di cadere in facili e mielose drammatizzazioni. La storia è raccontata attraverso continui salti temporali, passato, presente e futuro si intersecano e si confondono, la maturità si scontra con l'infanzia ora vincendo ora soccombendo e ricordandoci del bambino che si cela dietro ogni adulto. McEwan non risparmia poi frecciatine velenose alla politica Thatcheriana dell'epoca e alla società britannica in generale. Non mancano i luoghi comuni, alcuni passaggi possono risultare scontati e lo stile non è dei più virtuosi, ma i contenuti sono di valore e importante appare il messaggio finale che invita a non abbattersi troppo nei momenti difficili, a non annullarsi nel dolore, perchè potrebbe sempre arrivare un'occasione buona per rialzarsi e rinascere.

Leggi di più Leggi di meno
BARBARA BAGATIN
Recensioni: 5/5

La letteratura inglese è maestra nel raccontare l' infanzia. E McEwan non smentisce la tradizione dalla quale proviene. Chi è, però, il vero bambino? la bambina di Stephen che sparisce dal supermercato, o il suo amico, che preferisce vivere la vita nella casa sull' albero? Un romanzo dalla trama semplice, come un romanzo giallo, ma come questo genere va a braccetto con il mistero. Per l' autore il mistero siamo noi ed il nostro divenire. Egli ci pone davanti ad un interrogativo, che in fondo non è che il messaggio e lo scopo del romanzo: conosciamo davvero che cosa significhi il temine "bambino"? Fonte inestimabile di guadagno per l' economia del nostro tempo, i bambini sono degli impareggiabili consumatori, proprio come avviene per gli adulti, senza poter godere degli stessi diritti. Bambino quindi non è oramai più un' età della vita, ma un termine abusato per etichettare chi è diverso. Il personaggio di Charles, che da solo vale il giudizio di capolavoro a quest' opera, rappresenta, al contrario, la volontà di restare bambino pur essendo nell' età adultà, attuando la propria resistenza alle convenzioni sociali. Egli non scimmiotta i bambini, ma rimane tenacemente legato alla sua parte d' identità fanciullesca. Resta giovane nelle movenze, ma non nel corpo, che invecchia. Resta bambino nello spirito, perché è lui che si costruisce il rifugio sull' albero. Un romamzo potente e liberatorio, il cui intento può essere compreso a fondo facendo attenzione agli incipit di ogni capitolo, che McEwan ha scelto dal "Manuale per l' educazione del bambino", per il quale l' infanzia può essere paragonata ad uno stato di "malattia".

Leggi di più Leggi di meno
SUSANNA DEL LUNGO
Recensioni: 4/5

Un romanzo la cui lettura non è né facile né scorrevole, ma che sicuramente non delude i lettori di McEwan. Scrittura che, come al solito, richiede un impegno particolare ad andare avanti, per poi suscitare a poco a poco forti emozioni e profonde riflessioni. Il romanzo affronta alcuni temi particolarmente cari all'autore: la dimensione soggettiva del tempo, l'infanzia perduta e ritrovata, le difficoltà del rapporto di coppia, l'incomunicabilità di certe particolari condizioni psicologiche, il dissidio tra l'immagine pubblica di sé (la sicurezza e l'efficienza dell'età adulta) e la fragilità del proprio io interiore (l'impossibilità di superare mai del tutto il bambino che c'è in noi). Detta così sembra un'impostazione estremamente concettuale. La narrazione invece assume piuttosto a tratti un carattere onirico e visionario. È attraverso attimi di visionarietà che il protagonista diviene partecipe di verità che gli aprono uno squarcio nel tessuto impermeabile del tempo e gli rivelano verso la fine la via di uscita da una situazione di empasse esistenziale, creando una continuità generazionale tra le proprie vicende e quelle degli anziani genitori. Il racconto del percorso interiore del protagonista nell’elaborazione del lutto per la scomparsa della propria bambina, l’incapacità di rassegnarsi ad una perdita che non può essere data come definitiva, rivela tutta l’inconsistenza delle certezze sulle quali ciascuno di noi costruisce la propria identità di individuo maturo, barricandosi dietro priorità fittizie, ed ostentando una padronanza di sé e dei propri sentimenti che in realtà non è che una parvenza di stabilità, quando invece la nostra psiche si mantiene in un perenne oscillare tra attimi di lucidità e follia in un equilibrio precario tra normalità e alienazione. E mentre il nostro protagonista tenta faticosamente di uscire dal vuoto esistenziale e di sfuggire al suo pericoloso retrocedere ad una condizione infantile di totale indifferenza agli obblighi sociali e obiettivi personali, mentre il suo matrimonio va lentamente alla deriva e i giorni si trascinano stancamente dietro occupazioni oziose e prive di interesse, l’amico ed editore Charles Darke, cerca nell’infanzia uno stato di realizzazione superiore, l’onnipotenza dell’assoluta mancanza di responsabilità, la gestione spassionata e spensierata del proprio tempo. Sono personaggi che hanno smarrito, in maniere diverse, il senso di appartenere all’età adulta e ai suoi cerimoniali, affiancati da donne energiche e consapevoli, che finiscono per ricoprire immancabilmente il ruolo di madri: solo la consapevolezza di essere responsabili di un altro individuo più debole potrà restituire significato al loro agire e al loro ruolo sociale. La capacità di McEwan di anatomizzare e dissezionare la realtà sociale, politica, psichica, si manifesta quanto mai acuta in questo racconto a metà tra lo psicologico e il metafisico, che non può fare a meno di lasciare il lettore inquieto e turbato.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Ian McEwan

1948, Aldershot

Scrittore e sceneggiatore britannico. Esordisce con due raccolte di novelle, Primo amore, ultimi riti (1975 - pubblicato da Einaudi nel 1979 con la traduzione di Stefania Bertola) e Tra le lenzuola (1978 - edito da Einaudi nel 1982 sempre con la traduzione della Bertola), che ritraggono, in uno stile raffinato e impersonale, situazioni quotidiane, dominate tuttavia dall’ossessione per il sesso e segnate dalla morte. Sesso, perversione e morte sono temi trattati anche nei primi romanzi, Il giardino di cemento (1978, portato sul grande schermo nel 1993 dal regista Andrew Birkin con la nipote Charlotte Gainsbourg e tradotto dalla Bertola per Einaudi nel 1980) e Cortesie per gli ospiti (The Comfort of Strangers 1981 - Eianudi 1983, tradotto in film nel 1991 dal regista Paul Schrader con...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore