Specula & Gemini
Disponibile in
9 giorni lavorativi
Non garantiamo la consegna entro Natale.
Se hai bisogno urgente acquista i tuoi prodotti preferiti
con il servizio: "Prenota e Ritira".
Prezzo solo online:

19,50

Aggiungi al carrelloPrenota e ritira

Brani

  • TitoloArtistaAlbum
    1 Corale Veni Redemptor GentiumRoberto De SimoneSpecula & Gemini
    2 Ahi, Vista Troppo DolceRoberto De SimoneSpecula & Gemini
    3 FugaRoberto De SimoneSpecula & Gemini
    4 Dionysus Dance BookRoberto De SimoneSpecula & Gemini
    5 Fantasia CromaticaRoberto De SimoneSpecula & Gemini
    6 FinaleRoberto De SimoneSpecula & Gemini

Recensioni

Nessuna Recensione presente. Vuoi essere il primo a inserirne una?
Recensioni con x Stelle
Qualità audio
 
Interpretazione
 
Packaging
 
Rapporto qualità / prezzo
 
Valutazione complessiva
 

Conosci l'autore

Biografia

Roberto De Simone
Nato a Napoli nel 1933. Musicista, compositore, regista, autore teatrale, accademico di Santa Cecilia. Nipote dell’omonimo Roberto De Simone comincia a studiare pianoforte all’età di sei anni. Nel 1946 si iscrive al Conservatorio di San Pietro a Majella di Napoli; a quindici anni esegue il Concerto per pianoforte ed orchestra K. 466 di Mozart. Nel 1957 inizia una carriera concertistica che alterna con ricerche sull’espressività popolare della Campania e con una collaterale attività di compositore e musicologo. Lascia successivamente il concertismo e gli studi per dedicarsi esclusivamente all’attività di musicista e all’approfondimento delle tradizioni popolari campane. Appartengono a questo periodo le musiche scritte per alcuni spettacoli televisivi e teatrali. In questi anni inizia la collaborazione con l’Autunno Musicale Napoletano Nel 1967 l’incontro con un gruppo di giovani interessati ad una nuova proposta della musica popolare, Giovanni Mauriello, Eugenio Bennato e Carlo d’Angiò, determina la nascita della “Nuova Compagnia di Canto Popolare”, della quale diviene l’animatore, il ricercatore e l’elaboratore dei materiali musicali. L’esperienza che Roberto De Simone vive dal 1967 al 1974 con “la Nuova Compagnia di Canto Popolare” ha una duplice importanza: da un lato vi si ritrovano racchiusi alcuni degli elementi fondamentali del suo modo di fare teatro, dall’altro si può individuare in essa un nuovo modo di concepire e proporre la musica popolare. Egli si pone come primo obiettivo il recupero e la riproposta del patrimonio culturale, teatrale e musicale della tradizione popolare campana sia orale che scritta. Il repertorio popolare non viene riproposto in maniera arbitraria, ma poggiato su sistemi colti come per esempio la scrittura e l’elaborazione metrica. Un lavoro di questo genere comporta una vera e propria ricerca “sul campo”; De Simone e gli elementi del gruppo vanno ad indagare durante le feste popolari, a raccogliere interviste nei paesini dell’entroterra campano, a trovare tracce laddove la tradizione è già andata persa. Contemporaneamente, l’attenzione è anche rivolta al documento di tradizione colta: materiale di biblioteca, articoli, ma anche saggi su forme passate come villanelle, laudi e strambotti assolutamente necessari per il recupero e la riattualizzazione delle musiche tradizionali dell’area campana. Nel 1976 nasce “La gatta Cenerentola” opera scritta e musicata dallo stesso De Simone presentata al Festival dei Due Mondi di Spoleto. D’ambito più sperimentalmente musicale sono, tra le altre, il Misterio napolitano, contrasto drammatico per musica (1977); L’Opera buffa del Giovedì Santo, partitura articolata sullo schema dello Stabat Mater di Pergolesi (1980); Messa di requiem in memoria di P. P. Pasolini, opera sinfonica corale (1985); Carmina Vivianea, per coro orchestra e vocalisti, su testi di R. Viviani (1986); Stabat Mater, per voce recitante, vocalisti e orchestra (1986); Mistero e processo di Giovanna d’Arco, opera lirica per coro e orchestra (1989). La cantata drammatica Populorum Progressio (1994), le musiche corali per l’Agamennone di Eschilo (1995), Il Canto de li Cunti (1990), Eleonora, opera composta per il bicentenario della rivoluzione napoletana (1999), Il Re Bello, opera (2004). Collabora anche alle musiche dell’album “Non farti cadere le braccia”, di Edoardo Bennato. Egli cura anche la regia di decine di opere liriche per i maggiori teatri mondiali. Gli studi e le ricerche compiute da De Simone sulle tradizioni campane confluiscono in testi e antologie di dischi. Dal 1981 al 1987 e’ direttore artistico del Teatro San Carlo di Napoli. Nel 1995 diventa direttore del Conservatorio di Musica di San Pietro a Majella. Nel 1998 è nominato Accademico di Santa Cecilia e successivamente insignito Chevalier des Arts et des Lettres dal Presidente della Repubblica francese. Nel 2007 realizza “Là ci darem la mano”, dedicato al centenario di Mozart, utilizzando in scena per tutto il secondo atto un teatrino di burattini lo spettacolo viene premiato col premio “Gli Olimpici del Teatro ETI” come migliore spettacolo musicale originale. Fra le sue pubblicazioni sono da ricordare i volumi “Canti e tradizioni popolari in Campania”, edito dalla Lato Side, per Einaudi ha pubblicato i volumi: La gatta Cenerentola (1977), Il presepe popolare napoletano (1998 e 2004), Il convitato di pietra (1998), L’opera buffa del giovedì santo (1999), La Cantata dei pastori (2000), Prolegomeni al Socrate immaginario (2005), Novelle K 666. Fra Mozart e Napoli (2006), Cinque voci per Gesualdo (2013) e Satyricon a Napoli ‘44 (2014). Ha inoltre curato nei «Millenni» le Fiabe campane e Il Cunto de li Cunti di Giambattista Basile.

