Img Top pdp IT book
Salvato in 86 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Una barca nel bosco
9,60 € 12,00 €
;
LIBRO
Venditore: laFeltrinelli
+100 punti Effe
-20% 12,00 € 9,60 €
disp. immediata disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,60 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
9,60 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Una barca nel bosco - Paola Mastrocola - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Una barca nel bosco Paola Mastrocola
€ 12,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Vincitore premio Campiello 2004

Gaspare Torrente, figlio di un pescatore e aspirante latinista, approda a Torino da una piccola isola del Sud Italia. Un ragazzo come lui, che a tredici anni traduce Orazio e legge Verlaine, deve volare alto, fare il liceo e scordarsi il piccolo mondo senza tempo della propria infanzia. Ma la scuola superiore tradisce le sue aspettative: si trova alle prese con programmi flessibili, insegnanti incapaci e compagni "alla moda". Si sente sempre fuori tempo, fuori posto, come una barca nel bosco. E anche l'università, qualche anno dopo, non è da meno. Ma proprio quando tutto sembrerebbe perduto, la vita gli regala una svolta sbalorditiva, un riscatto etico ed estetico nei confronti di una società che riconosce solo i gregari e di un sistema scolastico che si rivela inadeguato a coltivare un talento.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2016
Tascabile
4 febbraio 2016
257 p., Brossura
9788823515314

Valutazioni e recensioni

3,33/5
Recensioni: 3/5
(3)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(1)
1
(0)
Recensioni: 3/5

Da tempo ero curiosa di leggere"Una barca nel bosco",romanzo che è fra i consigliati come libro di narrativa nelle scuole.Infatti,il romanzo della collega P.M.è incentrato sulla scuola e,attraverso il comportamento del protagonista Gaspare Torrente,l'autrice lo sviscera,ma forse accentuando gli aspetti negativi della scuola italiana.E'vero che ce ne sono,ma è anche vero che la scuola è fatta dagli alunni e il contesto socio-culturale nei licei"bene"è quello con il quale Gaspare Torrente si trova-necessariamente-a fare i conti.Lui è figlio di pescatore,e si vergogna di esserlo così come si vergogna della gastronomia avviata dalla mamma per permettergli di studiare,di potersi iscrivere all'università.Gaspare si sente"una barca nel bosco"quando arriva a Torino,ma con il passare degli anni si crogiola nel suo essere"barca nel bosco".Il bosco che si crea nella sua casa è bello,ma è una fuga dal mondo che richiede grinta,tenacia e volontà.Gaspare ama il latino,ma solo quello:o fa il latinista o niente.Ha talento, ma questo va coltivato.Il latino per lui era un talento,ma che doveva essere contestualizzato nella vita reale.Il suo docente di latino a scuola,forse,questo gli aveva far voluto capire:tradurre è un bell'esercizio,ma smettere un attimo di tradurre per socializzare e vivere la vita è un modo per crescere ed affrontare il mondo.Gaspare non è disposto a voler crescere veramente,a volersi mettere in discussione:dalla scuola lui voleva solo concetti e studio.Ma la scuola era il mondo dove Gaspare avrebbe dovuto imparare a fronteggiare gli ostacoli incarnati da compagni ricchi o strani o superficiali. Gaspare, però, con gli anni continua voler vivere nel suo bosco fino a farlo diventare reale e, in fin dei conti, continua vergognarsi delle sue radici.Gli è più comodo credere che il suo destino era quello di pescatore perché suo padre lo era, così come quello di Furio era diventare ingegnere come il padre.

Leggi di più Leggi di meno
Jessica Piccioni
Recensioni: 2/5

Avevo questo libro chiuso nello scaffale tra gli altri da molti anni, avevo già provato a leggerlo una volta senza finirlo per la grande noia che mi aveva dato. Ho provato a rileggerlo nuovamente un mese fa e il risultato non è cambiato. Troppo frivolo, tutto incentrato sul bisogno di apparire e farsi piacere per forza agli altri, e l'autrice non entra nel dettaglio spiegando come mai il protagonista abbia questo bisogno di farsi accettare dagli altri. Il finale mi ha lasciata spiazzata, in senso negativo purtroppo.

Leggi di più Leggi di meno
Recensioni: 5/5

Figlio di un pescatore e aspirante latinista, Gaspare Torrente approda a Torino da una piccola isola del sud Italia. Un ragazzo intelligente come lui non è fatto per restare su un’isoletta e vivere nell’ignoranza; un ragazzo come lui è fatto per studiare e volare in alto. Le aspettative di Gaspare riguardo il liceo sono molto alte, ma vengono presto tradite. Si ritrova faccia a faccia con programmi scolastici troppo snelli e lenti, professori incapaci e compagni che basano la loro vita sull’ apparenza. Sarebbe come per un animale domestico, viziato dal suo padrone, ritrovarsi nella giungla più selvaggia. Allo stesso modo Gaspare si sente fuori tempo, fuori posto, come una barca nel bosco. Cerca di adattarsi alla situazione e agli occhi della madre, che ha fatto tanti sacrifici per i suoi studi, il suo cambiamento sembra quasi un’ eresia. La realtà universitaria non si rivela poi diversa, tant’ è che Gaspare decide di abbandonare il suo sogno di diventare latinista e “seguire la corrente”. La nostra società però non segue la meritocrazia: è una società malata, che non da la possibilità di esprimersi, anzi costringe ad omologarsi. Una denuncia contro una società corrotta, malata e omologata. Questo libro però è anche speranza: ci stimola a far germogliare i nostri sogni e allo stesso modo, nel vero senso del termine, germoglieranno i sogni di Gaspare. Un libro da leggere, un must per chi come Gaspare si sente fuori posto, come una barca nel bosco.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,33/5
Recensioni: 3/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(1)
2
(1)
1
(0)

Conosci l'autore

Paola Mastrocola

1956, Torino

Risiede a Torino. Laureata in lettere ha insegnato Letteratura italiana all'Università di Uppsala in Svezia, docente poi presso il liceo scientifico di Chieri (Torino). Fino al 1999 ha pubblicato poesie e saggi sulla letteratura del Trecento e Cinquecento. Ha inoltre pubblicato raccolte di poesie, La fucina di quale Dio, Genesi 1991, e Stupefatti, Caramanica 1999. Ha ripreso questa produzione letteraria nel 2010 con la raccolta La felicità del galleggiante (Guanda).Dal 2000, presso Guanda ha pubblicato alcuni romanzi, vincitori di numerosi premi letterari: Premio Italo Calvino per l'inedito 1999 per La gallina volante; Premio Selezione Campiello 2000 per La gallina volante; Premio Rapallo-Carige per la donna Scrittrice 2001 per La gallina volante; Finalista al premio Strega 2001...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore