Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Salvato in 142 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Romanzo 11, libro 18
15,68 € 16,50 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+160 punti Effe
-5% 16,50 € 15,68 €
disp. in 5 gg lavorativi disp. in 5 gg lavorativi
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
15,68 €
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Romanzo 11, libro 18 - Dag Solstad - copertina
Chiudi

Descrizione


Un romanzo amaro, radicale e intransigente di uno dei più grandi scrittori del Nord Europa.

"Nel più profondo di sé sapeva che la felicità passeggera è il bene più desiderabile a questo mondo."

«Uno scrittore totalmente ipnotico e straordinariamente umano.» James Wood, New Yorker

«Senza alcun dubbio il più coraggioso e intelligente scrittore norvegese» - Per Petterson

«Dag Solstad è una specie di scrittore surrealista... Penso che la sua sia grande letteratura!» - Haruki Murakami

Bjørn Hansen, rispettato funzionario dell’amministrazione statale, ha appena compiuto cinquant’anni e inorridisce al pensiero che la sua vita sia stata dominata dal caso e dal destino. Circa diciotto anni fa ha lasciato sua moglie e il loro figlio di soli due anni per la sua amante Turid Lammers, che lo aveva convinto ad andarsene da Oslo e a cominciare una nuova vita in una piccola città di provincia, trovare un nuovo lavoro e cimentarsi nel gruppo teatrale amatoriale della cittadina. Col tempo anche quell’amore e quel breve entusiasmo erano rapidamente svaniti, e ora, dopo quattro anni di solitudine, Bjørn Hansen contempla la svolta cupa, solitaria e misantropa della sua esistenza, un vivere ordinato, nordicamente ovattato, rispettabile, tranquillo e borghese dietro il quale si celano abissi di vuoto e disperazione. Vive in silenzio e senza drammi apparenti la perdita totale dei sogni, poiché tutto si è rivelato vuoto e inutile. Ma da tempo Bjørn pianifica una straordinaria linea di condotta che cambierà per sempre la sua vita e ha trovato un compagno e un complice nel Dottor Schiøtz, che a sua volta ha un grande segreto e si offre di aiutare Bjørn portare il suo piano folle e ribelle fino alla sua logica conclusione. Tuttavia, la ricomparsa improvvisa del giovane figlio riempirà Bjørn di nuovi pensieri e complicherà inevitabilmente le cose, anche se il desiderio di giocare con la sua comoda esistenza si dimostrerà irresistibile e avrà presto il sopravvento. Romanzo 11, libro 18, per il quale Solstad ha ricevuto il premio della critica norvegese, è un romanzo radicale, amaro e intransigente, una riflessione sul vuoto esistenziale della contemporaneità che racchiude tutti i temi fondamentali del grande autore norvegese.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2017
4 maggio 2017
192 p., Rilegato
9788870914788
Chiudi

Indice

Quando questa storia ha inizio Bjørn Hansen ha appena compito cinquant'anni e sta aspettando qualcuno alla stazione di Kopngsberg. Sono passati quattro anni da quando ha lasciato Turid Lammers, con la quale ne aveva condivisi quattordici, a partire dal momento stesso in cui era arrivato a Kongsberg, che prima di allora per lui esisteva a malapena sulla carta geografica. Adesso vive in un moderno appartamento nel centro della città, a due passi dalla stazione. Al suo arrivo a Kongsberg, diciotto anni prima, aveva con sé solo qualche effetto personale, come vestiti, scarpe e casse su casse di libri. Anche quando aveva lasciato Turid Lammers si era portato via solo qualche effetto personale, come vestiti, scarpe e casse su casse di libri. Era quello il suo bagaglio. Dostoevskij. Puskin. Thomas Mann. Céline. Borges. Tom Kristensen. Garcìa Màrquez. Proust. Singer. Heinrich Heine. Malraux, Kafka, Kundera, Freud, Kierkegaard, Sartre, Camus, Butor. Quando pensava a Turid Lammers, nei quattro anni che erano trascorsi dalla rottura, provava una sensazione di sollievo all'idea che fosse finita. Al tempo stesso, con una sorpresa che sconfinava nel dolore, doveva ammettere che era incapace di capire, e di rievocare, come ma fosse attratto da lei. Eppure non c'era dubbio che lo fosse. Altrimenti perché avrebbe mandato a monte il suo matrimonio con tina Korpi, abbandonando lei e il loro figlioletto di due anni per seguire Turid Lammers a Kongsberg, nella segreta speranza che lei lo volesse?

Conosci l'autore

Dag Solstad

1941, Sandefjord

Dag Solstad è considerato uno dei maggiori scrittori norvegesi contemporanei, l’unico ad aver ricevuto il Premio della Critica per ben tre volte, oltre al Premio del Consiglio Nordico. Autore di una trentina di opere, tra teatro, romanzi e racconti, è sempre al centro di accesi dibattiti in patria per il suo radicalismo anticonformista. Iperborea ha pubblicato Tentativo di descrivere l’impenetrabile (2007), Timidezza e dignità (2011) e La notte del professor Andersen (2015).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore