Img Top pdp IT book
Salvato in 74 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Una biblioteca della letteratura universale
11,40 € 12,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+110 punti Effe
-5% 12,00 € 11,40 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Chiudi
Una biblioteca della letteratura universale - Hermann Hesse - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Una biblioteca della letteratura universale Hermann Hesse
€ 12,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Dettagli

12
1979
1 marzo 1993
130 p., Brossura
9788845904028

Valutazioni e recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
(2)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Recensioni: 4/5

Interessante, forse insolito, questo testo di Hesse che raccoglie vari interventi che l’autore aveva scritto nel corso degli anni sulla lettura in generale, sulle sue letture preferite, sullo scrivere o sul farsi una giusta biblioteca. Si incontrano giustamente nomi famosi e libri altrettanto celebri ma vengono evidenziate anche le sue preferenze sulla letteratura indiana e soprattutto cinese.: Lao Tsu, per esempio è citato più volte. Ci sono poi tanti piccole chicche molto interessanti. Ma quello che più mi e piaciuto sono le sue considerazioni sulla corretta lettura, i consigli per leggere in modo ragionato e produttivo: per esempio : C’è però un solo criterio, un’unica strada per formare e sviluppare il proprio spirito attraverso i libri: ed è l’attenzione a ciò che si legge, la paziente volontà di capire, l’atteggiamento umile di chi non rifiuta e rimane in ascolto. Tra le tante altre pagine vorrei ricordare quanto scriveva nel (1929)(!): Non crediamo a nessuno degli ideali di quest’epoca, non a quello dei generali né a quello dei bolscevichi o dei professori o degli industriali. Ma crediamo che l’uomo sia immortale, che da ogni deformazione la sua immagine potrà risorgere risanata, da ogni inferno purificata. Non cerchiamo di spiegare la nostra epoca, né di migliorarla né di ammaestrarla, ma di sempre nuovamente schiuderle, svelando il nostro dolore e i nostri sogni, il mondo dell’anima . Quei sogni, in parte, sono tristi sogni d’angoscia, quelle immagini sono in parte visioni terrificanti; ma non possiamo abbellirle, non possiamo truccare la verità….. . Noi non nascondiamo il pericolo che corre l’anima dell’umanità, l’abisso cui è vicina. Ma neppure possiamo nascondere che crediamo alla sua immortalità. Queste parole mi rimandano a Montale che negli stessi anni (1925) scriveva versi immortali che mettevano in rilievo la sua sofferenza, il suo non sentirsi allineato, quali per esempio: Non chiederci la parola che squadri da ogni lato | l'animo nostro informe, e a lettere di fuoco | lo dichiari e risplenda come un croco | perduto in mezzo a un polveroso prato... | Ah l'uomo che se ne va sicuro, | agli altri ed a se stesso amico, | e l'ombra sua non cura che la canicola | stampa sopra a uno scalcinato muro! …..Etc. potrei proseguire citando quasi tutti gli Ossi di Seppia

Leggi di più Leggi di meno
Isabella Fizzotti
Recensioni: 5/5

Ma io era già un po' che lo dicevo: Hesse è un genio. E il suo stile di scrittura è esattamente quello che preferisco, lo trovo così scorrevole e condivido sempre il 95% delle cose che dice. Se non fosse morto quasi quasi me lo sposerei :P

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Hermann Hesse

1877, Calw, Wurttemberg

Scrittore tedesco. Abbandonati gli studi teologici, lavorò come meccanico e poi come libraio; nel 1904 si stabilì sul lago di Costanza, dedicandosi all'attività letteraria. Nel 1911 compì un lungo viaggio in India e nel 1921 prese la cittadinanza svizzera. Fu insignito del premio Nobel nel1946. Il romanzo che lo rivelò fu "Oeter Camenzind" (1904), una storia pervasa di idillica malinconia. Seguirono "Sotto la ruota" (1906) e diversi volumi di novelle. Gli avvenimenti della prima guerra mondiale produssero in lui una violenta crisi accentuando la sua tendenza all'introspezione. Si accostò alla psicoanalisi e introdusse nei suoi libri nuovi e più maturi elementi di critica sociale. Nel 1920 scrisse "L'ultima estate di Klingsor" cui seguirono i...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore