Img Top pdp IT book
Salvato in 281 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nelle tempeste d'acciaio
23,75 € 25,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+240 punti Effe
-5% 25,00 € 23,75 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
23,75 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
23,75 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Nelle tempeste d'acciaio - Ernst Jünger - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Nelle tempeste d'acciaio Ernst Jünger
€ 25,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Ernst Jünger partecipò alla Prima guerra mondiale con i gradi di sottotenente della Wehrmacht. Il suo comportamento in prima linea lo rese leggendario: ferito quattordici volte, ricevette numerosi riconoscimenti al valore, compreso il più alto, l'"Ordre pour le mérite". Portava sempre in tasca un taccuino su cui fissava con precisione gli avvenimenti. Da quelle note, in seguito all'insistenza del padre, si persuase a trarre un libro che avrebbe dovuto intitolarsi "Il rosso e il grigio", in omaggio all'amato Stendhal e ai colori mesti e uggiosi della guerra in trincea. Jünger preferì alla fine l'immagine tratta da un poema medioevale islandese. Oggetto di ambigui entusiasmi negli anni Venti e Trenta, le "Tempeste" appaiono oggi la più agghiacciante testimonianza sulla Grande guerra e l'espressione già perfetta della sovrumana capacità di osservazione di Jünger e della prosa fredda e cristallina che egli ha forgiato.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

4
2007
3 marzo 2000
XX-332 p., Brossura
9788877463630

Valutazioni e recensioni

3,5/5
Recensioni: 4/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(1)
Christian Zogno
Recensioni: 4/5

Frutto della rielaborazione dei diari che Junger compilò assiduamente durante il conflitto "Nelle tempeste d'acciaio" è un'opera che descrive senza filtri la Grande Guerra, mettendone in risalto tanto la crudeltà, quanto la feroce attrattiva che esercitava sui combattenti. Se nell'opera manca l'introspezione o la denuncia che invece emergono dalle opere di Remarque e Koppen è dovuto al fatto che Junger ci presenta il punto di vista di un volontario di soli 19 anni. Ai suoi occhi la Guerra esercita un'attrattiva quasi irresistibile, diventando esperienza formativa nel vero senso della parola. Sull'autore si è detto e scritto in abbondanza, criticandone sia l'orientamento politico che la posizione assunta nei confronti di entrambi i conflitti mondiali, ma non bisogna mai dimenticare che Junger non era una sorta di "mostro nato per uccidere", o un bruto ebbro di sangue. Inutile dire che ogni confronto con autori e opere di ben più basso livello (Mein Kampf?) è del tutto fuori luogo.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

E’ stato definito un libro “epico” ed è vero. Mai come in questo libro la guerra è al centro della narrazione, gli uomini non ne sono che le pedine, il pathos domina incontrastato. Il protagonista appare come un eroe, un novello Achille, la cui unica possibilità è combattere con coraggio o soccombere. Egli affronta ogni situazione, anche la più scabrosa e rischiosa con la consapevolezza che la morte gli è vicino. Mancano anche qui, come nell’epos omerico, l’odio viscerale verso il nemico, quell’odio ideologico, di cui gli uomini hanno fatto esperienza nelle guerre successive. Il nemico è chiamato dal fato a combattere come te, a correre gli stessi pericoli. Più è coraggioso e più lo stesso Jünger, o l’avversario in generale, lo rispetta. Difficilissimo, a questo punto, è però fare una recensione impersonale in quanto il lettore viene travolto dall’incalzare delle azioni, in modo tale che a stento gli rimane il tempo per condannare quella carneficina, perché lo stesso autore non lo fa!! Il giovane Jünger compila i suoi taccuini con una meticolosità quasi asettica, non tralasciando alcun particolare anche crudo e sconvolgente. Il lettore avverte a volte, ammetto, con un certo fastidio, la mancata condanna delle azioni belliche in quanto si rende conto che l’ agire del protagonista non è sottoposto ad alcuna considerazione morale. Questo è proprio il punto su cui si sono appuntate le maggiori critiche; la mancanza di una condanna morale della guerra. Effettivamente man mano che il lettore procede nella lettura arriva a formulare questa considerazione , ma ecco che Jünger ti conquista con la sua capacità strepitosa di plasmare le immagini con le parole e allora ti rituffi nella lettura con il fiato in gola. In queste pagine non ci sono solo la morte, la disciplina militare, gli ordini spesso assurdi, ma c’è soprattutto l’annichilimento umano, ci sono proiezioni come in un film con una serie ininterrotta di assalti, ritirate, scoppi, carneficine, distruzioni , in mezzo alle quali gli uomini hanno perso la loro identità. “Carne da macello” sono stati definiti dai più i fanti che combatterono nelle trincee del fronte occidentale ed orientale e tali così appaiono in questo sconvolgente diario. Si potrebbero scrivere altre considerazioni, scavare all’interno delle pagine ma non è semplice. La fruizione di un testo letterario è soggettiva, tuttavia penso fortemente che questo libro vada letto da tutti.

Leggi di più Leggi di meno
Luca Comandini
Recensioni: 4/5

E' un racconto duro e crudo, un analisi personale che vuole scuotere e indurre a continuare nello studio degli anni della Grande Guerra.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,5/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(1)

Conosci l'autore

Ernst Jünger

1895, Heidelberg

(Heidelberg 1895 - Riedlingen, Alta Svevia, 1998) scrittore tedesco. Volontario nel primo conflitto mondiale, idealizzò la guerra come prova di coraggio e presa di coscienza di ignote dimensioni psichiche, nel diario di guerra Tempeste d’acciaio (In Stahlgewittern, 1920), nei racconti di Fuoco e sangue (Feuer und Blut, 1925) e Ludi africani (Afrikanische Spiele, 1936), nei saggi La lotta come esperienza interiore (Der Kampf als inneres Erlebnis, 1922) e Il cuore avventuroso (Das abenteuerliche Herz, raccolti nel 1929). Nel saggio L’operaio (Der Arbeiter, 1932) polemizzò con il romanticismo politico e identificò nel lavoratore-soldato il rappresentante dell’epoca moderna, che ha distrutto in sé ogni individualità. J. fu nazista, ma già...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore