Salvato in 185 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Il libro dei Baltimore
20,90 € 22,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+210 punti Effe
-5% 22,00 € 20,90 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
20,90 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
20,90 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Il libro dei Baltimore - Joël Dicker - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Il libro dei Baltimore Joël Dicker
€ 22,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione


Sino al giorno della Tragedia, c’erano due famiglie Goldman. I Goldman di Baltimore e i Goldman di Montclair. Di quest’ultimo ramo fa parte Marcus Goldman, il protagonista di La verità sul caso Harry Quebert.

«Se è vero che il romanzo è la più bella delle menzogne, ci sono narratori particolarmente abili nell'arte di mentire al lettore. Tra questi Joël Dicker.»Lara Crinò, Il Venerdì di Repubblica

«In "La verità sul caso Harry Quebert", Marcus Goldman era innanzitutto, in quanto narratore, il mezzo che permetteva al lettore di risalire all’inchiesta sull’assassinio di Nola Kellergan. Mi sembrava quindi indispensabile prolungare l’esplorazione della personalità di Marcus in un altro romanzo, dove questo personaggio, sempre nella sua funzione di narratore, si sarebbe ritrovato, stavolta, al centro del prisma. Volevo presentarlo ai miei lettori, offrirgli un passato, una storia, una famiglia. E volevo che a raccontare Marcus fosse lo sguardo che su di lui posano i suoi due migliori amici.» - Joël Dicker, la Lettura del Corriere della Sera

I Goldman di Montclair, New Jersey, sono una famiglia della classe media e abitano in un piccolo appartamento. I Goldman di Baltimore, invece, sono una famiglia ricca e vivono in una bellissima casa nel quartiere residenziale di Oak Park. A loro, alla loro prosperità, alla loro felicità, Marcus ha guardato con ammirazione sin da piccolo, quando lui e i suoi cugini, Hillel e Woody, amavano di uno stesso e intenso amore Alexandra. Otto anni dopo una misteriosa tragedia, Marcus decide di raccontare la storia della sua famiglia: torna con la memoria alla vita e al destino dei Goldman di Baltimore, alle vacanze in Florida e negli Hamptons, ai gloriosi anni di scuola. Ma c’è qualcosa, nella sua ricostruzione, che gli sfugge. Vede scorrere gli anni, scolorire la patina scintillante dei Baltimore, incrinarsi l’amicizia che sembrava eterna con Woody, Hillel e Alexandra. Fino al giorno della Tragedia. E da quel giorno Marcus è ossessionato da una domanda: cosa è veramente accaduto ai Goldman di Baltimore? Qual è il loro inconfessabile segreto?
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2016
29 settembre 2016
592 p., Brossura
9788893440615
Chiudi

Indice


Le prime frasi del libro

Io sono lo scrittore.

È così che mi chiamano tutti. I miei amici, i miei genitori, i miei parenti, e anche le persone che non conosco e che tuttavia mi riconoscono in un luogo pubblico e mi dicono: “Lei non è quello scrittore...?” Io sono lo scrittore: è la mia identità.
La gente crede che, in quanto scrittore, la tua vita sia abbastanza tranquilla. Recentemente un mio amico, dopo essersi lamentato per i suoi spostamenti quotidiani tra casa e ufficio, mi ha detto: “Tu, in fondo, la mattina ti alzi, ti siedi alla scrivania e scrivi. Tutto qua.” Non gli ho risposto niente, forse per lo sconforto di rendermi conto fino a che punto, nell’immaginario collettivo, il mio lavoro consista nel non far niente. La gente pensa che non combini nulla, ma è proprio quando non fai niente che lavori di più.

Scrivere un libro è come aprire una colonia estiva. La tua vita, in genere solitaria e tranquilla, viene improvvisamente scombussolata da una moltitudine di personaggi che un giorno giungono senza preavviso e ti stravolgono l’esistenza. Arrivano una mattina, a bordo di un grande pullman, dal quale scendono rumorosamente, eccitati per il ruolo che hanno ottenuto. E tu devi rassegnarti, devi occupartene, devi dargli da mangiare, devi ospitarli. Sei responsabile di tutto. Perché tu, appunto, sei lo scrittore.
Questa storia inizia nel febbraio del 2012, quando lasciai New York per andare a scrivere il mio nuovo romanzo nella casa che avevo appena acquistato a Boca Raton. L’avevo comprata tre mesi prima, coi soldi della cessione dei diritti cinematografici del mio ultimo libro, e, a parte qualche rapida incursione per arredarla nei mesi di dicembre e gennaio, era la prima volta che mi ci fermavo a lungo. Era una casa spaziosa, tutta vetrate, affacciata su un lago molto apprezzato dagli amanti delle passeggiate. Sorgeva in un quartiere tranquillo e pieno di verde, abitato perlopiù da pensionati benestanti in mezzo ai quali stonavo. Avevo metà dei loro anni, ma se avevo scelto quel posto era proprio per la sua quiete assoluta. Era il luogo che mi serviva per scrivere.
Al contrario dei miei soggiorni precedenti, sempre brevissimi, stavolta avevo molto tempo a disposizione e raggiunsi la Florida in macchina. I duemila chilometri di viaggio non mi spaventavano minimamente: negli anni precedenti, avevo fatto innumerevoli volte quel tragitto partendo da New York per andare a trovare mio zio, Saul Goldman, che si era trasferito nei sobborghi di Miami dopo la Tragedia che aveva colpito la sua famiglia. Avrei potuto fare quella strada a occhi chiusi.

Lasciai New York sotto una fitta coltre di neve, con il termometro che segnava -10°, e arrivai a Boca Raton due giorni dopo, nella mitezza dell’inverno tropicale. Ritrovando quel familiare scenario di sole e palme, non potei fare a meno di pensare a zio Saul. Mi mancava terribilmente. Ne ebbi la netta percezione al momento di lasciare l’autostrada per entrare a Boca Raton, quando fui tentato di continuare fino a Miami per rivederlo. Mi chiesi se, in occasione dei precedenti soggiorni, fossi davvero venuto per occuparmi dei miei mobili o se quello non fosse, in fondo, un modo per riallacciare i rapporti con la Florida. Senza di lui, non era la stessa cosa.


Un brano tratto dall'intervista di Giancarlo De Cataldo su la Repubblica

"Io sono lo scrittore" esordisce Marcus Goldman, nel presentarsi ai lettori. Scrittori protagonisti in "Harry Quebert" e anche in questo "Libro dei Baltimore". Perché la figura dello scrittore è così centrale nei suoi lavori?
«Credo perché attraverso una fase della mia vita nella quale sono molto attratto dalla questione dello scrivere e della scrittura. Però, vede, è molto difficile definire esattamente come scelgo il soggetto dei miei libri. Potrei dire, piuttosto, che è il soggetto a scegliere me. Voglio dire: è probabile che l'impulso venga dal subconscio, che sia la manifestazione del desiderio di esplorare zone che ancora non mi sono chiare.»

Un altro punto di contatto con "Harry Quebert", quasi una cifra stilistica, è la memoria...
«I ricordi aiutano a costruire la personalità di un essere umano, e quindi a costruire i personaggi. In tutti e due i miei ultimi romanzi i ricordi sono i mattoni di un passato sul quale si è edificato il presente.»

I passati, piuttosto, visto che lei si muove costantemente su più piani narrativi temporalmente intrecciati.
«Sì, non c'è presente senza passato. È l'unico modo che conosca per lavorare. Credo che in un romanzo non solo i personaggi, ma anche le radici delle loro azioni derivino dalle azioni passate. Non ci possono essere le une senza le altre.»

Valutazioni e recensioni

4,28/5
Recensioni: 4/5
(43)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(21)
4
(14)
3
(7)
2
(1)
1
(0)
Recensioni: 5/5

Per chi non si spaventa dai volumi impegnativi, e ama uno stile narrativo scorrevole, ma nello stesso tempo coinvolgente. Dopo aver letto "La verità sul caso Herry Quebert", non ho resistito alla tentazione di mettere alla prova lo scrittore che mi aveva così profondamente coinvolto. Opinione confermata! Dicker si rivela anche in questo romanzo uno scrittore avvincente, coinvolgente e alla portata di tutti. Ottima lettura!

Leggi di più Leggi di meno
Klizia Carrara
Recensioni: 5/5

Dopo "La Verità sul caso Harry Quebert" non potevo non leggere questo libro che ha come protagonista sempre lo scrittore Marcus. Quasi seicento pagine che ruotano intorno alle vicende della famiglia dei Goldman. Ringrazio Dicker per averci dato l'opportunità di approfondire il passato del protagonista e amarlo ancora di più. Ammetto di aver trovato la prima parte un pò noiosa e non riuscivo a capire dove volesse arrivare l'autore, ma man mano che la lettura va avanti è impossibile non lasciarsi incuriosire dalla storia di questa famiglia. Il punto forte del racconto è sicuramente il sentimento di amicizia e lealtà che lega i futuri adulti del libro. Il finale sicuramente da scoprire, quindi non vi arrendete durante la lettura perchè vi assicuro che ne vale davvero la pena. Dicker non delude mai.

Leggi di più Leggi di meno
LUCA DOMENICO PACE
Recensioni: 4/5

Di certo non è il caso di Harry Quebert ma questo libro si fa leggere in maniera spettacolare, storia articolata bene con molti flashback ma il colpo di scena arriva nel finale, e non è poi tanto scontato come si legge in alcune recensioni, lo consiglio per una lettura scorrevole ,piacevole...

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,28/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(21)
4
(14)
3
(7)
2
(1)
1
(0)

Conosci l'autore

Joël Dicker

1985, Ginevra

Joël Dicker è nato a Ginevra nel 1985. La verità sul caso Harry Quebert è il suo secondo romanzo. Il primo, Les derniers jours de nos pères, ha ricevuto il Prix des écrivains genevois nel 2010. La verità sul caso Harry Quebert ha ottenuto il Grand Prix du roman de l’Académie Française 2012 e il Prix Goncourt des lycéens 2012, ed è tradotto in oltre 25 paesi. Nel 2016 Bompiani pubblica La tigre.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore