Offerta imperdibile
Salvato in 169 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
La memoria rende liberi. La vita interrotta di una bambina nella Shoah. Nuova ediz.
15,10 € 15,90 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+150 punti Effe
-5% 15,90 € 15,10 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La memoria rende liberi. La vita interrotta di una bambina nella Shoah. Nuova ediz. - Enrico Mentana,Liliana Segre - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

La memoria rende liberi. La vita interrotta di una bambina nella Shoah. Nuova ediz. Enrico Mentana,Liliana Segre
€ 15,90
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Un racconto emozionante su uno dei periodi più tragici del secolo scorso che invita a non chiudere gli occhi davanti agli orrori di ieri e di oggi, perché “la chiave per comprendere le ragioni del male è l’indifferenza: quando credi che una cosa non ti tocchi, non ti riguardi, allora non c’è limite all’orrore”.

"La violenza razzista è ormai un fiume senza argini, prodotto di una pazzia collettiva sapientemente alimentata dai seminatori di odio. I giovani devono conoscere quello che è realmente accaduto: è l’unico modo per porre un argine alla violenza presente e futura.”Liliana Segre

"Se è necessario assegnare una scorta ad una signora anziana che non ha mai fatto male alcuno, ma che il male lo ha subito da bambina come Liliana Segre, vuol dire che gli interrogativi relativi alle differenze tra indifferenza, solidarietà, aiuto vicendevole da un lato e intolleranza e contrapposizione dall'altro non sono alternative retoriche e astratte ma estremamente concrete.”Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica

Un conto è guardare e un conto è vedere, e io per troppi anni ho guardato senza voler vedere.” Liliana ha otto anni quando, nel 1938, le leggi razziali fasciste si abbattono con violenza su di lei e sulla sua famiglia. Discriminata come “alunna di razza ebraica”, viene espulsa da scuola e a poco a poco il suo mondo si sgretola: diventa “invisibile” agli occhi delle sue amiche, è costretta a nascondersi e a fuggire fino al drammatico arresto sul confine svizzero che aprirà a lei e al suo papà i cancelli di Auschwitz. Dal lager ritornerà sola, ragazzina orfana tra le macerie di una Milano appena uscita dalla guerra, in un Paese che non ha nessuna voglia di ricordare il recente passato né di ascoltarla. Dopo trent’anni di silenzio, una drammatica depressione la costringe a fare i conti con la sua storia e la sua identità ebraica a lungo rimossa. “Scegliere di raccontare è stato come accogliere nella mia vita la delusione che avevo cercato di dimenticare di quella bambina di otto anni espulsa dal suo mondo. E con lei il mio essere ebrea”. Enrico Mentana raccoglie le memorie di una testimone d’eccezione in un libro crudo e commovente, ripercorrendo la sua infanzia, il rapporto con l’adorato papà Alberto, le persecuzioni razziali, il lager, la vita libera e la gioia ritrovata grazie all’amore del marito Alfredo e ai tre figli. Un racconto emozionante su uno dei periodi più tragici del secolo scorso che invita a non chiudere gli occhi davanti agli orrori di ieri e di oggi, perché “la chiave per comprendere le ragioni del male è l’indifferenza: quando credi che una cosa non ti tocchi, non ti riguardi, allora non c’è limite all’orrore”.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2019
5 dicembre 2019
256 p., Rilegato
9788817147422

Valutazioni e recensioni

4,87/5
Recensioni: 5/5
(22)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(19)
4
(3)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
simoneabbafati
Recensioni: 5/5
LA MEMORIA RENDE LIBERI

Libro assolutamente necessario. Chiunque dovrebbe leggerlo. Dopo aver seguito spesso la Segre in varie trasmissioni televisive, ho deciso di leggere per bene la sua storia: è stato un viaggio difficile ma al tempo stesso scorrevole grazie al suo stile. Ho infatti letto il libro in una giornata, una lettura che non riesci a smettere e al tempo stesso ti scarnifica. Fa rabbrividire, fa commuovere, fa riflettere. La testimonianza è cruda e, benché non scenda mai in dettagli troppo scabrosi o cruenti, non si fa problemi a raccontare tutta la verità dei fatti. Ammiro Liliana Segre e sono felice che una donna così intelligente abbia avuto dei riconoscimenti dallo Stato italiano per la sua testimonianza. Tra pochi anni, gli ultimi reduci dell’Olocausto non ci saranno più e l’impegno a non dimenticare passerà alle generazioni successive e a libri come questo. Ringrazio ancora la Segre per tutto il tempo dedicato alla memoria e per la volontà, sofferta, di raccontare ciò che le è accaduto anche quando tutti volevano che lei non parlasse.

Leggi di più Leggi di meno
 vintage
Recensioni: 5/5
necessario

un libro necessario per la memoria collettiva . Non si può non provare empatia nei confronti della Segre. Commovente.

Leggi di più Leggi di meno
Nunzia
Recensioni: 5/5
Lettura educativa

È un libro limpido, scorrevole la cui potenza ci ricorda una delle pagine più buie della storia italiana attraverso la memoria di una dei pochissimi sopravvissuti.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,87/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(19)
4
(3)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Enrico Mentana

1955, Milano

Enrico Mentana è giornalista, conduttore e scrittore italiano. Nato a Milano da Franco, giornalista sportivo, e da Lella, di origini ebraiche, il giovane cresce nel quartiere del Giambellino e frequenta il Liceo classico "Manzoni". Appassionato di politica (ha militato nel Partito Socialista e ha diretto per qualche anno il giornale «Giovane Sinistra»), si iscrive a Scienze Politiche all'Università Statale di Milano, ma non si laurerà. Nel 1982 diviene giornalista professionista, anche se già da due anni era stato assunto in RAI, alla redazione esteri. Nel 1991 passa a Mediaset e il 13 gennaio 1992 fonda il TG5, insieme a Lamberto Sposini, Cristina Parodi, Clemente J. Mimum, Emilio Carelli e Cesara Buonamici: a soli 36 anni, è direttore del...

Liliana Segre

1930, Milano

Liliana Segre è nata a Milano, di famiglia ebraica. La piccola è espulsa dalla scuola a soli otto anni, a seguito dell'intersificarsi delle leggi razziali in Italia. Nel 1943 la famiglia cerca di sfuggire in Svizzera, ma viene respinta dalle guardie di frontiera: il giorno dopo lei e il padre vengono arrestati in provincia di Varese. A soli 13 anni, Liliana Segre viene internata nel campo di concentramento di Auschwitz, dal quale verrà liberata nel 1945. Dei 776 bambini italiani di età inferiore ai 14 anni che furono deportati a Auschwitz, Liliana è tra i soli 25 sopravvissuti. Per molto tempo non ha voluto parlare della propria esperienza, quando, a metà degli anni '90, ha cominciato a girare per le scuole a raccontare quegli anni terribili. Le sono...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore