Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Offerta imperdibile
C'è un cadavere al Bioparco - Walter Veltroni - copertina
C'è un cadavere al Bioparco - Walter Veltroni - copertina
Dati e Statistiche
Fuori di libri Post sulla Community Fuori di libri
Wishlist Salvato in 60 liste dei desideri
Disponibilità immediata
C'è un cadavere al Bioparco
13,30 €
-5% 14,00 €
13,30 € 14,00 € -5%
Disp. immediata
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bibliotecario
13,30 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCASIONI SICURE
13,30 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
IL PAPIRO
14,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
13,30 €
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
Bibliotecario
13,30 € + 4,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
OCCASIONI SICURE
13,30 € + 5,49 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Nuovo
IL PAPIRO
14,00 € + 7,00 € Spedizione
disponibile in 2 gg lavorativi disponibile in 2 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
C'è un cadavere al Bioparco - Walter Veltroni - copertina
Chiudi

Descrizione


Una nuova indagine, particolarmente insidiosa, dà del filo da torcere al commissario Giovanni Buonvino e alla scalcinata squadra di Villa Borghese. Stavolta le spire di un serpente stringono il lettore in un giallo dal delizioso sapore classico e ricco di colpi di scena.

«Eccolo, il cadavere. O quello che ne restava. Si trovava nel posto più strano che potessero immaginare. Non schiacciato dalla zampa di un elefante, non sbranato da un leone o calpestato da un ippopotamo. No. Era nel rettilario. Più precisamente nella teca dove d'abitudine stazionava l'anaconda verde del Sud America.»

Dopo la felice soluzione del caso del bambino scomparso, il commissario Buonvino si gode la quiete ritrovata del parco di Villa Borghese e le gioie dell'amore. Ma è una tregua di breve durata. Il ritrovamento di un cadavere nel rettilario del Bioparco, il giardino zoologico della capitale ospitato all'interno della Villa, rappresenta una brutta gatta da pelare per Buonvino, che si dà il caso sia erpetofobico, provando un terrore atavico per qualsiasi tipo di rettile. Come ci è finito il corpo di un uomo nudo dentro la teca dell'anaconda? E come ci è finita nella pancia del gigantesco serpente la testa del suddetto? Sono solo alcuni degli interrogativi senza risposta tra i quali il commissario e i suoi impavidi quanto scombinati agenti si barcamenano nel tentativo di risolvere quello che si presenta come un vero e proprio rompicapo. Quasi ci trovassimo nel più classico dei gialli di Agatha Christie, Buonvino dovrà dar fondo a tutto il suo acume e alle sue capacità deduttive per sbrogliare i fili di un'indagine in cui gli indizi scarseggiano e i sospettati abbondano, e smascherare finalmente il colpevole.

Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2021
7 ottobre 2021
224 p., Brossura
9788829708772

Valutazioni e recensioni

Francesco77
Recensioni: 5/5
Godibile

Molto ben scritto....un giallo godibile come un romanzo. Non tiene con il fiato sospeso ma strappa al lettore qualche sorriso. I personaggi sono ben definiti. Sarebbe in buon soggetto per una serie tv

Leggi di più Leggi di meno
_simo_
Recensioni: 3/5
una storia interessante rovinata dallo stile narrativo di Veltroni

Terzo libro della serie con protagonista il commissario Buonvino creato dalla penna di Walter Veltroni che tuttavia continua a non convincermi assolutamente. Una storia interessante rovinata dallo stile narrativo che non ho apprezzato tanto quanto le descrizioni dei personaggi, che probabilmente potrebbero essere spunto per una serie televisiva con protagonisti molto macchietta e un mondo abbastanza lontano dalla realtà. Continua a disturbarmi il linguaggio utilizzato, spesso inutilmente forbito vista l'ambientazione poliziesca e il genere giallo, e le troppe digressioni e citazioni immotivate: il desiderio di ostentare erudizione e cultura da parte di Veltroni senza che ciò sia funzionale al racconto. Premio tuttavia l’originalità del caso. Finale troppo affrettato.

Leggi di più Leggi di meno
I_Libro_Compulsivi
Recensioni: 3/5
Simpatico e leggero

Negli ultimi tempi, concludo l'anno leggendo sempre i gialli di Walter Veltroni: romanzi leggeri infarciti di citazioni cinematografiche, calcistiche e musicali ben note all'autore, che cerca, forse, di imitare i Bastardi di Pizzofalcone di De Giovanni in chiave romana. Dopo il primo, incentrato sulla presentzione degli elementi della scombinata squadra nata per dirigere il distretto di Villa Borghese, i romanzi sccessivi diventano più seri e incentrati sull'indagini, sempre molto particolari per quanto riguarda gli efferati omicidi: Bonvino, descritto come il Hugh Grant della polizia romana, vive i suoi momenti più belli da quando è nel corpo di polizia: ha una nuova donna al suo fianco, ha risolto casi complessi e la sua squadra è diventata affiaatata e molto scrupolosa nel cercare gli indizi. Il romanzo è bello, ma sinceramente non ne comprendo il finale scelto dall'autore di questo specifico libro.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(3)
4
(0)
3
(3)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

Walter Veltroni

1955, Roma

Figlio di Vittorio, dirigente della Rai, morto quando Walter aveva un anno. Si diploma presso l'Istituto di studi cinematografici e televisivi e si iscrive giovanissimo al Pci, ne diventa, solo ventunenne, consigliere comunale a Roma, carica che manterrà fino al 1981. Nell'87 entra come deputato in Parlamento. Favorevole alla svolta della Bolognina, è stato direttore dell'Unità. Nel 1996 condivise la leadership dell'Univo con Prodi e, vinte le elezioni, venne nominato vicepresidente del Consiglio e Ministro per i beni culturali. Nel 2001 viene eletto sindaco di Roma, carica che gli verrà riconfermata nel 2006 con il 61,5 % dei voti favorevoli. Nel 2007 entra nel Comitato Nazionale del neonato Partito Democratico e dichiara di non...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Inserisci la tua mail

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore