Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe top pdp Libri IT
La trionferà - Massimo Zamboni - copertina
La trionferà - Massimo Zamboni - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 64 liste dei desideri
Disponibilità immediata
La trionferà
18,52 €
-5% 19,50 €
18,52 € 19,50 € -5%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,52 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
18,52 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
La trionferà - Massimo Zamboni - copertina
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione

Libro finalista al Premio Napoli. Narrativa 2022

Massimo Zamboni ci accompagna in questo viaggio nel tempo, a partire da quella piccola Pietroburgo nostrana dove ancora oggi campeggia il busto di Lenin, facendoci precipitare in un'epoca in cui tutto sembrava possibile, persino la rivoluzione.

«E se non saremo noi a vederla trionfare, e se non sarà da noi e avrà altri nomi forse, altri modi, chissà dove, duecento, trecento, mille anni, vedrete: la trionferà.»


Essere comunisti a Cavriago voleva dire usare testa e mani per costruire tutti assieme il proprio cinema, la propria balera, il proprio futuro, in nome dell'emancipazione dell'umanità. Ma anche spedire un telegramma a Lenin e nominarlo sindaco onorario, scontrarsi coi cattolici per il film su Peppone e don Camillo, disperarsi per la morte di Stalin, servire lambrusco e rane fritte alla festa dell'Unità. Essere comunisti era prima di tutto un sentimento: sapere di essere dalla parte giusta del mondo. Massimo Zamboni ci accompagna in questo viaggio nel tempo, a partire da quella piccola Pietroburgo nostrana dove ancora oggi campeggia il busto di Lenin, facendoci precipitare in un'epoca in cui tutto sembrava possibile, persino la rivoluzione.

«E se non saremo noi a vederla trionfare, e se non sarà da noi e avrà altri nomi forse, altri modi, chissà dove, duecento, trecento, mille anni, vedrete: la trionferà.»

Attraverso la storia incredibile di una terra dove la fedeltà al Partito era sacra e il vento dalla Russia soffiava forte, Massimo Zamboni fa i conti con la grande utopia del Novecento in modo davvero originale: al centro di questo appassionato racconto corale, ci sono l'Emilia e la cittadina di Cavriago, e le peripezie dei suoi abitanti. Quando nel 1919 spedirono un telegramma di solidarietà alla Russia rivoluzionaria e qualche mese dopo, nel giorno della fondazione dell'Internazionale comunista, Lenin nel suo discorso lodò il coraggio di «quell'angolino sperduto», che aveva cercato invano sulla carta geografica. O quando parteciparono alla «conferenza del secolo» al teatro di Reggio Emilia: un dibattito sull'opportunità di concedere l'autorizzazione alle riprese del film su Peppone e don Camillo. O quando, nel 1970, inaugurarono con «un brivido di commozione» il busto di Lenin nella piazza del paese, davanti a una delegazione ufficiale del Pcus. Per poi saltare fuori dai loro letti caldi a montare la guardia al monumento di bronzo minacciato da qualche tentativo di decapitazione. Sognatori e realisti, gente con la testa dura e un senso fortissimo di fratellanza, i protagonisti di questa storia sono donne e uomini dall'inesausta passione politica, cittadini del grande mondo, nelle cui vicende c'è tutta la forza e la persistenza, infine la nostalgia, di quello slancio ideale, folle e meraviglioso che li faceva sentire di essere dalla parte giusta. Con «una dose di commozione, una di sarcasmo, una di pratico ed emiliano senso di disincanto», Massimo Zamboni ha spesso scritto e cantato la dissoluzione di quel tempo, ma qui ce lo spalanca di fronte agli occhi intatto e pieno di vita, di rabbia e struggimento, regalandoci l'epica di una memoria da cui ripartire, l'epica di una terra dove la bandiera rossa sventolava piú in alto di tutti.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2021
18 maggio 2021
180 p., Rilegato
9788806249380

Parola di Librai

Videoconsigli di lettura da chi ha voce in capitolo

Valutazioni e recensioni

Giuseppe
Recensioni: 3/5
da Cavriago a Mosca

Primo libro letto della terzina finalista del Premio Napoli 2022 😄 ho voluto iniziare dal libro di cui sapevo meno, ragion per cui la scelta è caduta su "La Trionferà" di Massimo Zamboni, già membro del gruppo punk rock CCCP. • "La trionferà" non è che un viaggio nel tempo, dagli albori del socialismo e del comunismo in Russia fino ai giorni nostri, vissuti però nel comune di Cavriago, il "comune più rosso" dell'Emilia rossa, dove alle elezioni i voti per il partito comunista raggiungevano vette quasi plebiscitarie, tali da attirare anche le attenzioni di Lenin, che risponderà a una missiva dei politici del tempo. Vedremo poi cosa succede nel corso della Storia con l'affermarsi del fascismo e le azioni di repressione somministrate in maniera barbara dal regime, vedremo il comune nel dopoguerra dare in escandesceze per le riprese del film "Don Camillo", reo di dare un'immagine stereotipata del partito... Zamboni racconterà poi con le sue memorie dirette l'affermarsi e i contrasti del gruppo rock di cui era parte, e racconterà degli effetti del rompersi del sogno comunista con la caduta del muro di Berlino... • Un'opera, questa, che è un atto d'amore irriducibile, solido nel tempo pur subendone le intemperie: sempre "Fedele Alla Linea", come si trova sulle copertine dei dischi della band emiliana. Un atto d'amore verso l'ideale e verso il paese, ancorato candidamente alle mire più nobili del partito, ma che ha dovuto anche fare i conti con chi questi sogni li ha prima vilipesi e poi infranti (la Russia di Stalin in primo luogo).

Leggi di più Leggi di meno
Ivan Gianesini
Recensioni: 5/5
Splendido

Per chi vuole capire come una piccola cittadina ai confini di Reggio possa essere stata, nel novecento abbondante, una "roccaforte" di tutte le tipicità dell'Emilia Rossa, questo è IL libro da leggere. Cavriago, la cittadina in questione, è stata una perla riconosciuta ufficialmente dall'URSS. Un libro da non perdere per le persone che amano la storia della politica italiana applicata al territorio; mai noioso nè ripetitivo. Bravo Zamboni. Lo consiglio caldamente.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Massimo Zamboni

1957, Reggio Emilia

Massimo Zamboni è nato a Reggio nell'Emilia nel 1957. È musicista, cantautore e scrittore. È stato chitarrista e compositore del gruppo punk rock italiano Cccp e dei Csi, prima di intraprendere una carriera da solista. Ha pubblicato Il mio primo dopoguerra. Cronache sulle macerie: Berlino Ovest, Beirut, Mostar, (2005) Emilia parabolica. Qua una volta era tutto mare (2002), In Mongolia in Retromarcia (2009), Prove tecniche di resurrezione (2011) L'eco di uno sparo (2015), Anime galleggianti. Dalla pianura al mare tagliando per i campi (La nave di Teseo, 2016), insieme con Vasco Brondi e La trionferà (Einaudi 2021).

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore