Salvato in 719 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Sembrava bellezza
17,10 € 18,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+170 punti Effe
-5% 18,00 € 17,10 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
17,10 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Sembrava bellezza - Teresa Ciabatti - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Sembrava bellezza Teresa Ciabatti
€ 18,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Libro incluso tra i dodici candidati al Premio Strega 2021
Sembrava bellezza è un romanzo sull'impietoso trascorrere del tempo, e su come nel ripercorrerlo si possano incontrare il perdono e la tenerezza, prima di tutto verso se stessi. Un romanzo di madri e di figlie, di amiche, in cui l'autrice, con una scrittura che si è fatta più calda e accogliente, senza perdere nulla della sua affilata potenza, mette in scena con acume prodigioso le relazioni, tra donne e non solo. Un romanzo animato da uno sguardo che innesca la miccia del reale e, senza risparmiare nessun veleno, comprende ogni umana debolezza.

Ad accoglierci tra le pagine di questo romanzo è una donna, una scrittrice, che dopo essersi sentita ai margini per molti anni ha finalmente conosciuto il successo. Vive un tempo ruggente di riscatto, che cerca di tenersi stretto ma ogni giorno le sfugge un po' di più. Proprio come la figlia, che rifiuta di parlarle e si è trasferita lontano. Combattuta tra risentimento e sgomento per il tempo che si consuma la coglie Federica, la più cara amica del liceo, quando dopo trent'anni torna a cercarla. E riporta nel suo presente anche la sorella maggiore Livia – dea di bellezza sovrannaturale, modello irraggiungibile ai loro occhi di sedicenni sgraziate –, che in seguito a un incidente è rimasta prigioniera nella mente di un'eterna ragazza. Come accadeva da adolescenti, i pensieri tornano a specchiarsi, a respingersi e mescolarsi. La protagonista perlustra il passato alla ricerca di una verità, su se stessa e su Livia, e intanto cerca di riafferrare il bandolo della propria esistenza ammaccata: il lavoro, gli amori. Livia era e resta un mistero insondabile: miracolo di bellezza preservata nell'inconsapevolezza? O fenomeno da baraccone? Avvolti nelle spire di un'affabulazione ammaliante, seguiamo la protagonista in un viaggio che è insieme privato e generazionale, interiore e concreto. E mentre lei aspira a fermare l'attimo per non perdere la gloria, la sorte di Livia è lì a ricordare cosa può succedere se la giovinezza si cristallizza in un presente immobile: una diciottenne nel corpo di una cinquantenne, una farfalla incastrata nell'ambra.

Proposto da Sandro Veronesi al Premio Strega 2021 con la seguente motivazione:
«Sembrava bellezza di Teresa Ciabatti è una lezione di letteratura narrativa, per tutti quelli che ancora non hanno smesso di esercitarsi nel fallimentare tentativo di tenere separate, nei romanzi, verità e finzione. È un racconto talmente colmo di menzogne – la prassi della comunicazione tra gli esseri umani, insieme al nascondimento, al malinteso, alla reticenza, alle omissioni – che alla fine rasenta la più intima delle confessioni. È un romanzo straziante, perché è uno strazio ritrovarsi a vivere tutta la vita in un corpo così lontano dal canone condiviso della bellezza; ed è un romanzo esilarante, la cosa più vicina ai libri di John Fante che mi sia mai capitato di leggere. È un romanzo che spazia dalla vitalità alla morte, soffermandosi in quella zona grigia che viene spesso trascurata, quella della quasi-morte, della regressione, della demenza, che a volte diventano abiti sorprendentemente comodi da indossare. È un romanzo sulla meravigliosa vertigine della mitomania. Ma soprattutto, come ho detto, è una lezione sull’unica verità possibile in letteratura, quella fatta di nomi, predicati, avverbi e aggettivi scelti e composti con tale maestria da rendere inutile sapere altro. Per tutte queste ragioni mi pregio di presentare Sembrava bellezza di Teresa Ciabatti alla LXXV edizione del Premio Strega.»
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2021
26 gennaio 2021
240 p., Rilegato
9788804735243

Valutazioni e recensioni

4,2/5
Recensioni: 4/5
(5)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(0)
2
(1)
1
(0)
luxith
Recensioni: 4/5
umano

Ho sentito solo pareri positivi riguardo questo romanzo e non posso fare altro che aggregarmi ad essi. Teresa Ciabatti apre una finestra sulla vita di una generazione di adolescenti degli anni ‘80. Ragazzi che lei racconta attraverso le proprie speranze e delusioni e che riflette con chi sono diventati oggi. Un romanzo di cui faccio fatica a scrivere perché l’ho trovato un viaggio personale fra le piaghe di questa donna che trova nelle parole una forma di redenzione. È una scrittura diretta, estremamente schietta che mi ha fatto girare le pagine più volte verso la fine e guardare “in faccia” colei che si metteva così a nudo. È un libro che racconta una storia di redenzione che culmina, forse, con la condivisione al mondo della stessa. Lo definirei uno di quei libri che avresti piacere di dimenticare solo per rileggerlo da capo.

Leggi di più Leggi di meno
Marcofug
Recensioni: 2/5
Deludente

Avevo scelto questo libro perchè in corsa premio Strega e scritto al femminile. Raramente ho letto un romanzo così poco piacevole. D'altra parte si tratta di un giudizio personale, ma mi aspettavo molto e ho ricevuto poco. lo sconsiglio.

Leggi di più Leggi di meno
Secchiello
Recensioni: 5/5

Un libro potente, a tratti deflagrante. Un libro sottolissimo e intimissimo, che impone al lettore e alla lettrice l'impegno emotivo dell'immedesimazione. Un libro tagliente, nel quale è facile trovare qualcosa di sè, ma al contempo è quasi difficile ammetterlo, perchè spesso è qualcosa di scomodo, qualcosa di cui persino ci si vergogna, qualcosa che si è tentato di nascondere, zittire, mascherare. Eppure è lì, in quell'abile groviglio di finzione e realtà, in quello stile accattivante e graffiante, che ci si sente rinfrancati da tanta schiettezza, si ottiene persino riconoscimento. Le parole scorrono come un fiume, più veloci dei fatti narrati. Il fiume di Ciabatti non ci è sconosciuto, ci ha attirato a sè almeno una volta nella vita: in alcuni casi abbiamo saputo gestirlo, in altri ci siamo lasciati trasportare, in altri ancora ci siamo specchiati in esso per vederci. E in quel fiume - di vissuti, di sentimenti, di amicizia, di passioni - a volte ci siamo caduti a capofitto, più o meno consapevolmente. Ciabatti il fiume lo attraversa, senza opporsi alla corrente, senza risparmiare colpi alla storia e a chi legge. E' un libro di donne, di mondi femminili diversi e articolati, che si intrecciano e si dichiarano, si ergono nella loro reale fragilità e nella loro spiazzante umanità.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,2/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(1)
3
(0)
2
(1)
1
(0)

Conosci l'autore

Teresa Ciabatti

1972, Orbetello

Teresa Ciabatti, nata e cresciuta a Orbetello, vive a Roma. Dopo la laurea in lettere moderne ha frequentato la scuola Holden di Torino.Nel 2002 pubblica il suo primo romanzo Adelmo, torna da me (Einaudi Stile libero) dal quale è stato tratto il film del 2005 L'estate del mio primo bacio. Successivamente scrive: I giorni felici (Mondadori, 2008), Il mio paradiso è deserto (Rizzoli, 2013), Tuttissanti (Il Saggiatore, 2013). Nel 2017 viene pubblicato La più amata (Mondadori), il libro viene proposto al premio Strega 2017 e arriva tra i finalisti.Ancora, tra i suoi testi si ricordano: Matrigna (Solferino, 2018) e Sembrava bellezza (Mondadori, 2021). Collabora con "Il Corriere della Sera" e con "la Lettura".

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore