Img Top pdp IT book
Salvato in 9 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Storia psicologica della Prima Guerra Mondiale. L'uso delle false notizie nella Grande Guerra
7,50 € 12,50 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+80 punti Effe
-40% 12,50 € 7,50 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,50 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
7,50 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi

Tutti i formati ed edizioni

Nome prodotto
7,50 €
Chiudi
Storia psicologica della Prima Guerra Mondiale. L'uso delle false notizie nella Grande Guerra - Joseph Bédier,Marc Bloch - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Storia psicologica della Prima Guerra Mondiale. L'uso delle false notizie nella Grande Guerra Joseph Bédier,Marc Bloch
€ 12,50
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

«Alcuni falsi racconti hanno fatto sollevare le folle. La vita dell'umanità è piena di false notizie, in tutta la molteplicità delle loro forme semplici dicerie, imposture, leggende. Come nascono? Da quali elementi traggono la loro sostanza? Come si diffondono, diventando sempre più grandi mano a mano che passano di bocca in bocca o di scritto in scritto? Nessuna domanda più di questa merita di appassionare chi ami riflettere sulla Storia» Oggi, quello delle "fake news" è sicuramente uno dei fenomeni più discussi. Internet e i social ci inondano ogni giorno con migliaia di notizie false o volutamente manipolate che finiscono spesso, come ha dimostrato il caso della Brexit, per condizionare pesantemente l'opinione pubblica. Eppure già un secolo fa, all'indomani della Prima Guerra Mondiale, uno degli storici più importanti del Novecento, Marc Bloch, si interrogava su questi fenomeni. Nelle sue "Riflessioni di uno storico sulle false notizie della guerra" (1921), Bloch - in dialogo con "I crimini tedeschi provati con testimonianze tedesche" (1915) di Joseph Bédier - ricostruisce la rete di passaparola fra il fronte, le retrovie e l'opinione pubblica attraverso il caso della cattura di un riservista di Brema, trasformato dalla vox populi in una spia tedesca in incognito in Francia.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2
2018
31 ottobre 2018
87 p., Brossura
9788832823028

Conosci l'autore

Joseph Bédier

(Parigi 1864 - Grand-Serre, Drôme, 1938) filologo francese. Grande studioso di letteratura medievale, successe al maestro G. Paris nell’insegnamento al Collège de France. Il suo primo importante libro riguarda il genere medievale dei Favolelli (Les fabliaux, 1893). Fondamentali sono i suoi studi su Le leggende epiche (Les légendes épiques, 4 voll., 1908-13), di cui puntualizza l’origine dotta, contro le tesi romantiche dell’epopea come espressione dell’animo popolare. Il suo interesse per la letteratura moderna è testimoniato dagli Studi critici (Etudes critiques, 1903), che contengono saggi su Chateaubriand, Chénier, Diderot e Pascal.

Marc Bloch

1886, Lione

Marc Bloch (Lione 1886 - Les Roussilles, Lione, 1944), storico francese, fu docente di storia medievale a Strasburgo e di storia economica alla Sorbona. Con l'amico e collega Lucien Febvre fondò nel 1929 la rivista Annales d'histoire économique et sociale, nella quale si proponeva una ricerca storica della vita sociale avvalendosi dei metodi e dei risultati di discipline collaterali. Combattè  in entrambe le guerre mondiali e fu destituito dal governo Pétain (1942). Divenne uno dei capi della Resistenza, ma fu catturato dai tedeschi, seviziato e fucilato.

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore