Img Top pdp IT book
Salvato in 9 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Torino è casa mia
11,40 € 12,00 €
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+110 punti Effe
-5% 12,00 € 11,40 €
ora non disp. ora non disp.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
11,40 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Torino è casa mia - Giuseppe Culicchia - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Torino è casa mia Giuseppe Culicchia
€ 12,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

"Oltre a essere la mia città, Torino è anche la mia casa. E come ogni casa contiene un ingresso, la stazione di Porta Nuova, una cucina, il mercato di Porta Palazzo, un bagno, il Po, e poi naturalmente il salotto di Piazza San Carlo, e quel terrazzo che è il Parco del Valentino, e il ripostiglio del Balon, e una quantità di altre cose e di altre storie. Aprire questo libro è un po' come entrare in casa nostra. Mia. Vostra."
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

11
2009
5 marzo 2009
IX-175 p., Brossura
9788842088578

Valutazioni e recensioni

4,25/5
Recensioni: 4/5
(4)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(3)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
SILVIA QUARTERO
Recensioni: 4/5

Avevo adocchiato questo libro diverso tempo fa, ma poi ne avevo rimandato l’acquisto a tempi migliori che si sono poi presentati durante un’offerta grazie alla quale ho preso questo libro con lo sconto del 20%. ** IL LIBRO E LE MIE CONSIDERAZIONI ** Il libro comincia con una specie di cronologia di quello che accade nella pianura dove poi sorgerà Torino partendo dalla preistoria fino ad arrivare alla data di pubblicazione del libro e cioè il 2005. Già leggendo questa cronologia si capisce fin da subito cosa ci si può aspettare non solo dal libro in sé ma anche dallo stile di scrittura di Culicchia che riesce a rendere esaltante ogni passaggio e ogni brano. Molto bella la premessa che fa sapere subito al lettore che Culicchia non è un torinese DOC ma che vive in questa città da moltissimi anni, così tanti anni che la riconosce come casa sua, che ne riconosce il fascino e la bellezza e che, con questo libro, vuole quasi scriverle una lettera d’amore. E’ un libro che parla solo della città e che ignora quasi completamente il circondario, ma questa non è sicuramente una pecca visto che non si tratta di una guida turistica (anche se può tranquillamente essere usata anche in questo modo). E’ un romanzo piccolo, che scorre via fluido e che si legge molto volentieri e io, colpevolmente, l’ho letto con molti anni di ritardo e questo un po’ mi spiace per un paio di motivi. Il primo motivo è che è davvero molto bello ed è una lettura piacevole che avrei volentieri condiviso con amici che sono venuti in città e il secondo motivo è che il libro si ferma nel racconto al 2005, poco prima delle Olimpiadi invernali che, un po’, hanno cambiato questa città. Sarei curiosa di leggere un aggiornamento del libro dopo dieci anni dalla sua prima edizione: chissà che questo non avvenga realmente. Siccome Culicchia considera Torino come casa sua e sa che è una casa molto ampia e in grado di ospitare moltissime persone, decide di presentarcela proprio come se fosse una vera e propria casa quindi raccontando luoghi e quartieri partendo dall’ingresso per arrivare alla camera da letto e non tralasciando nemmeno la cantina e il garage. Questo modo di presentare la città rende il libro ancora più leggero e piacevole e crea nel lettore quel senso di vicinanza ad una città che, magari, non conosce. E così, grazie a questa idea, l’autore ci porta in giro per la sua (e la mia) città raccontandoci non solo alcuni tratti caratteristici sia architettonici sia storici, ma anche moltissimi aneddoti che sono poi il sale di una città. Io sono della provincia di Torino quindi non frequento sempre la città soprattutto la sera e, alcuni locali per l’aperitivo o il dopo cena, li conoscevo solo di nome o per sentito dire, ma non li avevo mai frequentati quindi anche per me, leggere questo libro, è stata quasi una scoperta. Devo ammettere anche che Culicchia fa un ottimo lavoro nel riportare e raccontare alcuni luoghi comuni e alcuni stereotipi che spesso vengono associati a questa città e ai suoi abitanti come il fatto di essere un po’ chiusi e taciturni e non aprirsi molto verso gli altri. Il suo modo di raccontarlo è molto divertente e vi assicuro che ci ha preso in pieno perché, in effetti, siamo fatti un po’ così. Il capitolo nel quale viene riportata la descrizione della coda davanti alla Sanpaolo è davvero molto bello e ci si ritrova molto spesso a sorridere. Diciamo che durante la lettura di questo libro si ha spesso il sorriso sul volto, ma nello stesso tempo si riesce a leggere un libro interessante che parla di una città forse un po’ sottovalutata almeno fino alla Olimpiadi invernali del 2006. Mi sento davvero di consigliarne la lettura a tutti, sia a chi abita a Torino perché ritroverà moltissimo della sua città sia per chi non conosce la città e magari ha intenzione di venirci perché troverà ottimi spunti per fare una vacanza un po’ diversa. ** L’AUTORE ** Giuseppe Culicchia è nato a Torino nel 1965 da madre piemontese e padre siciliano, ha sempre vissuto nella città che ci ha raccontato tranne un breve periodo a Londra durante il quale comincia la sua passione per la scrittura. Tornato a Torino, lavora in una libreria e continua a scrivere prima racconti e poi romanzi che vedono le stampe presso diversi editori. E’ un autore molto interessante soprattutto per il suo stile di scrittura quindi consiglio a tutti di leggere almeno un suo libro in modo da capire meglio quello di cui sto parlando. Vi consiglio, ovviamente, il libro che vi ho appena raccontato altrimenti potete anche indirizzarvi su “Tutti giù per terra” da cui è stato tratto anche l’omonimo film oppure “Il paese delle meraviglie”. Vi lascio il link al suo sito internet che vi consiglio di visitare perché è davvero carino e ben fatto: http://www.giuseppeculicchia.it/ Buona lettura a tutti.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Un libro assolutamente piacevole e godibilissimo, che non dovrebbe mancare in nessuna casa torinese. L'autore canta il suo amore per la propria città, stigmatizzandone vizi e manie, sorridendo di alcuni stereotipi e soprattutto mettendone finalmente nero su bianco la grande bellezza. La metafora della casa contribuisce a rendere ancora più forte questo senso di appartenenza, oltre a fornire uno spunto decisamente originale per raccontare le varie parti della città. La migliore risposta a chi ancora crede che Torino sia una grigia città industriale.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 4/5

In questo libro Culicchia descrive Torino, “casa sua”, con questa simpatica, divertente e istruttiva guida: Torino viene presentata come una casa con l’ingresso (Porta Nuova) il corridoio (Via Roma), la cucina (Porta Palazzo), il bagno (il Po), il salotto (Piazza San Carlo), la camera da letto (quartieri dormitori in periferia), lo studio (Palazzo Nuovo), un terrazzo (Parco del Valentino), il ripostiglio (il Balon), la cantina (Via Barbaroux) e il garage (i parcheggi sotterranei). Un libro delizioso per chi vive a Torino, per chi la ama, per chi non c’è mai stato (così viene incuriosito a visitarla) e per chi, soprattutto, ancora crede che Torino sia una città grigia e triste. Un inno alla bellezza di questa città ma dove si raccontano anche le brutture come il Palazzaccio o il carattere non proprio così espansivo e ospitale dei torinesi. Bellissimo!

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4,25/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(3)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Giuseppe Culicchia

1965, Torino

Scrittore italiano. Ormai considerato una delle voci più autentiche della narrativa italiana degli ultimi anni, è stato scoperto da Pier Vittorio Tondelli che aveva pubblicato alcuni suoi racconti nell'antologia Papergang-Under 25. Ispirato da autori come Hemingway, Carver, Bukowski e Bret Easton Ellis, ha esordito nel 1994 con Tutti giù per terra, romanzo che si è rivelato uno dei casi letterari più sorprendenti degli ultimi anni ed è stato vincitore dei Premi Montblanc e Grinzane Cavour. Nel romanzo lo scrittore racconta le vicende di un giovane poco più che ventenne, Walter, che affronta le paure, le incertezze e la fragilità del mondo giovanile nella Torino di fine anni Ottanta con perplessità, disillusione e soprattutto un'irresistibile...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore