Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Recensioni H/H

  • User Icon
    18/05/2018 20:33:40

    Questo libro è composto da due racconti “Hard boiled” e “Hard luck”. Il filo conduttore di queste due storie è sempre la morte e il superamento della perdita di una persona amata. Nel primo racconto la protagonista sta camminando per un sentiero di montagna, quando si ricorda di essere già stata lì con la sua defunta fidanzata Chizuru. Nel secondo racconto, invece, la protagonista attende la morte della sorella Kuni, in coma per una emorragia cerebrale. Nonostante il tema non sia dei più leggeri, il libro scorre piacevolmente e una pagina tira l'altra.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    28/11/2017 12:00:26

    In questo libro l'autrice ci presenta due storie ma forse quella che più mi ha colpito è stata la prima "Hard-boiled". Il modo in cui l'autrice parla della morte e del modo in cui si affronta il lutto di una persona cara lascia sempre il segno. Ci ritroviamo in una storia ricca di mistero e inquietudine che vi terrà davvero legati alle pagine. Il modo in cui la presenza di una tragedia si scinde con l'ambiente rimanendo sospeso nel tempo. La seconda storia è più incentrata sulla rassegnazione di una persona che non può più svegliarsi dal coma e la lenta attesa della sua fine, portando la famiglia e fermarsi senza riuscire a trovare un significato nella propria vita. Due storie forti e commoventi che intrecciano un lato irreale con un lato reale. Uno dei più bei libri di Banana Yoshimoto che ho letto.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    03/03/2017 18:30:34

    Premetto che adoro la Yoshimoto, non è facile esprimere ció che i suoi scritti trasmettono. La sua scrittura è di una delicatezza quasi fuori dal mondo con la quale affronta temi a lei carissimi, la morte, l'amicizia, l'amore (anche omosessuale ed è magnifica quando descrive le situazioni ed emozioni di una coppia gay), la famiglia. Il libro è composto da due lunghi racconti, h/h sta per le iniziali di ognuno: Hard-boiled e Hard luck. Il primo è quasi privo di elementi realistici, il paranormale viene messo in faccia al lettore quasi forzatamente. Il secondo, al contrario, è molto realistico ed è quello che mi ha colpito di più seppur il più breve. Le esperienze oniriche e cosí delicate della scrittrice se non arrivano subito, non si possono inculcare o spiegare. La morte non è triste. Il tempo si ferma, quasi come se prendesse una consistenza, ed è in questo tempo, eterno, che si fanno delle scelte. Un tempo in cui le piccole cose, quelle insignificanti, assumono una grandezza inaspettata. Frase molto significativa: "Quando ci si lascia sommergere dal dolore, Kuni si allontana, ha detto stamattina mia madre" Quando la morte colpisce qualcuno a noi caro, il dolore è insopportabile ma troppi istanti dedicati al dolore rovinano la sacralità del tempo in cui la persona cara è ancora viva, i nostri ricordi, momenti di grande intensità.

    Leggi di più Riduci
  • User Icon
    27/11/2016 12:17:43

    cosa succede quando perdiamo, o stiamo per perdere una persona amata? Banana Yoshimoto cerca d descrivere quei sentimenti in due racconti, che sono legati tra loro dal filo tessuto dalla morte. Il primo narra le vicende di una ragazza che, in viaggio da sola, si ritrova a fare i conti coi fantasmi del passato e con l'assenza di una persona che si fa sentire sempre più. Il secondo racconto ha invece per protagonista un'altra donna, la cui sorella è in coma in seguito a un grave incidente. In questo caso, la linea sottile che divide la vita e la morte dà la possibilità alla protagonista di prendere importanti decisioni sulla sua vita.

    Leggi di più Riduci