Premi

La Giuria del Premio Nonino, presieduta da V.S. Naipaul, premio Nobel per la Letteratura 2001, e composta da Adonis, John Banville, Ulderico Bernardi, Peter Brook, Luca Cendali, Antonio R. Damasio, Fabiola Gianotti, Emmanuel Le Roy Ladurie, James Lovelock, Claudio Magris, Norman Manea, Morando Morandini, Edgar Morin ed Ermanno Olmi ha così assegnato i Premi Nonino Quarantesimo Anno:
PREMIO NONINO RISIT D’AUR QUARANTESIMO ANNO a ROBERTO DE SIMONE (Einaudi)
MOTIVAZIONI
Premio Nonino Risit d’Aur Quarantesimo Anno a ROBERTO DE SIMONE Per celebrare il 40° Anniversario del Premio Nonino nato per sottolineare la permanente attualità della civiltà contadina, fatta di saperi, cultura e tradizioni ricca di grande vitalità ed umanità, “l’unica, vera, insostituibile civiltà che si può definire compiuta” - E. Olmi, il Premio Risit d’Aur 2015 viene conferito al Maestro Roberto De Simone che ne incarna lo spirito. Fine e profondo uomo di cultura, letterato, musicologo, compositore e autore teatrale, Roberto De Simone ha dedicato il suo esistere a salvaguardare e far scoprire un patrimonio culturale straordinario come quello tradizionale partenopeo che rischiava di spegnersi. (Einaudi) Consegna il premio Claudio Magris

Dettagli

  • GenereRock pop
  • Listino:€ 19,50
  • Etichetta:Evolution Music [Evolution Music]
  • Data uscita:02/2005
  • Nr Pezzi:1
  • Supporto:CD album
  • EAN:8016190043415




APP18 - Bonus cultura da 500€


I Nostri Partner


Cardif
 
Dogalize
 
Dogalize
 
Dogalize

Top Roberto De Simone

Visualizza tutti i prodotti