L'occhio della trota

L'occhio della trota

di Fulvio Panzeri

 
Disponibile in
3 giorni lavorativi
Prezzo solo online:

8,78

€ 10,33 -15%
Aggiungi al carrelloPrenota e ritiraVerifica disponibilità in Negozio

Quarta di copertina

In una sua poesia del 1985, Mario Luzi cantò la struggente bellezza della Trota in acqua, descri vendone i «filanti paradisi/di libertà e d'obbedienza». Nulla di tutto ciò in questa prima raccolta di Fulvio Panzeri, che cita sì la medesima creatura, ma per fermarla in una luce morta, estrema, residuale. L'occhio della trota che qui fissa il lettore è infatti quello, da vanitas barocca, che scandisce la dolorosa rievocazione di un amore lontano. L'animale di cui si parla appare cioè ridotto alla consistenza di povero rimasuglio alimentare, memento mori, specchio spento e inerte in cui si riflette un io monologante. Sarebbe, tuttavia, decisamente improprio ridurre il libro alla sua parte centrale, peraltro la più esigua, che gli dà appunto il titolo. E' piuttosto nella sezione conclusiva, Terza voce, e soprattutto nella prima, La natura delle foglie, che si sviluppa più distesamente il dettato dell'autore. Abbandonata la forma del bestiario, è adesso la vegetazione ad invadere il campo metaforico. Sotto la sua potente e pervasiva presenza, il trepido cromatismo del paesaggio lombardo, colto tra l'Adda e Lecco, racconta una storia interiore in cui, tra fitte e strappi lancinanti («questo giro d'ustioni/bruciori e divisioni»); la deriva pulsionale rinvia a un tormentato sfondo religioso: «capisco la volontà di Dio/di ferire la bellezza/oltre il suo senso». Ma tanti temi, ed è ciò che più conta, riescono a tradursi in una lingua di particolare sapienza metrico-compositiva, dove l'ampia coloritura lessicale (fra arcaismi e reperti dialettali) si unisce ad un frequente uso di slogature sintattiche, spaziando dall'elegia alla canzonetta. Per questo, sarà forse utile terminare sulle parole con cui Giovanni Testori volle segnalare le prime prove del giovane scrittore: «Ebbi subito la certezza che nella poesia di Panzeri, nella sua anima, si muovesse, proprio come in un prato, la fertilità vera; la fertilità, intendo, della poesia». Valerio Magrelli

Dopo aver letto il libro L'occhio della trota di Fulvio Panzeri ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli

  • GenerePoesia
  • Listino:€ 10,33
  • Editore:Guanda
  • Collana:Fenice contemporanea
  • Data uscita:02/05/2000
  • Pagine:128
  • Lingua:Italiano
  • EAN:9788882462291

Parole chiave laFeltrinelli:

raccolte di romanzi




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


 
Cardif
 
Dogalize
 

Top Fulvio Panzeri

Visualizza tutti i prodotti