Salvato in 35 liste dei desideri
scaricabile subito scaricabile subito
Info
La peste scarlatta
3,99 €
EBOOK
Venditore: laFeltrinelli
+40 punti Effe
3,99 €
scaricabile subito scaricabile subito
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
3,99 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
3,99 € Spedizione gratuita
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La peste scarlatta - Jack London,Ottavio Fatica - ebook
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Chiudi

Informazioni del regalo

Descrizione


Nell’anno 2013, in un mondo dominato dal Consiglio dei Magnati dell’Industria, scoppia un’epidemia che in breve tempo cancella l’intera razza umana. Sessant’anni dopo, nello scenario post-apocalittico di una California ripiombata nell’età della pietra, un vecchio, uno dei pochissimi superstiti (e a lungo persuaso di essere l’unico), di fronte a un pugno di ragazzi selvaggi – i nipoti degli altri scampati – riuniti intorno a un fuoco dopo la caccia quotidiana, racconta come la civiltà sia andata in fumo allorché l’umanità, con il pretesto del morbo inarrestabile, si è affrettata a riportarsi con perversa frenesia a stadi inimmaginabili di crudeltà e barbarie. "La peste scarlatta" è uno dei grandi testi visionari di Jack London, che qui ancora una volta anticipa temi che, un secolo dopo, diventeranno ossessivi.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

Testo in italiano
Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
94 p.
9788845971938

Valutazioni e recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Simona
Recensioni: 4/5
interessante e attuale

Jack London scrive questo breve racconto nel 1912, un racconto post-apocalittico visionario e godibile.. Lo trovo geniale, intelligente e pieno di spunti di riflessione.. Una terribile epidemia di peste scarlatta porterà all'estinzione del genere umano, a parte pochi eletti a cui sarà affidato il compito di riprodursi e ricreare l'umanità in un clima simil-preistorico, di inciviltà, di violenza, dove regnano la mancanza di cultura e di istruzione.. Gli uomini si troveranno in questa ricostruzione a fare gli stessi errori già compiuti, è come se non avessimo imparato nulla dal passato. .. La natura si riprenderà i suoi spazi, gli animali torneranno allo stato brado, gli esseri umani torneranno ad essere selvaggi e si procureranno il cibo grazie alla caccia e alla pesca.. Bellissima la descrizione della varietà delle pietanze che tutti i giorni noi (fortunati, spesso diamo molte cose per scontate...) abbiamo sui nostri piatti e che il Nonno, sopravvissuto alla peste, ricorda con la malinconia dei tempi andati che non torneranno più... Interessante lettura ai tempi del covid (London oltre un secolo prima riesce a prevedere con esattezza alcuni degli aspetti che effettivamente abbiamo vissuto).. Un testo pervaso dall'amarezza che non lascia alcuna speranza..

Leggi di più Leggi di meno
Francesca Colantoni
Recensioni: 4/5

“Era l’estate del 2013 quando scoppiò la Peste. Io avevo ventisette anni e lo ricordo bene” (p.37) 2073 area di San Francisco (Stati Uniti). Un vecchio e un ragazzo percorrono un sentiero che corre lungo quello che un tempo era il terrapieno di una ferrovia, dove oramai la vegetazione, con un’onda verde di alberi e arbusti, ha ripreso possesso dei suoi spazi. Sono passati sessant’anni da quel 2013 quando una Grande Peste ha eliminato gran parte della popolazione umana e fatto ripiombare i pochi sopravvissuti dalla civiltà superiore alle condizioni primitive. “La peste era scarlatta. Il viso e il corpo diventavano tutti scarlatti nel giro di un’ora. (…) Il cuore accelerava i battiti e la temperatura corporea saliva. Poi l’eruzione cutanea scarlatta si diffondeva sul viso e sul corpo” (pp.21, 38). James Howard Smith, ultra ottantenne professore universitario, racconta, con gli occhi inumiditi dalle lacrime, ai suoi tre nipoti (Edwin, Hoo-Hoo e Labbro Leporino) annoiati e distratti, veri e propri selvaggi dediti alla pastorizia e vestiti di pelli, quello che era il mondo prima della peste e subito dopo, cercando di impartirgli conoscenza e saggezza. Il pianeta era governato dal Consiglio dei Magnati dell’Industria, un manipolo di affaristi diventati milionari sfruttando i più deboli: un capitalismo imperialista che divise la società in classi più elevate e schiavi, addetti alla produzione e fornitura di cibo. Durante il propagarsi della Morte Scarlatta la brutalità vinse sull’altruismo e sul reciproco soccorso. “Con l’arrivo della Morte Scarlatta il mondo è andato in pezzi, nel modo più assoluto e irrimediabile. Diecimila anni di cultura e civiltà svaniti in un batter d’occhio, fugaci come schiuma. (…) L’ubriachezza imperversava e li sentivano spesso intonare canzoni scurrili o sbraitare come ossessi. Mentre il mondo andava in malora e il fumo degli incendi saturava l’aria, quegli essere spregevoli davano sfogo alla loro bestialità e si azzuffavano e bevevano e morivano. In fin dei conti, che importanza aveva? Tanto morivano tutti, i buoni e i cattivi, i vigorosi e i debilitati, chi amava la vita e chi l’aveva a sdegno. Si estinguevano. Tutto si estingueva. (…) La civiltà, nipoti miei, la civiltà periva in un sudario di fiamme e in un alito di morte” (pp.45, 52-53). Jack London, che definì la sua opera pseudoscientifica, compose in poche pagine un romanzo visionario e post-apocalittico, comparso per la prima volta sul giornale The London Magazine nel 1912. Un racconto orale dove London evidenzia come l’essere umano non trae mai lezione dai propri errori e ammonisce sul pericolo concreto di scordare il passato e di ripeterlo, in un mondo dove appunto l’oralità sostituisce ogni altra forma di espressione culturale: “(…) La polvere da sparo tornerà. Niente potrà impedirlo… la stessa vecchia storia si ripeterà. L’uomo si moltiplicherà e gli uomini si combatteranno. La polvere da sparo permetterà agli uomini di uccidere, e solo a questo prezzo, con il fuoco e con il sangue, si svilupperà, un giorno ancora lontanissimo, una nuova civiltà. E a che pro? Come la vecchia civiltà si è estinta, così si estinguerà la nuova. Ci vorranno forse cinquantamila anni per costruirla, ma finirà per estinguersi. Tutto si estingue” (p.79). Come scrive Ottavio Fatica nella postfazione, gli esseri umani saranno pronti a combattere la quarta guerra mondiale armati di selci e clave. E questo, secondo me, non solo perché siamo smemorati e incuranti, ma per la violenza insista in noi sin dagli albori della nascita del genere umano.

Leggi di più Leggi di meno
VALERIA DE CARO
Recensioni: 5/5

Bellissimo. Breve. Da leggere assolutamente e da regalare. Le descrizioni di London di una società distrutta da un male inatteso, immediato, dove tutti lottano contro tutti e dove si sotterra la civiltà al grido del più forte. Un libro da divorare e condividere.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(2)
4
(2)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Jack London

1876, San Francisco

Pseudonimo di John Griffith London, scrittore statunitense. La sua figura è una delle più singolari e romanzesche della letteratura americana: figlio illegittimo di un astrologo, cresciuto dalla madre e dal suo secondo marito John London, abbandona la scuola a 13 anni e diventa rapidamente adulto tra Oakland e San Francisco con ladri e contrabbandieri, praticando vari mestieri non sempre legali tra cui strillone di giornali, pescatore clandestino, cacciatore di foche, operaio, lavandaio, venditore porta a porta, avventuriero alla ricerca dell'oro in Klondike. Nel 1897, infatti, Jack London lasciò San Francisco per l'Alaska sulla scia della febbre dell'oro scoppiata in quegli anni. Tra mille peripezie raggiunse il Klondike, e proseguì al di là delle montagne,...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Compatibilità

Formato:

Gli eBook venduti da la Feltrinelli.it possono avere due diversi formati, ePub o PDF, e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Compatibilità:

Gli eBook venduti da la Feltrinelli.it possono avere due diversi formati, ePub o PDF, e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Cloud:

Gli eBook venduti da la Feltrinelli.it possono avere due diversi formati, ePub o PDF, e possono essere protetti da Adobe DRM. In caso di download di un file protetto da DRM si otterrà un file in formato .acs, (Adobe Content Server Message), che dovrà essere aperto tramite Adobe Digital Editions e autorizzato tramite un account Adobe, prima di poter essere letto su pc o trasferito su dispositivi compatibili.

Clicca qui per sapere come scaricare gli ebook utilizzando un pc con sistema operativo Windows

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore