Img Top pdp IT book
Salvato in 27 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Ritratto di gruppo con assenza
12,80 € 16,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+130 punti Effe
-20% 16,00 € 12,80 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,80 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
12,80 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Ritratto di gruppo con assenza - Luis Sepúlveda - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Ritratto di gruppo con assenza Luis Sepúlveda
€ 16,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

La vita, come dice Luis Sepùlveda, è piena di storie. E per raccontare la magia della realtà in tutte le sue sfaccettature - meschinità, tormenti, gioie, peripezie - questa raccolta prende il via dai ricordi, dal vissuto recente e passato, per offrirci un Ritratto di gruppo con assenza: quello di alcuni ragazzini sorridenti immortalati in una fotografia che induce l'autore, dopo quattordici anni di esilio, a ritornare per la prima volta in Cile, sulle tracce dei loro destini personali, ma anche del destino di un paese appena uscito dalla dittatura. Da vero cosmopolita, di quelli che hanno vissuto nel Nord e nel Sud del mondo, Sepùlveda tratteggia con uguale partecipazione vicende lontane fra loro nel tempo e nello spazio: racconta di combattenti valorosi e di bambini senza futuro, di una Miss colombiana che muore durante un intervento di chirurgia plastica, di una signora sovietica. Ma non manca l'ironia: nei ritratti degli amici, nel mettere alla berlina certa intellighenzia, o nel descrivere un'esperienza di lavoro per la televisione ecuadoriana. E la preoccupazione per l'ambiente. Quello di Sepùlveda resta un mondo di purezza e bellezza ferite, raccontato con uno sguardo essenzialmente e modernamente etico. Si riscopre, leggendolo, un sentimento troppo spesso sopito: la giusta indignazione, la stessa dei suoi eroi teneri e fragili, ma duri e solidissimi nel loro proposito di non dimenticare né perdonare la barbarie.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2010
21 ottobre 2010
157 p., Brossura
9788860885845

Valutazioni e recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)
MARIO D'ANDREA
Recensioni: 3/5

Per me Luis Sepùlveda è ormai un vecchio, importante, compagno di viaggio ed ho letto tutto ciò che ha pubblicato. Ricordo ancora con grande emozione la scoperta del "Il vecchio che leggeva romanzi d'amore" in una serata del 1993 al bookstore dell'aeroporto di Linate con destinazione Bruxelles. La lettura durante il volo e poi in hotel. Folgorato! E' quindi sempre una piacevole compagnia ritrovare lo stile di Sepùlveda e le sue storie. In questo caso si tratta di una serie di brevi racconti, flashback, ricordi del passato da esule, nonchè la descrizione della scoperta del "vecchio che leggeva romanzi d'amore". Il primo di questi, che dà il titolo al libro, è davvero bello e contiene tutte le tematiche care all'autore. Quella "assenza" si percepisce, si sente di mente, di cuore e di pancia. E non si può non condividere il proposito di non dimenticare né perdonare la barbarie. Tuttavia non vi sono veri acuti. Qualche spunto ironico ("grandi invenzioni perdute"), molte riflessioni politiche, persino un ritratto spietato del nostro premier ("un vecchio che non mi piace" - appunto: e non è il solo). Resto in attesa del prossimo romanzo e di storie più strutturate, sempre però grato delle emozioni che Sepùlveda mi ha regalato in questi 17 anni.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Luis Sepúlveda

1949, Ovalle (Cile)

È stato uno scrittore cileno. Militante di Unità popolare, fu costretto a lasciare il paese in seguito al colpo di stato che mise fine al governo di Allende. Il suo impegno di militante ecologista lo spinse a partecipare a diverse missioni dell’organizzazione ambientalista «Greenpeace». Esordì nella narrativa con la raccolta di racconti Cronache di Pietro Nessuno (1969), cui sono seguiti Le paure, le vite, le morti e altre allucinazioni (1986) e Taccuino di viaggi (1987). Si impose definitivamente con il romanzo Il vecchio che leggeva romanzi d’amore (1989), cui fecero seguito Il mondo alla fine del mondo (1989), Un nome da torero (1994), storia di spionaggio ambientata fra la Patagonia e la Germania, La frontiera scomparsa (1994), l’originale...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore