Professione: reporter di guerra

Professione: reporter di guerra

Storia di un giornalismo difficile, da Hemingway a Internet

di Mimmo Candito

 
FUORI CATALOGO

Descrizione

Un libro per sapere e capire in che modo i giornalisti, oggi, vivono l'esperienza di una guerra, senza una parte e la fede in una vittoria." Furio Colombo

Quarta di copertina

Robert Capa, il più grande fotoreporter, lo diceva spesso: "Quando vai in guerra,è come quando punti su un cavallo, che puoi vincere o perdere". Lui perse, morì su una mina in Vietnam. Anche Hemingway lo ripeteva spesso: "In guerra, importante è vincere la paura; il resto lo fa la fortuna". Lui la fortuna l'ebbe, anche perché non era del tutto vero quello che raccontava di se stesso come protagonista di eroismi. In battaglia, tutti hanno paura; anche i giornalisti. Nei giorni della caduta di Saigon, ad aprile del '75, un vecchio corrispondente americano ebbe paura dei vietcong e scappò come quasi tutti gli altri reporter; però poi passò il resto della vita a consumarsi nell'angoscia amara di quella fuga. E' l'angoscia di Lord Jim. Il reporter che va in guerra - Hamingway o Dos Pasos, Montanelli, Barzini, Peter Arnett, la Fallacci, la Amanpour - non è mai un eroe. Il cinema, la letteratura, l'immaginario popolare, gli hanno montato addosso una mitologia romantica che spesso ignora la realtà. Il primo di loro, William Russell, inviato del Times in Crimea nel 1854, scriveva con la penna d'oca; l'ultimo, oggi, sta seguendo la guerra di Cecenia o dei Balcani, e manda i "pezzi" in redazione con il telefono satellitare. Il libro racconta la storia, le piccole miserie, gli alberghi sporchi, gli scarafaggi, la rabbia, di questa armata di Brancaleoni che viaggiano nel Kosovo, in Vietnam, dentro i deserti del Golfo, con gli ascari di "Faccetta nera", tra i fanti di Caporetto, a Beirut o a Sarajevo. Ma il reporter dal sistema dell'informazione, sempre più pilotata, controllata, approssimativa, insofferente comunque del lavoro attento - e rischioso, certamente, e costoso - del giornalista testimone. Un mondo virtuale si va sostituendo alla nostra comune realtà.

Dopo aver letto il libro Professione: reporter di guerra di Mimmo Candito ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online.

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Trama
 
Stile scrittura
 
Aspetto estetico
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Dettagli

  • Editore:Dalai Editore
  • Collana:I nani
  • Data uscita:18/07/2000
  • Pagine:256
  • Formato:Tascabile
  • Lingua:Italiano
  • EAN:9788880898214




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


 
Cardif
 
Dogalize

Top Mimmo Candito

Visualizza tutti i prodotti